Ferrari 275 GTB

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrari 275 GTB
1967 Ferrari 275 GTB rosso.jpg
Una Ferrari 275 GTB/4 del 1967
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Tipo principale Berlinetta
Altre versioni Spyder
Produzione dal 1964 al 1968
Sostituisce la Ferrari 250 GTO
Sostituita da Ferrari 365 GTB/4
Esemplari prodotti 780 circa
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.369 mm
Larghezza 1.702 mm
Altezza 1.232 mm
Passo 2.400 mm
Massa 1.098 kg
Altro
Stile Pininfarina
1965 Ferrari 275 GTS - blue - fvr.jpg
Ferrari 275 GTS

La Ferrari 275 GTB è una berlinetta prodotta dalla Ferrari (da cui la B nella sigla) ed è stata presentata per la prima volta nel 1964 al Salone dell'automobile di Parigi, insieme alla versione spyder denominata Ferrari 275 GTS. Quest'ultima si differenzia per il disegno della carrozzeria, privo, fra l'altro, dei fari carenati. La GTB aveva linee tese e slanciate, con particolari che ricordavano il mondo delle corse come le famose prese d'aria laterali, la coda tronca ed i fari carenati. Su commissione della NART di Luigi Chinetti vennero costruite, tra il 1966 e il 1967, dieci vetture in versione spider ma con carrozzeria identica alla berlinetta GTB/4, salvo ovviamente per quanto riguardava il tettuccio in tela, le 275 GTB/4 Spyder N.A.R.T.

Fu anche preparata una versione per le competizioni, la 275 GTB/C Competizione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Ferrari 275 GTB nacque nel 1964 come erede delle "piccole" Ferrari 250, rispetto ad esse però assumeva caratteristiche tecniche innovative. Su tutte le 275 vennero adottate, per la prima volta su una GT Ferrari, le sospensioni a 4 ruote indipendenti e il cambio a 5 marce; sulle ultime 275 prodotte venne inoltre adottata anche la distribuzione bialbero.

Tutte queste importanti migliorie tecniche furono introdotte anche in risposta alla neonata Lamborghini che con la 350 GTV le aveva portate per prima sulle GT di serie.

La 275 GTB venne "vestita" magistralmente da Pininfarina che disegnò una filante carrozzeria aerodinamica coupè. Questa carrozzeria era sostenuta da un telaio a longheroni tubolari a sezione ovale in acciaio con estensioni tubolari diagonali. La vettura aveva un lungo cofano che sottolineava il v12 di Maranello, che poteva raffreddarsi meglio grazie alla rinnovata griglia frontale e alle 4 "branchie" sui parafanghi anteriori. I fanali anteriori erano carenati. Il muscoloso abitacolo era tutto spostato verso la parte posteriore, che aveva uno spoiler molto pronunciato che aiutava il funzionamento della coda Kamm. Sul montante posteriore erano presenti altre 3 "branchie" per l'aria viziata che usciva dall'abitacolo. Le berlinette erano assemblate dalla carrozzeria Scaglietti di Modena e poteva essere o in acciaio con parti mobili in alluminio, o interamente in alluminio. Le GTS invece venivano allestite direttamente a Torino dalla Pininfarina stessa.

Gli interni erano in pelle con un completissimo cruscotto (tachimetro, contagiri, temperatura dell'olio, pressione dell'olio, indicatore del livello carburante, orologio analogico, temperatura dell'acqua e amperometro), volante in legno, griglia selettrice in alluminio, posacenere e soglie battitacco in alluminio. Curiosa la posizione della leva del freno a mano a lato davanti alla leva del cambio.

Sul piano meccanico si manteneva il V12 in lega progettato da Gioacchino Colombo con l'alesaggio aumentato per raggiungere la cilindrata unitaria di 275 cm3 e quella totale attorno ai 3,3 litri. Alimentato da 3 carburatori Weber doppio corpo sviluppava 280 CV a 7600 giri/min; da 6 Weber doppio corpo 300 CV a 7500 giri/min. Questa è sia l'ultima Ferrari con distribuzione monoalbero che la prima con distribuzione bialbero, versione GTB/4 del 1966. Il telaio era formato da un traliccio di tubi in acciaio speciale 596. Le sospensioni erano, novità assoluta sulle GT Ferrari, a quattro ruote indipendenti, con schema a quadrilateri deformabili su tutte le ruote e barre antirollio anteriori e posteriori. I freni erano a disco Dunlop sulle 4 ruote con servofreno. La novità più grande era un cambio a 5 marce completamente nuovo e costruito interamente in Ferrari, posto sopra l'asse posteriore, in blocco col differenziale, secondo lo schema Transaxle. Lo sterzo era a vite e rullo. Calzava cerchi in lega leggera anche se poteva avere cerchi a raggi Borrani da "15.

Tutto questo la rendeva molto maneggevole e veloce, tuttavia le sue prestazioni erano penalizzate dal peso e dai freni, a disco ma troppo piccoli e poco resistenti al fading.

Serie e versioni[modifica | modifica wikitesto]

Le Ferrari 275 GTB furono prodotte in diverse serie: 240 "prima serie" circa, 4 "Prototipo Competizione", 200 "muso lungo" circa, 12 "seconda serie", 320 "GTB/4" e 10 Spider N.A.R.T. su base GTB/4.

La maggior parte delle 275 GTB "prima serie", prodotte tra il 1964 e la fine del 1965, aveva 3 carburatori, ruote in lega, carrozzeria in acciaio, serbatoio centrale, e carter umido anche se alcune ebbero il carter secco o la carrozzeria in alluminio, tutto ciò rientra nella normale politica di personalizzazione di una Ferrari.

Una Ferrari 275 GTB del 1965

La modifica meccanica più importante fu l'adozione di un tubo che univa solidamente motore e cambio attraverso cui passava l'albero di trasmissione, ciò aumentava la rigidità torsionale riduceva le vibrazioni aumentando notevolmente il confort di marcia. Le "muso lungo" furono prodotte dal dicembre 1965 con lunotto più grande, cofano bagagli più ampio e con cerniere esterne, serbatoio sdoppiato, gocciolatoi sui finestrini, e, appunto, muso lungo, studiato per aumentare la deportanza della parte anteriore che sulle "muso corto" si sollevava a circa 160 Km/h.

Le 12 vetture "seconda serie" furono delle monoalbero allestite corsa con carter secco e 6 carburatori e carrozzerie che anticipavano i dettagli tipici della successiva "GTB/4".

Nel 1966, sempre al Salone di Parigi, viene presentata una versione con 4 alberi a camme, chiamata GTB/4. La GTB/4 si distingue facilmente per il rigonfiamento presente sul cofano motore. Inoltre venne adottato un differenziale ZF a scorrimento limitato. Il nuovo layout delle camme non incrementò tanto la potenza massima, sempre 300 CV ma a 8000 giri/min., quanto l'erogazione della potenza. Adesso il motore era molto più reattivo e pronto dai 5000 giri in su.

La testa a 4 camme era derivata da un progetto destinato ad una Sport del 1957. Il progetto venne abbandonato per essere ripreso per la GTB/4. Né i passaggi di acqua e olio, né i fori per i prigionieri dovettero essere adattati, andavano già bene. La catena di distribuzione venne fatta passare su pignoni posti davanti alle teste, mantenendo lo stesso schema a 3 catene della monoalbero, il moto veniva "diviso" nei due alberi a camme da un semplice ingranaggio ausiliario.

Versioni "speciali"[modifica | modifica wikitesto]

La 275 GTB/C "Competizione"[modifica | modifica wikitesto]

Una Ferrari 275 GTB/C

Nel 1965 fu preparata dalla Ferrari una versione da corsa del modello, la 275 GTB Competizione, che aveva il difficile compito di sostituire la vincente 250 GTO, ormai al limite dello sviluppo, nelle gare dell'International Championship for GT Manufacturers, riservate alle Gran Turismo e dove infieriva la guerra Cobra-Ferrari. Gli esemplari Competizione furono soltanto 4, quelli allestiti fuori produzione dalla Ferrari stessa e che vennero omologati nella categoria "Prototipo" per la quantità di modifiche apportate. Tutt'oggi alcuni esemplari "di serie" vengono definiti impropriamente "Competizione" solo per esser stati utilizzati da alcuni Gentleman-driver e avere quindi alcune caratteristiche apportate alle "Competizione" allestite dalla Casa. Infatti i motori montati negli esemplari "Clienti" avevano da 275 a 300cv e da 3 a 6 carburatori a seconda del livello di elaborazione e dell'anno di allestimento a differenza degli esemplari "Casa", tutti con 350cv[1].

Queste modifiche prevedevano la carrozzeria abbassata in alluminio con bocchettone per il rifornimento esterno, parafanghi allargati per ospitare pneumatici maggiorati, "branchie" anche per i parafanghi posteriori, presa d'aria sul cofano, telaio con tubi più sottili, interni alleggeriti, motori con particolari in magnesio, 6 carburatori Weber doppio corpo, il rapporto di compressione elevato a 9:8 1 invece di 9,2:1 della versione stradale, cerchi a raggi Borrani da "15 e finestrini in Plexiglass.

Nel corso della sua carriera sportiva tale vettura ottenne numerosi successi. Primi fra tutti quelli di classe conseguiti alla 24 Ore di Le Mans, gara vinta tre volte di fila nel 1965, 1966 e 1967. Inoltre trionfò nella sua classe alla 24 Ore di Daytona del 1969 e fu in grado di conquistare titoli di classe nelle classiche dalla durata di 1000 km come Monza (1966, 1967), Spa-Francorchamps (1969) e Nurburgring (1966)[1].

La 275 GTB/4 Spider N.A.R.T.[modifica | modifica wikitesto]

Una delle 10 Ferrari 275 GTB/4 Spyder N.A.R.T.

Nel 1967 l'imprenditore, ex-pilota e responsabile del N.A.R.T., o North American Racing Team, Luigi Chinetti chiese a Enzo Ferrari la costruzione in piccola serie di 25 GTB/4 Spider per i suoi clienti più importanti. Eccezionalmente la Ferrari acconsentì alla produzione ma dalle sue officine uscirono solamente 10 esemplari di Ferrari 275 GTB/4 Spider NART. Di queste 9 attraversarono l'atlantico e solo 1 rimase in Europa. La Spider NART manteneva l'autotelaio della 275 GTB/4 con potenza ridotta a 260cv e la linea muscolosa, salvo per il tettuccio morbido ripiegabile. L'autotelaio 275 a 4 alberi a camme e la linea mozzafiato unite alla rarità del modello la rendono una delle auto più desiderabili al mondo, tant'è che proprio una di queste Spider NART si è dimostrata l'auto più cara di sempre. Luigi Chinetti vendette direttamente questi 9 esemplari a personalità illustri e suoi clienti affezionati, tra cui Steve McQueen e Eddie Smith. Proprio la Ferrari 275 GTB/4 Spider NART #8 di Eddie Smith è stata venduta all'asta per beneficenza nel 2013 per la cifra record di 27.5 milioni di dollari all'imprenditore Lawrence Stroll, che negli anni '90 lanciò su scala mondiale il marchio Tommy Hilfiger. Questo prezzo venne raggiunto sia per le ottime condizioni di originalità, sempre del primo proprietario fino alla sua scomparsa, che per la rarità del modello e anche per lo scopo benefico dell'asta. Ciò la rese l'auto più cara di sempre.

Steve McQueen e le Ferrari 275 GTB/4[modifica | modifica wikitesto]

L'attore (e pilota) americano Steve McQueen ha posseduto ben 2 Ferrari 275 GTB, una Spider Nart e una "comune" GTB/4 del 1967.

La prima vettura non è molto fortunata e finisce distrutta, pochi giorni dopo averla ritirata, a causa di un tamponamento subito da McQueen durante la lavorazione del film "Il caso Thomas Crown". Così McQueen decide di sostituirla con una nuova 275 GTB/4, più precisamente la #269 prodotta, numero di telaio #10621, numero motore #226 con carrozzeria Scaglietti #A0278. La macchina viene consegnata al concessionario Hollywood Sports Car color Nocciola con interni neri ed è lì che Steve McQueen l'acquista verso la fine del 1967.

Tuttavia egli non è soddisfatto né del colore della carrozzeria, né di quello degli interni, così la porta nell'officina dell'amico Lee Brown per farla personalizzare. In poco tempo la vettura viene riverniciata di Rosso Chianti e le vengono aggiunti uno specchietto retrovisore aerodinamico e un'antenna elettrica insieme ai cerchi a raggi Borrani recuperati dalla Spider NART. Così modificata rimane di Steve McQueen per ben 5 anni, a testimonianza di ciò esistono numerose foto che lo ritraggono di fianco alla vettura sui set dei suoi film più famosi, come "Bullitt".

Dopo McQueen la vettura viene venduta ad un altro attore, che la vende. Poco dopo viene incidentata e abbandonata in un magazzino danneggiata nella parte posteriore, finché nel 1980 viene convertita in spider a seguito di un incidente. Rimane con lo stesso proprietario fino al 2000. Da qui passa di mano in mano e solo nel 2012 col restauro integrale eseguito da Ferrari Classiche l'auto ha ritrovato il tetto e un allestimento identico a quello con cui veniva guidata quotidianamente da Steve McQueen negli anni '60.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Ferrari 275 GTB
Paris - Retromobile 2014 - Ferrari 275-4 GTB Berlinetta - 1967 - 001.jpg
Configurazione
Carrozzeria: coupé 2 porte, saldata e imbullonata al telaio Posizione motore: anteriore longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4410 × 1725 × 1200 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2400 mm Carreggiate: anteriore 1400 - posteriore 1420 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 2 Bagagliaio: Serbatoio: sdoppiato, 94 l
Masse a vuoto: 1050 kg / rimorchiabile: auto non adatta al rimorchio kg
Meccanica
Tipo motore: V12 di 60°, testate e basamento in lega leggera, albero a gomiti su 7 supporti Cilindrata: (77 x 58,8 mm) 273,81 - 3.285,73 cm3 cm³
Distribuzione: 2 valvole per cilindro, 1 albero a camme in testa per bancata (GTB e GTS); 2 alberi a camme in testa per bancata (GTB/4) Alimentazione: 3 carburatori Weber 40 DCZ/6 (GTB/GTS) oppure 6 carburatori 40DCN3 (solo per la GTB); 6 carburatori 40DCN (GTB/4)
Prestazioni motore Potenza: 280 CV a 7600 giri/min (la GTB con 3 carburatori); 260 CV a 7000 giri/min (la GTS con 3 carburatori); 300 CV a 7500 giri/min (la GTB con 6 carburatori); 300 CV a 8000 giri/min (la GTB/4) / Coppia: 30Kgm a 6000 giri/min (la GTB con 3 carburatori); 32 Kgm a 6200 giri/min (la GTB con 6 carburatori e la GTB/4)
Accensione: singola, 2 bobine con 2 spinterogeni (1 coppia per bancata) Impianto elettrico: 12V
Frizione: monodisco a secco, molla a diaframma Cambio: a cinque marce ̟ RM, montato al posteriore in blocco col differenziale (schema Transaxle)
Telaio
Corpo vettura a longheroni tubolari a sezione ovale con estensioni laterali tubolari a traversa e crociere diagonali con carrozzeria in acciaio/alluminio o alluminio saldata e imbullonata
Sterzo a vite e rullo
Sospensioni anteriori: ruote indipendenti, quadrilateri deformabili, ammortizzatori idraulici telescopici Koni con molle elicoidali / posteriori: ruote indipendenti, quadrilateri deformabili, ammortizzatori idraulici telescopici Koni con molle elicoidali montati sopra al braccio oscillante superiore
Freni anteriori: a disco Dunlop / posteriori: a disco Dunlop, con servofreno
Pneumatici 205VR14 Pirelli Cinturato o XWW 205-14 Michelin / Cerchi: in lega 650 X 14 o 700 X 14 o a raggi Borrani 650 X 15
Prestazioni dichiarate
Velocità: 250 km/h (la GTB con 3 carburatori); 257 km/h (la GTB con 6 carburatori); 245 km/h (la GTS con 3 carburatori); 268 km/h (la GTB/4) km/h Accelerazione: 0-100 km/h: 7,00s Km da fermo 25,40s
Consumi 21.7 l/100Km

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dal sito ufficiale Ferrari – Specifiche tecniche della 275 GTB Competizione, ferrari.com. URL consultato il 29-05-2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]