BMW GINA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
BMW GINA
BMW Gina Museum.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  BMW
Tipo principale Concept car
Produzione nel 2008
Esemplari prodotti 1
Automobiles in the BMW-Museum (8972861334).jpg

La GINA Light Visionary Model, o semplicemente GINA, è una concept car presentata dalla casa automobilistica tedesca BMW nell'estate del 2008.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La vettura è stata creata in quanto i membri del BMW Group Design volevano creare un modello di auto in grado di adattarsi alle esigenze stilistiche di ogni acquirente.

Sviluppata interamente all'interno dell'azienda, è caratterizzata da una carrozzeria costituita da uno speciale tessuto elasticizzato e rivestito da una pelle idrorepellente resistente al caldo e al freddo su una struttura mobile azionata da servomeccanismi azionati automaticamente. Tale soluzione consente alla vettura di cambiare forma adattando l'aerodinamica alle condizioni di guida. Tale materiale è resistente anche all'umidità. Derivata dal design della BMW Z4, la GINA è costituita da una struttura di telaio univoca, sia a livello strutturale che a livello di design. La carrozzeria esterna è costituita da solo quattro elementi. Il componente più grande e il modulo frontale che si allunga fino alla base del parabrezza e lateralmente fino alla conclusione posteriore delle porte. Il secondo sono le due ampie fiancate che si prolungano dalla base anteriore dei longheroni laterali sottoporta fino ai passaruota posteriori e alla coda. L'ultimo componente è l'elemento centrale della coda. I proiettori della luce sono integrati nella carrozzeria per non ledere al design generale. Quando entrano in funzione, la loro illuminazione filtra attraverso uno strato di pellicola traslucida.

Il suo nome è un acronimo di Geometry and function In "N" Adaptations che significa «geometria e funzioni in "n" adattamenti» in inglese, dove "n" è un simbolo matematico che rappresenta un generico numero naturale: come a dire che il numero di adattamenti è indefinito.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BMW GINA, su bmwgroupdesignworks.com. URL consultato il 13 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Larry Edsall, La via del futuro, in Concept Cars, traduzione di Sofia Scatena e Milena Cardaci, Vercelli, WS Edizioni White Star, 2009 [2003], ISBN 978-88-540-1193-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili