Ferrari 250 GT Cabriolet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferrari 250 GT Cabriolet
Ferrari 250-GT-Serie1-Spider.JPG
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Tipo principale Cabriolet
Produzione dal 1957 al 1962
Esemplari prodotti circa 240[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4430 mm
Larghezza 1980 mm
Altezza 1130 mm
Passo 2600 mm
Massa 1200 kg
Altro
Assemblaggio Maranello
Stile Pininfarina
Rétromobile 2015 - Ferrari 250 GT Pininfarina Convertible Series I - 1959 - 006.jpg

La Ferrari 250 GT Cabriolet è un'autovettura biposto sportiva costruita dalla casa automobilistica italiana Ferrari dal 1957 al 1962 in due serie. Fu la prima e vera cabriolet prodotta e commercializzata dalla casa automobilistica di Maranello[1].

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Michael Schumacher all'Hockenheimring su una 250 GT Cabriolet

Fino agli anni cinquanta la Ferrari costruì un numero piuttosto limitato di cabriolet, al contrario delle coupé, dove la produzione fu piuttosto elevata. Le poche unità realizzate delle prime erano costruite per soddisfare particolari richieste di clienti selezionati, oppure erano dei prototipi. Con l'introduzione al Salone dell'automobile di Ginevra del 1956 della prima serie di questo modello, carrozzato da Boano, la Ferrari pose una pietra miliare nella storia della sua produzione, presentando una vera e propria cabriolet[1].

Fu progettata da Pininfarina, e questa prima serie della “250 GT Cabriolet” fu commercializzata nel 1957 e nel 1958. Il modello fu realizzato utilizzando linee produttive simili a quelle usate per la 250 GT Coupé; con quest'ultima condivideva il telaio, il motore V12, le sospensioni, i freni, il cambio, la trasmissione e lo sterzo. Anche per questo modello fu impostata una standardizzazione della produzione, ma ci furono comunque degli esemplari personalizzati per clienti selezionati. La normalizzazione era operata fin dall'assemblaggio del corpo vettura, opera di Pininfarina. I corpi vettura erano fabbricati da quest'ultimo, poi venivano inviati alla Ferrari per il completamento meccanico. Della prima serie furono costruiti 40 esemplari con guida a sinistra tranne due, che avevano la guida a destra. Il primo esemplare prodotto, con guida a sinistra, fu acquistato dal principe Sadruddin Aga Khan, nel settembre 1957, per il suo viaggio di nozze.[2]

La seconda serie fu presentata nel 1958 al Salone dell'automobile di Parigi con modifiche estetiche, più precisamente nella disposizione del paraurti e nei fari anteriori carenati nella prima serie e scoperti nella seconda. Per non sovrapporsi alla più sportiva 250 GT California ebbe in dote una carrozzeria più semplice, un bagagliaio più spazioso ed un miglior comfort per i passeggeri. Della seconda serie furono prodotti 200 esemplari fino al 1962[1].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare della seconda serie del 1960

Il motore era un V12 a 60° anteriore e longitudinale. L'alesaggio e la corsa erano rispettivamente 73 e 58,8 mm, e la cilindrata era di 2953,21 cm³. Il rapporto di compressione era di 8,5:1 nella prima serie e 8,8:1 nella seconda serie.

L'alimentazione era assicurata da tre carburatori di marca Weber e modello 36 DCL/3. La distribuzione era a monoalbero a camme in testa per bancata. Erano presenti due valvole per cilindro.

L'accensione era singola con due spinterogeni; tuttavia la prima serie montava i motori con le candele interne, mentre la seconda serie ricevette i motori cosiddetti "a candele esterne". La lubrificazione era a carter umido. La frizione era bidisco. La potenza massima erogata era di 220 CV nella prima serie e 240 nella seconda a 7000 giri al minuto[1]. Il telaio era tubolare a traliccio.

Le sospensioni anteriori erano indipendenti, ed erano formate da quadrilateri trasversali e molle elicoidali; quelle posteriori invece da un ponte rigido e balestre longitudinali. Entrambe montavano ammortizzatori idraulici. I freni erano a tamburo, mentre il cambio era a 4 rapporti più la retromarcia. Rispetto alla prima serie la seconda disponeva di un cambio a quattro marce + overdrive. Lo sterzo era a vite senza fine.

La “250 GT Cabriolet” raggiungeva una velocità massima di 252 km/h[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Dal sito ufficiale Ferrari – Specifiche tecniche della 250 GT Cabriolet [collegamento interrotto], su ferrari.com. URL consultato il 07-06-2010.
  2. ^ Una Pinin Farina per Sadruddin Aga Khan, l'Automobile n. 36 del 1957

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]