Velo d'Astico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Velo d'Astico
comune
Velo d'Astico – Stemma Velo d'Astico – Bandiera
Parte sommitale del monte Priaforà
Parte sommitale del monte Priaforà
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
Amministrazione
Sindaco Giordano Rossi (Lega Nord) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate 45°47′21.48″N 11°22′07.32″E / 45.7893°N 11.3687°E45.7893; 11.3687 (Velo d'Astico)Coordinate: 45°47′21.48″N 11°22′07.32″E / 45.7893°N 11.3687°E45.7893; 11.3687 (Velo d'Astico)
Altitudine 346 m s.l.m.
Superficie 21,9 km²
Abitanti 2 446[2] (30-4-2014)
Densità 111,69 ab./km²
Frazioni Lago, Meda, Seghe[1]
Comuni confinanti Arsiero, Cogollo del Cengio, Piovene Rocchette, Posina, Santorso, Schio
Altre informazioni
Cod. postale 36010
Prefisso 0445
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 024115
Cod. catastale L723
Targa VI
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 862 GG[3]
Nome abitanti velesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Velo d'Astico
Posizione del comune di Velo d'Astico all'interno della provincia di Vicenza
Posizione del comune di Velo d'Astico all'interno della provincia di Vicenza
Sito istituzionale

Velo d'Astico è un comune italiano di 2 440 abitanti[2] della provincia di Vicenza in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Velo d'Astico si localizza verso la metà della valle dell'Astico, presso la confluenza della val Posina. Si estende alla destra dei torrenti Astico e Posina, alle pendici del monte Priaforà.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del nome

Il significato del toponimo è incerto: potrebbe avere origini preromane, oppure collegarsi al latino villus "vello", ovvero "suolo erboso". Nel 1867 assunse la specifica "d'Astico" per distinguerlo dall'omonimo Velo Veronese[4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Pieve di San Giorgo 
Si tratta di una delle più antiche chiese della val d'Astico, base per l'evangelizzazione della zona in epoca paleocristiana. Le sue origini remote sono testimoniate da un ciclo di affreschi del XII-XIII secolo[5].
Villa Velo, Zebeo 
Proprietà dei conti di Velo di origini cinquecentesche, alla loro estinzione pervenne agli Zebeo. Nel 1952 passò al Pontificio istituto missioni estere, ma da qualche anno è stato acquisito dalla Provincia di Vicenza.
Di particolare rilievo il parco, opera dell'architetto Antonio Caregaro Negrin[6].
Villa Fogazzaro, detta "la Montanina" 
Fu progettata nel 1907 da Antonio Fogazzaro, suo primo proprietario, in collaborazione con l'architetto Mario Ceradini. L'edificio, situato in una bella posizione lungo la strada che collega Velo alla frazione Lago, riflette la personalità ecclettica dello scrittore e il suo gusto per la favolosità: presenta infatti un inusuale carattere liberty con richiami mitteleuropei.
Distrutta durante la Grande Guerra, fu ricostruita tra il 1927 e il 1932 dall'ingegnere Umberto Valdo per divenire sede dell'Opera italiana Pro Oriente di don Francesco Galloni[7].
Villa Velo, Lampertico, Valmarana, Ciscato 
Ubicata nella frazione Seghe e risalente al Settecento, fu un'altra dimora dei Velo sino alla prima metà dell'Ottocento. Passata poi a Giuseppina Lampertico, moglie del conte Angelo Valmarana, anch'essa si lega ad Antonio Fogazzaro che vi villeggiò in quanto loro genero; vi ambientò il suo Daniele Cortis ribattezzandola "villa Carrè"[8].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione del comune fino al 1867 era Velo, convertita poi in Velo d'Astico.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Velo d'Astico - Statuto.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2014.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 699.
  5. ^ Vicenza, Padova e ville palladiane. Escursioni, sport, divertimenti, enogastronomia, arte e cultura, Milano, Touring Club Italiano, 2005, p. 121, ISBN 88-365-3401-5.
  6. ^ Villa Velo, Zebeo, Pontificio Istituto delle Missioni Estere, Provincia di Vicenza, IRVV. URL consultato il 1° ottobre 2014.
  7. ^ Villa Fogazzaro, Istituto Santa Maria Annunciata, detta "la Montanina", IRVV. URL consultato il 1° ottobre 2014.
  8. ^ Villa Velo, Lampertico, Valmarana, Ciscato, IRVV. URL consultato il 1° ottobre 2014.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3
Vicenza Portale Vicenza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Vicenza