Nogarole Vicentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nogarole Vicentino
comune
Nogarole Vicentino – Stemma Nogarole Vicentino – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
Amministrazione
Sindaco Mario Negro Marcegaglia (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°34′00″N 11°17′00″E / 45.566667°N 11.283333°E45.566667; 11.283333 (Nogarole Vicentino)Coordinate: 45°34′00″N 11°17′00″E / 45.566667°N 11.283333°E45.566667; 11.283333 (Nogarole Vicentino)
Altitudine 525 m s.l.m.
Superficie 9 km²
Abitanti 1 142[1] (31-12-2010)
Densità 126,89 ab./km²
Frazioni Alvese
Comuni confinanti Altissimo, Arzignano, Brogliano, Chiampo, San Pietro Mussolino, Trissino
Altre informazioni
Cod. postale 36070
Prefisso 0444
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 024072
Cod. catastale F922
Targa VI
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti nogarolesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nogarole Vicentino
Posizione del comune di Nogarole Vicentino all'interno della provincia di Vicenza
Posizione del comune di Nogarole Vicentino all'interno della provincia di Vicenza
Sito istituzionale

Nogarole Vicentino (Nogarole in veneto) è un comune di 1.089 abitanti[2] della provincia di Vicenza, geograficamente situato sullo spartiacque tra la Valle del Chiampo e la Valle dell'Agno.

Rilievi e corsi d'acqua[modifica | modifica wikitesto]

le colline di Nogarole Vicentino fanno parte delle Lessinia Vicentina, ultima propaggine del grande ventaglio dei monti Lessini. Sono costituiti dai coni ormai spenti di antichi vulcani, le cui colate laviche ricoprirono il basamento calcareo caratteristico della Valchiampo e della valle dell'Agno. Le altitudini maggiori vengono raggiunte dal Monte Faldo e dal Monte Croce del Bosco, caratteristiche sono anche le colline denominate Castellaro e Cavallaro (o Caverlero). Il centro del paese sorge in una conca compresa proprio tra il Castellaro, il Monte Faldo e il Cavallaro. Dal Monte Faldo scendono numerosi piccoli corsi d'acqua, spesso in secca nella stagione asciutta. Di questi, tre confluiscono in un punto denominato "Tre Valli", dando origine al torrente Restena, corso d'acqua che dà il nome alla zona di Nogarole corrispondente ed ad una frazione di Arzignano attraversata anch'essa dalla Restena

Prodotti tipici[modifica | modifica wikitesto]

Nella produzione agricola di Nogarole, tre prodotti hanno ottenuto la Denominazione Comunale d'origine (De.Co): la Patata del Faldo, i prodotti caseari del Monte Faldo ed il Miele della Valchiampo. Degna di nota è pure la produzione di ciliege. Esiste anche una piccola realtà di produzione di olio d'oliva che ha recentemente ricevuto dei riconoscimenti da parte di Slow Food

Manifestazioni ed Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 ed il 4 maggio del 2014 si è svolta la prima "Festa del Formaggio" dedicata proprio ai prodotti caseari "De.Co Monte Faldo", con degustazione dei formaggi del caseificio di Nogarole e dei caseifici dei paesi vicini.

In occasione della "Festa del Formaggio" è stata organizzata la "Caminada dei 7 capitei", una passeggiata lungo gli antichi sentieri di Nogarole alla scoperta di stupendi scorci delle vallate del Chiampo e dell'Agno tra meravigliosi angoli di natura, tra secolari capitelli votivi e contrade nelle quali ancora si leggono le tracce del passato.

Persone legate a Nogarole Vicentino[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfredo Rigodanzo, partigiano, commissario politico della Brigata Stella, a lui si deve la raccolta del ricco scambio epistolare avvenuto tra i battaglioni della brigata stessa e da cui sono stati tratti diversi libri.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

sindaco: Romina Bauce[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Variazioni[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione del comune fino al 1867 era Nogarole.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Fonte: ISTAT - Bilancio demografico al 28/02/2007 [1].
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]