Akira Nishino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Akira Nishino
Akira Nishino 2018.jpg
Nishino al campionato del mondo 2018
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 182 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1990 - giocatore
Carriera
Giovanili
1974-1977 Waseda Daigaku
Squadre di club1
1978-1990Hitachi143 (29)
Nazionale
1977-1978 Giappone Giappone 12 (1)
Carriera da allenatore
1991-1992 Giappone Giappone U-20
1994-1996 Giappone Giappone U-23
1998-2001 Kashiwa Reysol
2002-2011 Gamba Osaka
2012 Vissel Kobe
2014-2015 Nagoya Grampus
2016-2018 Giappone GiapponeDT
2018 Giappone Giappone
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 luglio 2018

Akira Nishino (西野 朗 Nishino Akira?; Saitama, 7 aprile 1955) è un allenatore di calcio ed ex calciatore giapponese, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua carriera da calciatore ha giocatore nel ruolo di centrocampista collezionando 12 presenze in nazionale tra il 1977 e il 1978, ottenendo il suo unico gol internazionale contro la nazionale della Malesia.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nishino nel 2011

Nishino, dopo la sua carriera da giocatore, è diventato allenatore di varie squadre nazionali giovanili giapponesi. Ha partecipato al Torneo olimpico di calcio del 1996, come allenatore assicurando la prima - e, ad oggi - unica vittoria sul Brasile da parte di una squadra giapponese. Nel 1998 è passato sulle panchine dei gestione dei club, allenando la squadra del Kashiwa Reysol, il Gamba Osaka, il Vissel Kobe e il Nagoya Grampus.

Sulla panchina del Gamba Osaka ha vinto sei trofei tra cui un campionato, una Coppa nazionale e, soprattutto, il titolo della AFC Champions League nel 2008.[1]

Nazionale giapponese[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2016, Nishino è tornato a lavorare con la selezione giapponese in qualità di direttore tecnico,[2] prima di essere nominato ufficialmente allenatore della nazionale maggiore il 9 aprile 2018 subentrando a Vahid Halilhodžić (esonerato per contrasti coi "senatori" del gruppo)[3][4] con la squadra già qualificata al campionato del mondo 2018.[5]

Debutta nella massima competizione iridata con una vittoria a sorpresa per 2-1 sulla più quotata Colombia,[6][7] pareggiando poi per 2-2 col Senegal;[8] nonostante la successiva sconfitta per 1-0 con la già eliminata Polonia, la squadra di Nishino passa comunque il turno, a discapito della selezione africana, in virtù del minor numero di ammonizioni (divenendo così la prima compagine ad usufruire della neo-introdotta regola del "fair play").[9][10] Agli ottavi di finale, tuttavia, viene eliminato dal Belgio: nonostante un iniziale vantaggio di due reti, negli ultimi venti minuti il Giappone si fa rimontare, subendo al 94' il gol del definitivo 3-2.[11]

Nonostante l'ottima ed insperata prestazione ai Mondiali, il Presidente della Federazione giapponese Kōzō Tashima decide di non confermarlo come CT.[12]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1978 Giappone Hitachi JSL 13 1
1979 JSL1 12 0
1980 JSL1 15 6
1981 JSL1 8 1
1982 JSL1 15 4
1983 JSL1 18 2
1984 JSL1 17 2
1985-86 JSL1 22 12
1986-87 JSL1 17 1
1987-88 JSL2 ? ?
1988-89 JSL2 ? ?
1989-90 JSL1 6 0
Totale 143+ 29+

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Giappone
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-3-1977 Tel Aviv Israele Israele 2 – 0 Giappone Giappone Qual. Mondiali 1978 -
6-3-1977 Tel Aviv Giappone Giappone 0 – 2 Israele Israele Qual. Mondiali 1978 -
26-3-1977 Tokyo Giappone Giappone 0 – 0 Corea del Sud Corea del Sud Qual. Mondiali 1978 -
3-4-1977 Tokyo Corea del Sud Corea del Sud 1 – 0 Giappone Giappone Qual. Mondiali 1978 -
23-5-1978 Nagoya Giappone Giappone 3 – 0 Thailandia Thailandia 1978 Japan Cup - Ingresso al 45’ 45’
13-7-1978 Kuala Lumpur Giappone Giappone 0 – 0 Iraq Iraq Pestabola Merdeka 1978 -
13-7-1978 Kuala Lumpur Giappone Giappone 1 – 2 Indonesia Indonesia Pestabola Merdeka 1978 -
17-7-1978 Kuala Lumpur Siria Siria 2 – 3 Giappone Giappone Pestabola Merdeka 1978 -
19-7-1978 Kuala Lumpur Corea del Sud Corea del Sud 4 – 0 Giappone Giappone Pestabola Merdeka 1978 -
21-7-1978 Kuala Lumpur Malaysia Malaysia 4 – 1 Giappone Giappone Pestabola Merdeka 1978 1
23-7-1978 Kuala Lumpur Giappone Giappone 1 – 2 Singapore Singapore Pestabola Merdeka 1978 - Uscita al 45’ 45’
26-7-1978 Kuala Lumpur Thailandia Thailandia 0 – 4 Giappone Giappone Pestabola Merdeka 1978 - Ingresso al 45’ 45’
Totale Presenze 12 Reti 1

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale giapponese[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Piazzamento Andamento Reti
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie GF GS DR
2018 Giappone Giappone Mondiale 2018 Ottavi di finale 4 1 1 2 25,00 6 7 -1
Amichevoli 3 1 0 2 33,33 4 4 0
Totale Giappone 7 2 1 4 28,57 10 11 -1

Panchine da commissario tecnico della nazionale giapponese[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Giappone
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
30-5-2018 Yokohama Giappone Giappone 0 – 2 Ghana Ghana Amichevole - Cap: M. Hasebe
8-6-2018 Lugano Svizzera Svizzera 2 – 0 Giappone Giappone Amichevole - Cap: M. Hasebe
12-6-2018 Innsbruck Giappone Giappone 4 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole Takashi Inui (2)
Federico Santander (aut.)
Shinji Kagawa
Cap: H. Yamaguchi
19-6-2018 Saransk Colombia Colombia 1 – 2 Giappone Giappone Mondiali 2018 - 1º turno Shinji Kagawa (rig.)
Yūya Ōsako
Cap: M. Hasebe
24-6-2018 Ekaterinburg Giappone Giappone 2 – 2 Senegal Senegal Mondiali 2018 - 1º turno Takashi Inui
Keisuke Honda
Cap: M. Hasebe
28-6-2018 Volgograd Giappone Giappone 0 – 1 Polonia Polonia Mondiali 2018 - 1º turno - Cap: E. Kawashima
2-7-2018 Rostov-sul-Don Belgio Belgio 3 – 2 Giappone Giappone Mondiali 2018 - Ottavi Genki Haraguchi
Takashi Inui
Cap: M. Hasebe
Totale Presenze 7 Reti 10

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Gamba Osaka: 2008
Gamba Osaka: 2008

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Manager giapponese dell'anno: 2
  • Manager asiatico dell'anno: 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) FIFA.com, 2018 FIFA World Cup Russia™ - Coaches - Akira Nishino - FIFA.com, in www.fifa.com. URL consultato il 28 giugno 2018.
  2. ^ (JA) 田丸英生, JFAが新体制を発表…副会長に岡田武史氏、技術委員長に西野朗氏の就任が内定, su Soccer-King.jp, 11 marzo 2016. URL consultato il 2 luglio 2018.
  3. ^ (JA) 後任は西野氏ハリル監督解任の日本サッカー, su 日本経済新聞, 9 aprile 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  4. ^ Giappone: Akira Nishino nuovo tecnico della Nazionale di calcio, in euronews, 9 aprile 2018. URL consultato il 28 giugno 2018.
  5. ^ Mondiali, il Giappone fa festa: successo sull'Australia e qualificazione. Lippi spera ancora, su la Repubblica, 31 agosto 2017. URL consultato il 2 luglio 2018.
  6. ^ Sorpresa Giappone: battuta la Colombia 2-1, su Il Mattino, 19 giugno 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  7. ^ Sportal.it, Akira Nishino spiega come l'ha vinta, su Virgilio Sport, 19 giugno 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  8. ^ Vladimiro Cotugno, Giappone-Senegal 2-2: Inui replica a Mané, Honda a Wague, su Corriere dello Sport, 24 giugno 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  9. ^ Clamoroso ai Mondiali: Giappone sconfitto ma agli ottavi grazie... ai cartellini, su SportMediaset, 28 giugno 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  10. ^ Marco Barzizza, La prima storica volta del criterio Fair Play: Senegal beffato da due cartellini di troppo, su Eurosport, 28 giugno 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  11. ^ Luca Valdisserri, Belgio-Giappone 3-2: i nipponici rimontati (da 2-0) e battuti al 94’, su Corriere della Sera, 2 luglio 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  12. ^ Giappone: CT Nishino non confermato, ora è Klinsmann il favorito, su SportMediaset, 5 luglio 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ENDEFRESAR) Akira Nishino, su FIFA.com, FIFA. Modifica su Wikidata
  • (EN) Akira Nishino, su national-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Akira Nishino, su transfermarkt.it (calciatore), Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Akira Nishino, su transfermarkt.it (allenatore), Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
Controllo di autoritàVIAF (EN251210155