BMW Z8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BMW Z8
BMW Z8 front 20100508.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  BMW
Tipo principale Roadster
Produzione dal 2000 al 2003
Sostituisce la BMW 507
Esemplari prodotti 5.703[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4400 mm
Larghezza 1830 mm
Altezza 1310 mm
Passo 2505 mm
Massa 1585 kg
Altro
Progetto Henrik Fisker
Stile Chris Bangle
Stessa famiglia BMW M5
Auto simili Lexus SC
Mercedes-Benz Classe SL
BMW Z8 rear 20100508.jpg

La BMW Z8 è una autovettura di tipo roadester prodotta dalla casa automobilistica tedesca BMW dal 2000 al 2003.

Storia e contesto[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà degli anni novanta la BMW cominciò a pensare ad una vettura che potesse competere con le Mercedes-Benz Classe SL e che nel 1997, al salone dell'automobile di Tokyo fu presentato il prototipo, denominato BMW Z07.

Presentazione e telaio[modifica | modifica wikitesto]

Interni della vettura

Il debutto mondiale, presto seguito dall'apparizione della Z8 accanto a Pierce Brosnan/James Bond nel film Il mondo non basta, avviene però solo due anni dopo al Salone dell'automobile di Los Angeles[2], un debutto americano come quello della BMW 507, sua antenata. Il nome della nuova roadster bavarese (sigla di progetto E52) era Z8, un nome che da una parte riprendeva la tradizione di siglare le roadster della casa con la lettera Z, mentre dall'altra andava concorrente, perché il numero non aveva niente a che vedere con la Serie 8, fuori produzione dall'anno precedente, visto che riprendeva la meccanica della berlina sportiva M5 E39, sua contemporanea.

Per quanto riguardava il telaio, la Z8 è realizzata attorno ad un telaio spaceframe in alluminio dai livelli di rigidezza più che doppi rispetto alle spider tradizionali. Hans Rathgehber, ingegnere a capo del progetto ha dichiarato che occorre una forza di 10.500 Nm per fare flettere il telaio di un solo grado. Le sospensioni erano di tipo MacPherson in alluminio di nuova progettazione all'anteriore (riprese dalle Serie 5) ed il ponte posteriore era multilink a cinque bracci.

Design[modifica | modifica wikitesto]

Linea laterale di una Z8 con capote scoperta; notare la "branchia" sul parafango anteriore che chiama la BMW 507

La sua configurazione era di motore anteriore-trazione posteriore, con cofano lungo, abitacolo arretrato, sbalzo anteriore corto e posteriore più lungo. Classica era la coppia di sfoghi d'aria dietro i parafanghi anteriori, elemento che richiamava la 507 di 45 anni prima, moderna era la forma affusolata del muso, pulita ed aerodinamica, con un accenno ai tre volumi caratteristici del frontale della 507. La calandra a doppio rene ha uno sviluppo orizzontale, distaccandosi dagli altri modelli della casa, ed ingloba le luci antinebbia; i fari sono a tecnologia xeno. Nella coda si trovano dei sottili gruppi ottici a sviluppo orizzontale, con tecnologia neon; i due terminali di scarico sono posizionati ai lati della targa e inglobati nel paraurti. La Z8, al momento della presentazione, era l'unica vettura di serie mai prodotta con la completa signalizzazione (fanali e indicatori di posizione) al neon.

Nata come roadster, la Z8 può trasformarsi anche in una simil-coupé grazie all'hard-top, che poteva essere ordinato al posto della classica capote in tela al momento dell'acquisto della vettura.

La plancia è avvolgente con modanature in tinta carrozzeria, il volante ha delle razze sottili e la strumentazione è in posizione centrale. Il sistema di navigazione satellitare era a scomparsa nel vano inferiore all'impianto di climatizzazione.

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

La vettura non proponeva niente nella lista degli accessori a richiesta: la dotazione di serie prevedeva l'ABS con CBC (controllo della frenata in curva), il DSCIII (controllo dinamico della stabilità) che integra la funzione ASC+T (antipattinamento in accelerazione e controllo della trazione) ed il DBC (controllo dinamico della frenata)[2].

Oltre ai sistemi di sicurezza, erano presenti pneumatici Run Flat Combination che consentono di viaggiare fino ad 80 km/h di velocità a ruote sgonfie, l'hard-top in tinta con la carrozzeria, i sedili sportivi in pelle Nappa a regolazione elettrica e riscaldabili, l'autoradio con caricatore per 6 CD e un sistema Hi-Fi da 10 altoparlanti. Gli specchietti retrovisori erano ricoperti di una calotta di cromata, i cerchi erano in lega da 18 pollici con gomme 245/45 WR18 e 275/40 WR18.

Tecnica e motore[modifica | modifica wikitesto]

Il motore è un 8 cilindri a V di 90° dalla cilindrata di 4941 cm³, che eroga 400 CV di potenza (394 nella versione per il mercato statunitense) e 500 Nm di coppia già a partire dai 3.800 giri/minuto. Si tratta, dello stesso propulsore già utilizzato per la M5 E39[2].

Nella prova su strada, la rivista Quattroruote ha rilevato una velocità di 253,5 km/h (era dichiarata una velocità limitata elettronicamente di 250 km/h), un'accelerazione da 0 a 100 Km/h in 5,3 secondi. Erano necessari 9,4 secondi per riprendere da 70 a 120 km/h in IV marcia[3].

La distribuzione dei pesi era 51/49% fra avantreno e retrotreno (1.585 kg a vuoto), il baricentro era all'altezza del ginocchio del guidatore.

Cinque erano le colorazioni standard per la carrozzeria: due pastello (nero e rosso) e tre metallizzate (argento, grigio stratus e blu topazio). A queste vanno aggiunte le numerose possibilità offerte dal programma Individual, che prevede una vasta scelta di tinte diverse, comprese le combinazioni bicolore.

Alpina Z8[modifica | modifica wikitesto]

La Alpina Z8

Alpina, la casa automobilistica tedesca, ha realizzato una serie di 555 vetture della Z8 dotate di un cambio automatico Switchtronic (su base ZF) e dotando la Z8 di un V8 con potenza limitata a 375 CV. Le modifiche andavano incontro ai gusti degli automobilisti americani a cui il cambio manuale e l'erogazione della potenza dei propulsori preparati dalla sezione M (da Motorsport, divisione sportiva della casa) non andavano a genio[4].

Fine produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 la produzione della Z8 è stata interrotta senza trovare una erede in tale classe, essendo l'altro modello BMW scoperto, la Z4, classificabile in un segmento inferiore come cilindrata. Ne furono prodotti 5.703 esemplari.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 75 Anni di Roadster BMW, omniauto.it, 7 giugno 2009. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  2. ^ a b c Bmw Z8: si chiude la produzione, omniauto.it, 1 settembre 2003. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  3. ^ Scheda tecnica Z8, quattroruote.it, 1 luglio 2000. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  4. ^ (EN) 2003 BMW Alpina Roadster V8, seriouswheels.com, 2 dicembre 2002. URL consultato il 16 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili