Strada statale 271 di Cassano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strada statale 271
di Cassano
Strada Statale 271 Italia.svg
Denominazioni successive Strada provinciale 236 di Cassano Strada provinciale ex SS271 Matera-Santeramo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regioni Puglia Puglia
Basilicata Basilicata
Dati
Classificazione Strada statale
Inizio Bari
Fine SS 7 presso Matera
Lunghezza 60,160[1] km
Gestore ANAS (precedente gestore)

Provincia di Bari

Provincia di Matera (dal 2001)
Percorso
Strade europee Italian traffic signs - strada europea 843.svg

La ex strada statale 271 di Cassano (SS 271), ora strada provinciale 236 di Cassano (SP 236)[2] in Puglia e strada provinciale ex SS 271 Matera-Santeramo (SP ex SS 271)[3] in Basilicata, è una strada statale italiana che collega i capoluoghi di Bari e Matera.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

La strada ha inizio nel centro abitato di Bari dal quale esce in direzione sud-ovest. Nel primo tratto incrocia la strada statale 16 Adriatica e l'A14 Bologna-Taranto nei pressi dello svincolo di Bari Sud: il tratto tra le due precedenti intersezioni è inserito nell'itinerario della strada europea E843[4].

Il tracciato originario prevedeva l'attraversamento dei comuni a sud del capoluogo, in seguito all'aumento del traffico veicolare sono state realizzate le varianti ai centri abitati di Bitritto e Sannicandro di Bari e attraversa i centri urbani di Cassano delle Murge e Santeramo in Colle, dove incrocia la ex strada statale 171 di Santeramo.

L'arteria devia quindi verso sud-ovest raggiungendo il confine tra la regione pugliese e quella lucana, terminando infine il proprio percorso innestandosi sulla strada statale 7 Via Appia non lontano da Matera.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione del tratto pugliese è passata dall'ANAS alla Regione Puglia, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Bari[5]; la gestione del tratto lucano è invece passata alla Regione Basilicata, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Matera[6].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Puglia.
  2. ^ Elenco della viabilità, Provincia di Bari.
  3. ^ Programma triennale delle opere pubbliche 2011/2013 dell'amministrazione Provincia di Matera, Provincia di Matera, p. 2.
  4. ^ Descrizione della rete - Definizione tracciati itinerari internazionali rete E.
  5. ^ L.R. 20 del 30/11/2000 (artt. 8-9), Regione Puglia - B.U. 147 del 13/12/2000.
  6. ^ L.R. 7 dell'8/03/1999 (artt. 69-71), Regione Basilicata - B.U. 17 del 18/03/1999.