Harry Potter 20º anniversario - Ritorno a Hogwarts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Harry Potter 20º anniversario - Ritorno a Hogwarts
Harrypotterreturn2.png
Rupert Grint, Emma Watson e Daniel Radcliffe in una scena del programma
Titolo originaleHarry Potter 20th Anniversary: Return to Hogwarts
PaeseRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2022
Generedocumentario
Edizioni1
Puntate1
Durata102 min
Lingua originaleinglese
Crediti
NarratoreStephen Fry
RegiaCasey Patterson, Joe Pearlman
Aiuto regiaMatt Bell, Charlie Finnamore, Henry Tomlinson
MontaggioSimon Bryant, Jim Clark, James Collett, Bill DeRonde, Asaf Eisenberg, Will Gilby, Lior Linevitz, Pablo Noe, Tim Perniciaro, Jacob Proctor
MusicheCharlie Mole
ScenografiaKatie MacGregor
CostumiJohn Glaser
TruccoLesley Vye
FotografiaEdgar Dubrovskiy, Simon Fanthorpe, Seb Feehan, Ahmet Husseyin, Aman K. Sahota, Geoffrey Sentamum, Ed Wild
CoreografieAshley Wallen
ProduttoreMike Darnell, Brooke Karzen, Dan Sacks, Lottie Allen, Alice Cady, Rosa Junkovic, Maryam Lamond
Produttore esecutivoCasey Patterson, Carol Donovan, Ashley Edens, Marisa Clifford, Louis Mole, Sam Bridger, Isabel Davis, David Heyman
Casa di produzioneFar Away Films, Pulse Films, Casey Patterson Ent.
DistributoreHBO Max
Rete televisiva
(ed. italiana)
Sky Cinema Collection

Harry Potter 20º anniversario - Ritorno a Hogwarts (Harry Potter 20th Anniversary: Return to Hogwarts) è uno speciale televisivo distribuito il 1º gennaio 2022 su HBO Max. In Italia è stato trasmesso da Sky Cinema e Now, che lo ha reso disponibile in streaming.[1] Si tratta di un documentario incentrato sul cast originale e i registi della saga cinematografica di Harry Potter,[2] che si incontrano sul set originale dei film per parlare dei loro ricordi legati alla serie di film. Alle nuove dichiarazioni viene mescolato del materiale di repertorio: interviste rilasciate in passato, conferenze stampa e dietro le quinte dei film, scene originali dei lungometraggi. L'autrice della serie di romanzi originaria, J. K. Rowling, prende parte al documentario solo nel materiale di repertorio.[3]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2021 la Warner Bros. ha annunciato l'imminente pubblicazione di uno speciale.[6]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Lo speciale è stato girato ai Warner Bros. Studio Tour London – The Making of Harry Potter a Leavesden, Inghilterra.[7]

Rupert Grint non era fisicamente presente sul set: l'attore ha girato le sue scene da Toronto, dal set di una serie televisiva che stava girando in concomitanza alla realizzazione dello speciale. Grint è stato quindi inserito digitalmente nelle scene in cui era insieme a Daniel Radcliffe ed Emma Watson, mentre è stato raggiunto a Toronto da quest'ultima nelle scene in cui erano presenti soltanto loro due.[8]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Trasmesso da HBO Max nelle nazioni in cui tale servizio on demand è disponibile,[6] in Italia è stato reso disponibile su Sky Cinema e Now,[1] così come anche nel Regno Unito e in Irlanda.[9] In Canada è stato reso disponibile su Crave,[10] in Australia su Binge,[11] in Nuova Zelanda su TVNZ 2[12], in vari paesi asiatici HBO GO,[13] negli Emirati Arabi Uniti su OSN,[14] in India su Prime Video.[15]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 100% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 8,2 su 10 basato su 8 critiche.[16]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

L'autrice J. K. Rowling non è stata coinvolta direttamente nel progetto ma è presente attraverso video d’archivio provenienti da un’intervista girata agli studi Warner di Londra nel 2019. Secondo il Los Angeles Times, Rowling non sarebbe stata coinvolta direttamente nel progetto a causa delle accuse di transfobia ricevute nel corso del 2021.[17] I rappresentanti dell'autrice hanno tuttavia smentito questa ipotesi, affermando che è stata la scrittrice stessa a preferire l'utilizzo di materiale d'archivio a una partecipazione effettiva alle riprese.[18] La scrittrice viene comunque menzionata più di una volta dagli attori, i quali hanno espresso nei suoi confronti parole riguardanti sia il suo lavoro per la saga che l'impatto generato dalla stessa nel panorama della letteratura mondiale, permettendo a molti giovani di avvicinarsi al mondo della lettura.

Correzioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella versione iniziale, un'immagine d'infanzia di Emma Roberts viene erroneamente presentata come un'immagine di Watson e Oliver e James Phelps vengono etichettati erroneamente l'uno come l'altro. Il 3 gennaio 2022, questi errori sono stati corretti in una nuova versione.[19][20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Harry Potter incanta Sky Cinema, dalla reunion ai film della saga, su tg24.sky.it, 31 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  2. ^ (EN) Patrick Hipes, ‘Harry Potter 20th Anniversary: Return To Hogwarts’ Trailer Gets The Gang Back Together, su Deadline, 20 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  3. ^ (EN) With 'Harry Potter' reunion, HBO is between J.K. Rowling and a hard place, su Los Angeles Times, 30 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Patrick Hipes, 'Harry Potter 20th Anniversary: Return To Hogwarts' Trailer Gets The Gang Back Together, su deadline.com, 20 December 2021.
  5. ^ Roisin O'Connor, Return to Hogwarts: JK Rowling not 'snubbed' as she makes appearance in Harry Potter reunion, su independent.co.uk, 28 December 2021.
  6. ^ a b (EN) Todd Spangler, Harry Potter ‘Return to Hogwarts’ Special to Reunite Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint for HBO Max, su Variety, 16 novembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  7. ^ Todd Spangler, Harry Potter 'Return to Hogwarts' Special to Reunite Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint for HBO Max, su Variety, 16 novembre 2021. URL consultato il 28 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2021).
  8. ^ Condé Nast, Harry Potter, la reunion: ecco perchè Rupert Grint non era davvero presente sul set, su Vanity Fair Italia, 18 gennaio 2022. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  9. ^ (EN) Denise O’Donoghue, Harry Potter 20th anniversary: How to watch the reunion special and what to expect, su Irish Examiner, 28 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  10. ^ (EN) Melissa Romualdi, The Official ‘Harry Potter 20th Anniversary: Return To Hogwarts’ Trailer Is Here, su ET Canada, 20 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  11. ^ (EN) Sam Hussey, ‘THEY’RE BACK’: First look at the brand new Harry Potter reunion movie, su 7NEWS, 7 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  12. ^ (EN) Alex Behan, Appointment Viewing: The week's best free-to-air and Sky TV programming, su Stuff, 27 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  13. ^ (EN) Richard Augustin, A First Look At Daniel Radcliffe, Rupert Grint And Emma Watson On Set For The Harry Potter Reunion, su Augustman Singapore, 12 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  14. ^ (EN) How to watch ‘Harry Potter 20th Anniversary’ reunion in the UAE, su gulfnews.com, 28 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  15. ^ (EN) ‘Harry Potter 20th Anniversary: Return to Hogwarts’ to premiere on Prime Video in India, in The Hindu, 21 dicembre 2021. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  16. ^ (EN) Harry Potter 20th Anniversary: Return to Hogwarts. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  17. ^ (EN) Christi Carras, With 'Harry Potter' reunion, HBO is between J.K. Rowling and a hard place, su Los Angeles Times, 30 dicembre 2021. URL consultato il 3 gennaio 2022.
  18. ^ (EN) Nick Romano, Why J.K. Rowling didn't join the new 'Harry Potter' reunion special, su EW.com, 30 dicembre 2021. URL consultato il 3 gennaio 2022.
  19. ^ Bear Dever, Harry Potter Reunion Mistake: Emma Roberts Child Photo Used For Emma Watson, su Screen Rant, 2 gennaio 2022. URL consultato il 2 gennaio 2022.
  20. ^ Christi Carras, HBO fixes 'Harry Potter' reunion special after fans spotted these big mistakes, su latimes.com, Los Angeles Times, 3 gennaio 2022. URL consultato il 3 gennaio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]