Eisenach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eisenach
Città extracircondariale
Eisenach – Stemma
Eisenach – Veduta
La Porta e la chiesa di San Nicola.
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandFlag of Thuringia.svg Turingia
DistrettoNon presente
CircondarioNon presente
Amministrazione
SindacoKatja Wolf (Die Linke)
Territorio
Coordinate50°59′N 10°19′E / 50.983333°N 10.316667°E50.983333; 10.316667 (Eisenach)Coordinate: 50°59′N 10°19′E / 50.983333°N 10.316667°E50.983333; 10.316667 (Eisenach)
Altitudine220 m s.l.m.
Superficie103,84 km²
Abitanti42 750 (31-12-2010)
Densità411,69 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale99817
Prefisso03691
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis16 0 56 000
TargaEA
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Eisenach
Eisenach
Eisenach – Mappa
Sito istituzionale

Eisenach (da Issenach/Isenacha, "acqua veloce" o, in lingua celtica "corso d'acqua nella valle paludosa") è una città extracircondariale di 42.750 abitanti[1] della Turingia, in Germania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Eisenach è situata al limite settentrionale della Foresta della Turingia (Thüringer Wald) sulla direttrice Lipsia-Francoforte sul Meno. La città è attraversata dai fiumi Werra, Hörsel e Nesse.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Presso Eisenach si trova il castello di Wartburg, costruito nel 1067 a difesa della Via Regia. Alla fine del XII secolo divenne residenza dei conti di Turingia e vi risiedette santa Elisabetta di Turingia.

La prima citazione della città risale al 1180, nel 1283 diviene città e sede del langravio, status che perse però nel 1405. Nel 1498 vi soggiornò e studiò il latino Martin Lutero e il 2 maggio 1521, sulla via del ritorno dalla Dieta di Worms, vi tenne una predica. Tenuto nascosto da Federico il Saggio rimase ad Eisenach fino al 1º marzo 1522 e durante la falsa prigionia a Wartburg tradusse il Nuovo Testamento dal greco e dal latino (utilizzando perlopiù una versione curata da Erasmo) in tedesco. Nel 1525 la città venne danneggiata dagli scontri della guerra dei contadini e nel 1528 la città divenne protestante.

Il 21 marzo 1685 vi nacque Johann Sebastian Bach, figlio di Johann Ambrosius Bach conduttore del gruppo di fiati comunale.

Nel 1777 Johann Wolfgang von Goethe soggiornò a Wartburg su invito del duca Ernst August von Sachsen-Weimar e nel 1807 vi transitò Napoleone Bonaparte. Durante un trasporto di rifornimenti per le guerre napoleoniche, nel 1810 esplose un veicolo adibito al trasporto di polvere da sparo, in città si trova un monumento di commemorazione dell'episodio.


Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Edifici storici[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate ad Eisenach[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Popolazione ufficiale, Thüringer Landesamt für Statistik. URL consultato il 20 novembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4014013-1 · BNF: (FRcb120499943 (data)
Germania Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania