Ferrari 250 Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrari 250 Europa
Ferrari 250-Europa Front-view.JPG
Lato e Cofano dell'autovettura
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Tipo principale Coupé
Produzione dal 1953 al 1954
Sostituisce la Ferrari 212 Inter
Sostituita da Ferrari 250 Europa GT
Esemplari prodotti 18[senza fonte]

14 carrozzati pininfarina coupe 1 pininfarina cabriolet 3 vignale coupe

Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4178 mm
Larghezza 1549 mm
Altezza 1013 mm
Passo 2800 mm
Massa 1150 kg
Altro
Stile Pininfarina
Vignale
Stessa famiglia 250 Europa GT
Ferrari 250-Europa Rear-view.JPG
Posteriore e lato dell'Autovettura

La Ferrari 250 Europa è un'automobile coupé prodotta tra il 1953 e il 1954 dalla casa automobilistica italiana Ferrari di Modena.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

L'auto venne presentata al salone di Parigi del 1953. La Ferrari 250 Europa, insieme alla GT furono le prime Ferrari gran turismo che riuscirono a catturare l'attenzione dei più ricchi congiungendo uno stile signorile ad un potente motore.[1][2] In America il modello fu presentato allo stand di Luigi Chinetti dove veniva presentata con una verniciatura bicolore.[3] Con l'uscita del modello si concluse la serie 212, infatti la 250 Europa sostituì la 212 Inter).[4][5] La Ferrari 250 Europa condivideva molte caratteristiche con la Ferrari 375 America,il telaio tipo 145 era molto simile (ma non uguale), sulle 250 era il 145EU sulle 375 il 145AL, (da segnalare la 0309EU, che pur avendo il motore piccolo ha il telaio con designazione AL), il motore era per tutte il vecchio motore di F1 della 375 F1, solo variato per la piccola 250 nelle misure caratteristiche. Il motore della 250 è stato il primo motore quadro della casa avendo misure 68 mm x 68 mm. Le prestazioni sono notevoli, per l'epoca, 220 CV a 7000 rpm (300 CV per la 375), la caratteristica peculiare, comune a tutti i motori Ferrari progettati da Lampredi, sono le canne dei cilindri avvitate nella testa, per non avere le guarnizioni della testa.

Ideazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ferrari 375 America.

Inizialmente il progetto fu affidato a Vignale sulla base della Ferrari 340 Mexico[5], mentre i successivi esemplari furono costruiti sul progetto di Pininfarina.[3][4] Per ridurre i costi il telaio è lo stesso della 375 America a cui doveva contrapporsi, infatti la 375 veniva appunto venduta in America, infatti la 250 Europa doveva essere venduta nel mercato europeo.

Forma e carrozzeria[modifica | modifica wikitesto]

18 gli autotelai prodotti, di questi 3 furono carrozzati da Vignale, gli altri da Pinin Farina, uno (0299EU) spider, gli altri 14 coupé.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ferrari 250 Europa GT.

La Ferrari 250 Europa di Pininfarina presenta un frontale molto prominente e una coda tonda chiusa con dei fanali tondeggianti. Apprezzabile la sinuosità' della linea, che ben maschera il passo "extra lungo". Unica in tal senso la linea continua della fiancata, forse miglior esempio di linea lineare senza parafango, che mai riuscì ai carrozzieri stranieri, ma che anzi fu punto di forza e di affermazione dei nostri, primo tra i quali appunto Pininfarina. L'abitacolo è tipico delle Ferrari, il volante è ampio in legno e raggi in metallo, sedili in pelle e strumentazioni dietro il volante. La strumentazione è della Veglia Borletti, da segnalare la presenza del mediometro. I cerchi della milanese Borrani, sono da 15" verniciati con mozzo in acciaio e cerchio in alluminio, montano coperture 7.10-15, Pirelli per l'Italia e Firestone per il mercato US. L'auto è sprovvista di finestrini posteriori mentre i deflettori, sugli esemplari dotati, si aprono a compasso. Fu deciso che il Telaio dovesse essere derivato da quello della Ferrari 375 America per risparmiare sui costi.[5] Invece il modello di Vignale era più squadrato e presentava un carattere più tradizionale.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La 250 Europa, prodotta in 18 esemplari presentava un motore Lampredi tipo 275 derivato per riduzione dell'alesaggio da quello della 375 America (primo motore quadro nella storia Ferrari (68x68)), telaio tipo 103 con passo 2800 mm (il passo più lungo nella storia Ferrari fino alla Scaglietti), mentre invece la seconda serie (Ferrari 250 Europa GT) di circa 40 esemplari montava un più comune motore Colombo e il passo fu ridotto a 2600 mm. Il motore, per entrambe le versioni era un V12; l'alimentazione avveniva invece tramite tre Carburatori Weber da 36 DCL. Le prestazioni sono notevoli, per l'epoca, la potenza era di 220 CV mentre la velocità massima era di 180-217 km/h in base al tipo di ponte scelto.[3][5]

Ferrari 250 Europa
Altezza 1013 mm
Lunghezza 4178 mm
Larghezza 1549 mm
Peso 1150 kg
Passo 2800 prima 2600 poi
Telaio Tubolare in acciaio
Motore Lampredi prima Colombo poi
Cilindrata 2963,45 cm³
Velocità Massima 218 km/h
Trazione Posteriore
Cambio 4 marce
Posti 4 posti
Porte 2 porte

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda sulla Ferrari 250 GT e Europa da parte di Conceptacrz, su conceptcarz.com. URL consultato il 07-06-2010.
  2. ^ Scheda Tecnica sulla Ferrari 250 Europa e Gt, su dlmweb.com. URL consultato il 07-06-2010.
  3. ^ a b c d Ferrari Collection, vol. 33, Milano, Fabbri Editori, pp. 528-532.
  4. ^ a b Scheda sulla progettazione e l'ideazione delle Ferrari 212 Inter e Ferrari 250, su ultimatecarpage.com. URL consultato il 30-09-2011.
  5. ^ a b c d Scheda della Ferrari sulla 250 Europa, su ferrari.com. URL consultato il 07-06-2010.