Maranello Rosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maranello Rosso
Ubicazione
StatoSan Marino San Marino
LocalitàFalciano
IndirizzoStrada dei Censiti n. 21
Caratteristiche
TipoSport, arte, automobilismo, musei, storia
Apertura1989
Chiusura2014
Sito web

Maranello Rosso è stato un museo automobilistico di San Marino.

Fondato nel 1989 dall'imprenditore romano Fabrizio Violati, quale museo dedicato alle vetture Ferrari, la collezione è stata arricchita, nel 2000, con 40 modelli di produzione Abarth.

Struttura e temi trattati[modifica | modifica wikitesto]

La sua sede di circa 3000 m2 comprendeva le aree espositive Ferrari ed Abarth, oltre alla sala congressi ed alla zona di vendita dei gadget.

I temi portanti della esposizione erano lo stile, l'evoluzione della tecnica e la storia di vari protagonisti nel campo dell'automobilismo sportivo.

Nel luglio 2014 una parte della collezione comprendente 10 Ferrari, inclusa la 250 GTO del 1962 è stata messa in vendita tramite la casa d'aste Bonhams[1].

Sezione Ferrari[modifica | modifica wikitesto]

Vetture Ferrari

Il Museo Ferrari ospitava 25 automobili storiche della marca, tra cui la Ferrari 250 "Spyder Pinfarina" appartenuta a Marilyn Monroe, una 250 GTO del 1962 e una vettura da Formula 1 condotta da Gilles Villeneuve.

Inoltre era possibile visitare una rassegna monografica e antologica sulle origini, lo sviluppo e l'evoluzione tecnico-stilistica delle auto Ferrari e della storia del marchio del Cavallino Rampante che la Maranello Rosso dedicava alla vita ed al lavoro di Enzo Ferrari.

Sezione Abarth[modifica | modifica wikitesto]

Vetture Abarth

Il Museo Abarth ripercorreva la storia dell'Abarth, dei suoi fondatori Carlo Abarth e Guido Scagliarini, oltre che del padre di quest'ultimo, Armando Scagliarini, finanziatore del progetto.

Erano custodite 40 vetture dei tipi Competizione, GT, Sport, Prototipi, Formula e Rally; dalla 1000 Record Monza bialbero, detentrice del Record Mondiale sulle 72 ore, alla "131" vincitrice del Campionato Mondiale Rally.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]