Yūya Ōsako

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yūya Ōsako
Yuya Osako.jpg
Yūya Ōsako nel 2018
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 182 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Werder Brema
Carriera
Squadre di club1
2009-2013Kashima Antlers139 (70)
2014Monaco 186015 (6)
2014-2018Colonia108 (15)
2018-Werder Brema47 (8)
Nazionale
2011Giappone Giappone U-225 (1)
2012Giappone Giappone U-235 (1)
2013-Giappone Giappone46 (15)[1]
Palmarès
Coppa Asia.svg Coppa d'Asia
Argento Emirati Arabi Uniti 2019
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 agosto 2019

Yūya Ōsako (大迫 勇也 Ōsako Yūya?; Kagoshima, 18 maggio 1990) è un calciatore giapponese, attaccante del Werder Brema e della nazionale giapponese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È in grado di ricoprire sia il ruolo di prima punta che quello di seconda punta, dotato di un fisico non particolarmente robusto, fa della tecnica e della velocità il suo punto di forza. Ha un ottimo fiuto per l'assist, inoltre i suoi tiri, sebbene non particolarmente forti, sono ben angolati, è bravo a segnare pure di testa inoltre è capace di realizzare il gol anche quando è ben marcato.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Kashima Antlers[modifica | modifica wikitesto]

Yūya Ōsako, a partire dal 2009, entra a far parte del Kashima Antlers, anno in cui la sua squadra vince per la settima volta la J1 League. Nel 2010 durante la Coppa dell'Imperatore segna ai quarti di finale la rete della vittoria del 2-1 contro il Nagoya Grampus, mentre nella semifinale è autore del gol del pareggio contro il l'Urawa Red Diamonds nella partita vinta 2-1 per merito del secondo gol di Shinzo Koroki, ottenendo così l'accesso alla finale vinta contro Shimizu S-Pulse per 2-1. Sarà decisivo, nel 2011, nella vittoria contro Urawa Red Diamonds nella finale della Coppa J. League segnando il gol del 1-0 ai tempi supplementari. Nell'anno successivo, nel 2012, il Kashima Antlers vince per la seconda volta la Coppa J. League, Ōsako segna una doppietta nella partita vinta 2-1 contro lo Shimizu S-Pulse, la vittoria del torneo permette alla squadra di affrontare il San Paolo, campioni della Coppa Sudamericana nell'edizione 2013 della Copa Suruga Bank dove Ōsako si rivela il maggior protagonista della partita consegnando al Kashima Antlers la vittoria segnando la tripletta con la quale la squadra vincerà per 3-2.[2] Yūya Ōsako lascia la squadra con un totale di 191 presenze e 65 reti.

Monaco 1860 e Colonia[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2013 Ōsako debutta nella 2. Bundesliga con la maglia del Monaco 1860 dove segna il suo primo gol contro il Düsseldorf nella partita che si concluderà 1-1. Segnerà la rete del temporaneo 2-0 nella vittoria contro il VfR Aalen per 4-0,[3] inoltre segnerà un gol nella vittoria per 2-0 contro il VfL Bochum. Partecipando solo all'edizione 2013-2014 della 2. Bundesliga, Ōsako debutterà nella Bundesliga, con la squadra del Colonia, marcando la sua prima rete in campionato nella partita vinta per 2-0 contro lo Stoccarda,[4] inoltre sarà autore della sua prima doppietta in Bundesliga nella vittoria per 6-1 contro il Darmstadt.[5] Segnerà una doppietta in Europa League nella partita vinta per 5-2 contro il BATĖ Borisov.[6]Giocherà nel Colonia fino al 2018, con 120 presenze e 19 reti.

Werder Brema[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 maggio 2018 viene annunciato che giocherà nel Werder Brema.[7] Segna il suo primo gol con la maglia della squadra nella partita di DFB-Pokal vinta per 6-1 contro il Wormatia Worms.[8]

Nella stagione 2019-2020 della Bundesliga il Werder Brema a cuasa dei suoi pessimi risultati rischierà la retrocessione, sebbene Ōsako raggiungerà un nuovo record personale con 8 reti in Bundesliga, la sua doppietta sarà determinante nella vittoria contro il Augusta per 3-2,[9] inoltre nell'ultima partita di campionato contro il Colonia la squadra vincerà per 6-1, evitando la retrocessione, dove Ōsako sarà autore di 2 gol e un assist.[10]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Yūya Ōsako viene convocato nella nazionale giapponese per disputare l'edizione 2013 della East Asian Cup la quale viene vinta proprio dalla nazionale nipponica, dove Ōsako segna una doppietta nella vittoria contro l'Australia per 3-2.[11] Ōsako giocherà nel mondiale 2018 in Russia dove, nella fase a girone, segnerà la rete del 2-1 contro la favorita Colombia[12] che garantirà la prima storica vittoria nei mondiale per la nazionale giapponese contro una nazionale della CONMEBOL. Durante un'amichevole segnerà il gol del temporaneo 2-1 contro l'Uruguay nella partita che il Giappone vincerà per 4-3.[13] Nell'edizione 2019 della Coppa d'Asia sarà autore della doppietta nella partita che il Giappone vincerà contro il Turkmenistan per 3-2,[14] inoltre sarà autore di un'altra doppietta nella semifinale vinta 3-0 contro l'Iran,[15] che permetterà l'accesso alla finale dove però il Giappone perderà 3-1 contro il Qatar.[16]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Giappone
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
21-7-2013 Seul Giappone Giappone 3 – 3 Cina Cina Coppa dell'Asia orientale 2013 - Ingresso al 87’ 87’
25-7-2013 Hwaseong Giappone Giappone 3 – 2 Australia Australia Coppa dell'Asia orientale 2013 2 Ammonizione al 56’ 56’
6-9-2013 Osaka Giappone Giappone 3 – 0 Guatemala Guatemala Amichevole - Uscita al 46’ 46’
10-9-2013 Yokohama Giappone Giappone 3 – 1 Ghana Ghana Amichevole - Ingresso al 75’ 75’
16-11-2013 Genk Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Giappone Giappone Amichevole 1 Uscita al 73’ 73’
19-11-2013 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 3 Giappone Giappone Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
5-3-2014 Tokyo Giappone Giappone 4 – 2 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole - Uscita al 81’ 81’
3-6-2014 Tampa Costa Rica Costa Rica 1 – 3 Giappone Giappone Amichevole - Ammonizione al 7’ 7’ Uscita al 76’ 76’
7-6-2014 Tampa Giappone Giappone 4 – 3 Zambia Zambia Amichevole - Ingresso al 60’ 60’
15-6-2014 Recife Costa d'Avorio Costa d'Avorio 2 – 1 Giappone Giappone Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 68’ 68’
20-6-2014 Ceará-Mirim Giappone Giappone 0 – 0 Grecia Grecia Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 57’ 57’
9-9-2014 Yokohama Giappone Giappone 2 – 2 Venezuela Venezuela Amichevole - Uscita al 46’ 46’
31-3-2015 Chōfu Giappone Giappone 5 – 1 Uzbekistan Uzbekistan Amichevole - Ingresso al 71’ 71’
11-6-2015 Yokohama Giappone Giappone 4 – 0 Iraq Iraq Amichevole - Ingresso al 73’ 73’
16-6-2015 Saitama Giappone Giappone 0 – 0 Singapore Singapore Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 61’ 61’
11-11-2016 Kashima Giappone Giappone 4 – 0 Oman Oman Amichevole 2 Ammonizione al 53’ 53’ Uscita al 60’ 60’
15-11-2016 Tokyo Giappone Giappone 2 – 1 Arabia Saudita Arabia Saudita Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 90+3’ 90+3’
23-3-2017 al-'Ayn Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 0 – 2 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 82’ 82’
7-6-2017 Chōfu Giappone Giappone 1 – 1 Siria Siria Amichevole - Uscita al 85’ 85’
13-6-2017 Teheran Iraq Iraq 1 – 1 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2018 1
31-8-2017 Saitama Giappone Giappone 2 – 0 Australia Australia Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 44’ 44’ Uscita al 87’ 87’
6-10-2017 Toyota Giappone Giappone 2 – 1 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole 1 Uscita al 61’ 61’
10-10-2017 Yokohama Giappone Giappone 3 – 3 Haiti Haiti Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
10-11-2017 Villeneuve-d'Ascq Giappone Giappone 1 – 3 Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 81’ 81’
14-11-2017 Bruges Belgio Belgio 1 – 0 Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 74’ 74’
23-3-2018 Liegi Giappone Giappone 1 – 1 Mali Mali Amichevole -
30-5-2018 Yokohama Giappone Giappone 0 – 2 Ghana Ghana Amichevole - Uscita al 46’ 46’
8-6-2018 Lugano Svizzera Svizzera 2 – 0 Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 40’ 40’
12-6-2018 Innsbruck Giappone Giappone 4 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
19-6-2018 Saransk Colombia Colombia 1 – 2 Giappone Giappone Mondiali 2018 - 1º turno 1 Uscita al 85’ 85’
24-6-2018 Ekaterinburg Giappone Giappone 2 – 2 Senegal Senegal Mondiali 2018 - 1º turno -
28-6-2018 Volgograd Giappone Giappone 0 – 1 Polonia Polonia Mondiali 2018 - 1º turno - Ingresso al 47’ 47’
2-7-2018 Rostov sul Don Belgio Belgio 3 – 2 Giappone Giappone Mondiali 2018 - Ottavi di finale -
12-10-2018 Niigata Giappone Giappone 3 – 0 Panama Panama Amichevole - Uscita al 66’ 66’
16-10-2018 Saitama Giappone Giappone 4 – 3 Uruguay Uruguay Amichevole 1
16-11-2018 Ōita Giappone Giappone 1 – 1 Venezuela Venezuela Amichevole - Ammonizione al 61’ 61’ Uscita al 68’ 68’
20-11-2018 Toyota Giappone Giappone 4 – 0 Kirghizistan Kirghizistan Amichevole 1 Ingresso al 59’ 59’
9-1-2019 Abu Dhabi Giappone Giappone 3 – 2 Turkmenistan Turkmenistan Coppa d'Asia 2019 - 1º turno 2
24-1-2019 Dubai Vietnam Vietnam 0 – 1 Giappone Giappone Coppa d'Asia 2019 - Quarti di finale - Ingresso al 72’ 72’
28-1-2019 al-'Ayn Iran Iran 0 – 3 Giappone Giappone Coppa d'Asia 2019 - Semifinale 2
1-2-2019 Abu Dhabi Giappone Giappone 1 – 3 Qatar Qatar Coppa d'Asia 2019 - Finale -
5-6-2019 Toyota Giappone Giappone 0 – 0 Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Amichevole -
9-6-2019 Rifu Giappone Giappone 2 – 0 El Salvador El Salvador Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
5-9-2019 Kashima Giappone Giappone 2 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole 1 Uscita al 67’ 67’
10-9-2019 Yangon Birmania Birmania 0 – 2 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2022 -
09-10-2020 Utrecht Giappone Giappone 0 – 0 Camerun Camerun Amichevole -
Totale Presenze (64º posto) 46 Reti 15

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Kashima Antlers: 2009
Kashima Antlers: 2010
Kashima Antlers: 2011, 2012
Kashima Antlers: 2009, 2010

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Kashima Antlers: 2012, 2013

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) OSAKO Yuya, Japan National Football Team Database (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2013).
  2. ^ (EN) Sao Paulo lost 3-2 to Kashima Antlers and loses Suruga Bank Cup, su ecuadortimes.net, 7 agosto 2013. URL consultato il 27 giugno 2020.
  3. ^ (DE) Bumm! Sechzig explodiert gegen Aalen, su fupa.net, 7 marzo 2014. URL consultato il 27 giugno 2020.
  4. ^ (EN) Japan star Osako writing his own history in Cologne, su bundesliga.com. URL consultato il 27 giugno 2020.
  5. ^ (EN) Osako scores double in Cologne romp, su japantimes.co.jp, 29 gennaio 2017. URL consultato il 27 giugno 2020.
  6. ^ thestatesman.com, https://www.thestatesman.com/sports/cologne-berlin-wrap-victories-uefa-europa-league-1502522400.html.
  7. ^ (EN) Yuya Osako joins SV Werder, su werder.de, 16 maggio 2018. URL consultato il 28 giugno 2020.
  8. ^ (EN) Six goals, six different goalscorers, su werder.de, 18 agosto 2018. URL consultato il 27 giugno 2020.
  9. ^ (EN) W. Bremen 3-2 Augsburgo: results, summary and goals, su en.as.com, 29 maggio 2020. URL consultato il 28 giugno 2020.
  10. ^ (DE) 6:1! Werder Bremen – 1. FC Köln Live-Ticker: Werder rettet sich in die Relegation, su bild.de. URL consultato il 28 giugno 2020.
  11. ^ (EN) Osako scores brace to lead Japan over Australia, su sportsnet.ca, 25 giugno 2013. URL consultato il 27 giugno 2020.
  12. ^ Giappone batte Colombia 2-1, la sorpresa viene dal Sol Levante, su ansa.it, 19 giugno 2018. URL consultato il 27 giugno 2020.
  13. ^ lalaziosiamonoi.it, https://www.lalaziosiamonoi.it/qui-nazionali/nazionali-e-show-tra-giappone-e-uruguay-poco-piu-di-un-tempo-per-caceres-100041.
  14. ^ ilblogdellosportivo.it, https://www.ilblogdellosportivo.it/il-giappone-parte-bene-3-2-al-turkmenistan/.
  15. ^ Coppa d'Asia, Iran-Giappone 0-3: doppietta di Osako e gol di Haraguchi, su gazzetta.it, 28 gennaio 2019. URL consultato il 27 giugno 2020.
  16. ^ Qatar nella storia: 3-1 al Giappone e prima vittoria in Coppa d’Asia a due anni dal mondiale in casa, su ilfattoquotidiano.it, 1º febbraio 2019. URL consultato il 27 giugno 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2556150172659000180006 · NDL (ENJA001266518 · WorldCat Identities (ENviaf-2556150172659000180006