BMW Hornet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BMW Hornet
Descrizione
Costruttore BMW Flugmotorenbau GmbH
Tipo motore radiale
Numero di cilindri 9
Raffreddamento ad aria
Alimentazione carburatore
Distribuzione OHV 2 valvole per cilindro
Dimensioni
Lunghezza 1 475 mm
Diametro 1 390 mm
Cilindrata 27,703 L
Alesaggio 155,6 mm
Corsa 161,9 mm
Rapporti di compressione
Rap. di compressione 5,0:1
Peso
A vuoto da 392 kg
Prestazioni
Potenza 600 CV (441 kW)
Combustibile benzina 80 ottani
Note
versione costruita su licenza del Pratt & Whitney R-1690 Hornet
voci di motori presenti su Wikipedia


Il BMW Hornet era un motore aeronautico radiale a 9 cilindri prodotto su licenza dalla tedesca BMW Flugmotorenbau GmbH all'inizio degli anni trenta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 gennaio 1928 la direzione della BMW Flugmotorenbau GmbH riuscì ad acquistare i diritti dalla statunitense Pratt & Whitney per produrre nei propri stabilimenti i 9 cilindri R-1340 Wasp ed R-1690 Hornet. Dei due venne deciso di produrre solo il secondo, quello dalla maggiore cubatura, che sarebbe andato ad occupare la fascia medio alta della gamma di motori offerti.

Successivamente vennero avviati studi per una versione migliorata ed evoluta che si distaccò dal progetto originale e che divenne capostipite dei motori radiali prodotti dalla casa bavarese, iniziata con il BMW 132 del 1933 e protrattasi sino alla fine della seconda guerra mondiale.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Hornet A
  • Hornet C

Velivoli utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Band 4, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5468-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione