Ferrari 195 S

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrari 195 S
Ferrari195Touring1950.jpg
Ferrari 195 S
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Tipo principale Berlinetta
Altre versioni Spider
Produzione dal 1950 al 1951
Sostituisce la Ferrari 166 MM
Sostituita da Ferrari 212 Export
Esemplari prodotti 46[senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Passo 2250 mm
Massa 720 - 780 kg
Altro
Stessa famiglia Ferrari 195 Inter

La 195 S è una autovettura da competizione che fu presentata dalla Ferrari il 2 aprile 1950, per il Giro di Sicilia, che annunciava, come di consueto, l'inizio delle competizioni riservate alle vetture Sport.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In occasione di questa competizione la Ferrari iscrisse oltre alle tradizionali 166 MM Touring, due vetture di derivazione, guidate rispettivamente da Giannino Marzotto e Alberto Ascari. L'auto derivava dalla 166 MM, tranne per alcune differenze poco rilevanti, ineccepibili nell'aspetto estetico, sia nella versione aperta di Ascari che in quella chiusa condotta dal Conte Marzotto.

Le principali novità risiedevano nell'aspetto meccanico, la potenza del 12 cilindri classico della 166 MM a V di 60° era stato infatti incrementato a 170 CV, aumentando il diametro dei pistoni a 65 mm, mentre le cilindrata totale era salita a 2341,02 cc. Le due 195 S(denominazione attribuita a tale evoluzione del modello 166) furono precocemente costrette al ritiro in questa gara, ma il loro impiego si ripresentò anche nella Mille Miglia dello stesso anno, cui furono iscritti tre esemplari di questo modello. Uno dei tre pilotato da Dorino Serafini, e due guidate dai fratelli Marzotto, Vittorio e Giannino. Quest'ultimo stupì il pubblico in Piazza Vittoria a Brescia, presentandosi con una berlinetta Touring resa ancora più elegante da una insolita, e mai vista prima, livrea azzurro pastello.

La competizione, dominata da una situazione meteorologica pesantemente avversa, fu toccata dalla pioggia per quasi tutto il tracciato. Il conte Marzotto, grazie anche alla possibilità di guidare una vettura chiusa, si portò in testa alla corsa già al controllo orario di Ravenna, segnando un rispettabilissimo tempo di percorrenza di 13h 39'20". Sceso dalla sua vettura, il Conte, riconosciuto da tutto il Bel mondo dell'epoca per la sua invidiabile eleganza, indossava un doppiopetto che pareva appena toccato dalla pesante piogga che aveva caratterizzato tutta la competizione. Giunto all'arrivo, Marzotto giustificò il proprio abbigliamento da gentleman, dichiarando che date le difficili situazioni meteorologiche, sapeva che la gara sarebbe durata poche ore. Con la medesima elegantissima vettura, Marzotto si aggiudicò anche la 3 Ore Notturna di Roma, il 10 giugno dello stesso anno, quando solo pochi mesi prima, un prezioso secondo posto era stato portato a casa dal pilota Franco Cornacchia nella Coppa di Toscana.

Il motore era il classico 12 cilindri a V con però l'aumento del diametro dei pistoni a 65mm, con conseguente aumento di cilindrata, sia totale che unitaria, da cui appunto il nuovo nome di 195.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Marzotto e il compagno di equipaggio Marco Crosara giunsero primi al traguardo dell'edizione del 1950 della MilleMiglia, con una velocità media altissima per l'epoca, che si attestò sui 123,209 km/h. I due arrivarono con circa sette minuti di vantaggio sull'equipaggio che seguiva, l'altra Ferrari 195 S di Dorino Serafini ed Ettore Salami, anch'essa della medesima carrozzeria di Milano, ma in versione barchetta.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Ferrari 195 S
Configurazione
Carrozzeria: Berlinetta o barchetta Posizione motore: anteriore, longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Interasse: 2250 mm Carreggiate: anteriore ? - posteriore ? mm Altezza minima da terra:
Masse a vuoto: da 720 a 780 kg
Meccanica
Tipo motore: 12 cilindri V (60°), raffreddato a liquido Cilindrata: (Alesaggio x Corsa 65 x 58,8 mm); unitaria 195,08, totale 2341,02 cm³
Distribuzione: 2 valvole per cilindro, Monoalbero a camme in testa Alimentazione: 3 carburatori Weber 36DCF
Prestazioni motore Potenza: 170 CV a 7000 giri/minuto, potenza specifica 72,6 CV/litro, Rapporto peso/potenza 4,2 - 4,6 kg/CV
Frizione: monodisco a secco Cambio: in blocco col motore a 5 rapporti + RM
Telaio
Corpo vettura longheroni e traverse
Sospensioni anteriori: Ruote indipendenti, quadrilateri deformabili, balestra trasversale, ammortizzatori idraulici / posteriori: Ponte rigido, balestre longitudinali, barra antirollio, ammortizzatori idraulici
Freni anteriori: a tamburo / posteriori: a tamburo
Pneumatici anteriori 5,50-15 - posteriori 6,00-15
Prestazioni dichiarate
Velocità: 200 km/h Accelerazione:
Altro
Rapporto di compressione 8,5:1

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]