BMW 3/15

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BMW 3/15 "Dixi"
BMW Dixi 01.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  BMW
Tipo principale torpedo
Altre versioni berlina, coach,
cabriolet, roadster e furgone
Produzione dal 1927 al 1932
Sostituita da BMW 3/20
Esemplari prodotti circa 31000[senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza da 2840 a 3100 mm
Larghezza da 1150 a 1350 mm
Altezza da 1400 a 1740 mm
Passo 1910 mm
Massa 510 kg
Altro
Stessa famiglia Austin Seven
Rosengart LR2
Auto simili DKW Typ P e 4=8
Opel 4PS "Laubfrosch"
Note Immagini riferite alla 3/15 DA2 Torpedo
BMW Dixi 02.jpg

La BMW 3/15 è un'autovettura di fascia medio-bassa prodotta dal 1927 al 1932 dalla casa automobilistica tedesca BMW, nonché la prima vettura della storia a portare tale marchio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La storia della 3/15, nota anche come Dixi, va fatta risalire addirittura al 1898, anno in cui la Eisenach Automobilwerke, una Casa automobilistica tedesca del periodo appartenente al più grande gruppo Eisenach con interessi in vari campi della tecnica, lanciò la Wartburg, cioè un modello della francese Decauville prodotto su licenza. In seguito, nel 1904, mise in commercio la Dixi, una vettura di fascia medio-bassa equipaggiata da un propulsore da 1.2 litri (ma ne è esistita anche una versione da ben 3.5 litri). Il successo fu tale da convincere i vertici della Eisenach a mutare il nome Dixi in vero e proprio marchio. Con tale marchio fu identificato quindi il comparto automobilistico del gruppo Eisenach.

In seguito, alcuni anni dopo la fine della Prima guerra mondiale, la Dixi acquisì dalla Austin i diritti per la produzione su licenza della Seven, modello di gran successo commerciale in Gran Bretagna. Tale modello fu lanciato con il nome di DA1. Già nel 1927 cominciò la produzione. Ma alcune errate politiche commerciali decretarono ben presto la fine del marchio Dixi, che nell'ottobre 1928 fu venduto ad una nascente Casa tedesca, la BMW, che fino a quel momento si era occupata solo di motori aeronautici e di motociclette.

La nuova gestione[modifica | modifica wikitesto]

Una 3/15 DA2

Sotto la gestione della BMW, la Dixi riprese ad ottenere successi commerciali a valanga. La piccola vettura piaceva per la sua linea simpatica, il prezzo concorrenziale ed i bassi costi di esercizio, uniti a prestazioni soddisfacenti. Durante il primo anno di gestione della BMW, però, la vetturetta fu venduta ancora con il marchio Dixi, come durante il periodo sotto la Eisenach. Fu solo a partire dalla seconda metà del 1929 che il marchio Dixi fu estinto e la DA1 fu riproposta con il marchio BMW e la denominazione 3/15 DA2.

Nacque così la prima autovettura marchiata BMW. Tra la vecchia Dixi e la nuova 3/15, le differenze c'erano anche se non immediatamente percettibili: esternamente cambiarono il marchio sopra il radiatore e le dimensioni delle portiere. Anche la carrozzeria aumentò di dimensioni, seppur solo leggermente. Internamente, la nuova DA2 si differenziava per la selleria in similpelle e per i sedili regolabili.

La DA2 ribadì il successo ottenuto con la precedente versione e fu proposta in più varianti di carrozzeria, fra cui anche la sportiveggiante versione Wartburg, con carrozzeria roadster, la cui denominazione riprese, guarda caso, quella della primissima vettura proposta oltre trent'anni prima dalla Eisenach. Tale versione, più costosa, fu prodotta solo in 150 esemplari.

Nel mese di luglio del 1931, la gamma 3/15 subì una nuova evoluzione: la DA2 fu rinominata come DA4, mentre la sola Wartburg fu rinominata come DA3. Per quest'ultima, solo poche furono le modifiche di rilievo, mentre per quanto riguarda la DA4, essa beneficiò del propulsore della Wartburg leggermente più potente e di alcuni altri aggiornamenti meccanici.

Anche in questo caso il successo commerciale fu ottimo, forte anche di alcuni exploit sportivi firmati dalla stessa 3/15. Ciò permise alla BMW di affrontare tranquillamente la crisi economica mondiale di quel periodo.

Nel 1932, la 3/15 fu tolta definitivamente di produzione: ne furono prodotti circa 31 000 esemplari, di cui circa 10 000 con marchio Dixi tra il 1927 ed il 1929.

Attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

La 3/15 conobbe anche un periodo di attività sportive e di grandi successi. Artefici di tali successi furono in particolare le versioni Wartburg e DA3, più profilate e potenti. Erano infatti caratterizzate da una coda che ricordava quella delle più grandi supersportive dell'epoca. Anche il propulsore era più spremuto (vedi sezione dedicata alla meccanica) e garantiva quindi migliori prestazioni, rese ottimali anche dal peso molto ridotto rispetto a quello delle versioni più tranquille.

Ma anche alcune DA2 strettamente di serie seppero farsi valere in campo sportivo. In questo modo, la 3/15 si aggiudicò alcune competizioni tra cui il prestigioso Internationale Alpenfahrt (Giro internazionale delle Alpi) e la cronoscalata del Mont des Mules, vinto da due DA2.

Meccanica[modifica | modifica wikitesto]

La meccanica semplice ed economica fu uno dei punti di forza della 3/15 e della Dixi in generale. Strettamente ripresa da quella della inglese Seven, era costituita da un motore a 4 cilindri in linea sistemato in posizione anteriore longitudinale. La cilindrata era di 748 cm³. La distribuzione era ad asse a camme laterale, mentre l'alimentazione era affidata ad un carburatore Solex. La potenza massima era di 15 CV a 3000 giri/min.

Per quanto riguardava la trasmissione, essa era affidata ad una frizione monodisco a secco e ad un cambio manuale a 3 marce.

La 3/15, sia come BMW che come Dixi, raggiungeva una velocità massima di circa 75 km/h, un valore che all'epoca era più che buono, e che costituì un altro dei motivi del grande successo di tale vettura.

Per quanto riguardava l'impianto frenante, inizialmente, sulle Dixi DA1 furono montati solo i tamburi al retrotreno, mentre davanti agiva solo il freno a mano (che oggigiorno sarebbe considerata una strana soluzione), ma dal 1929 in poi, con l'avvento della DA2, furono montati anche tamburi all'avantreno.

Quanto alle sospensioni, la 3/15 montava inizialmente la soluzione dell'assale rigido sui due assi, ma dal 1930 furono montate ruote indipendenti sia davanti che dietro, con molle elicoidali ed ammortizzatori idraulici telescopici.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili