64ª Squadriglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
64ª Squadriglia
Descrizione generale
Attiva1 settembre 1935
NazioneItalia Italia
ServizioRA-emblem.png Servizio Aeronautico
Lesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1929-1943).svgRegio Esercito
Regia Aeronautica
campo voloAeroporto di Macallè
Aeroporto di Gimma
velivoliSavoia-Pomilio SP.4
Caproni Ca.133
Battaglie/guerreGuerra d'Etiopia
Seconda guerra mondiale
Parte di
XLIX Gruppo bombardamento diurno
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 64ª Squadriglia della Regia Aeronautica viene attivata il 1º settembre 1935 per la Guerra d'Etiopia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

La 64ª Squadriglia Savoia-Pomilio SP.4 era in formazione alla fine del 1917 ma non venne completata. Il 31 ottobre 1918 torna in formazione a Riva di Chieri ed alla fine dell'anno dispone di dodici Ansaldo S.V.A. 6 destinata alla Regia Marina dell'Aeroporto di Poggio Renatico ma poi viene sciolta.[1]

Guerra d'Etiopia[modifica | modifica wikitesto]

La costituzione della 64ª Squadriglia da bombardamento della Regia Aeronautica è del 1 settembre 1935 nell'ambito della Guerra d'Etiopia. Il 10 dicembre 1935 gli aerei si trasferiscono a Ciampino, il 7 marzo a Capodichino. L’imbarco è completato l’11 marzo; l’arrivo a Massaua avviene il 16 marzo. I collaudi si concludono a fine marzo ed il reparto si trasferisce all'Aeroporto di Macallè. Le operazioni belliche iniziano il 31 marzo inquadrata nel XLIX Gruppo del 14º Stormo.[2]

Africa Orientale Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Al 1º ottobre 1936 è nel XLIX Gruppo autonomo del Comando settore aeronautico nord di Asmara.[3] Nel febbraio 1937 vola sui Caproni Ca.133.

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Al 10 giugno 1940 era nel XLIX Gruppo Bombardamento Terrestre con 6 Caproni Ca.133 all'Aeroporto di Gimma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentilli e Paolo Varriale, 1999 pag. 224
  2. ^ Fondo “Africa orientale italiana 1935-1938”, AM Ufficio Storico, pag. 204
  3. ^ Fondo “Africa orientale italiana 1935-1938”, AM Ufficio Storico, pag. 40

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentilli e Paolo Varriale, 1999
  • Paolo Ferrari, L'aeronautica italiana - Una storia del Novecento, Milano, Franco Angeli, 2005, ISBN 978-88-464-5109-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]