Samassi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samassi
comune
Samassi – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Medio Campidano
Amministrazione
Sindaco Enrico Pusceddu (lista civica) dall'11/06/2012
Territorio
Coordinate 39°29′00″N 8°54′00″E / 39.483333°N 8.9°E39.483333; 8.9 (Samassi)Coordinate: 39°29′00″N 8°54′00″E / 39.483333°N 8.9°E39.483333; 8.9 (Samassi)
Altitudine 56 m s.l.m.
Superficie 42,21 km²
Abitanti 5 338[1] (31-12-2010)
Densità 126,46 ab./km²
Comuni confinanti Furtei, Sanluri, Serramanna, Serrenti
Altre informazioni
Cod. postale 09030
Prefisso 070
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 106013
Cod. catastale H738
Targa VS
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti samassesi
Patrono San Gemiliano
Giorno festivo 16 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Samassi
Posizione del comune di Samassi all'interno della provincia del Medio Campidano
Posizione del comune di Samassi all'interno della provincia del Medio Campidano
Sito istituzionale

Samassi è un comune italiano di 5.338 abitanti circa della provincia del Medio Campidano in Sardegna. Dista circa 38 km da Cagliari, è attraversata dal fiume Mannu, e dalla linea ferroviaria.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Anticamente il territorio di Samassi era nella curatoria di Nuraminis del Giudicato di Cagliari.

Fatto storico importante è l'inondazione del 17 novembre 1898 rimasta nella memoria popolare con la denominazione "S'Annu 'e s'unda" (L'anno dell'onda). L'esondazione arrecò gravissimi danni al Paese, ma fortunatamente non ci fu neanche una vittima tra gli abitanti, questo fatto accrebbe la devozione dei samassesi a San Geminiano, che in tale data istituirono una festa votiva denominata "Santu Millaneddu".

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Tra i luoghi di interesse del comune va citata la chiesa di San Geminiano (nei cui dintorni è stata ritrovata una delle poche necropoli vandaliche della Sardegna), dell'XI secolo e intitolata al Santo, la cui festa ricorre il 16 settembre (Santu Millanu).

Da segnalare inoltre la Chiesa Parrocchiale della Beata Vergine di Monserrato, realizzata in blocchi di Tufo in stile gotico-aragonese, risalente alla fine del 1500.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Tra le manifestazioni locali il Carnevale Samassese è uno dei maggiori del Campidano (giunto nel 2014 alla 61ª edizione). Annualmente si tiene anche la sagra del carciofo (prima edizione nel 1987), durante la quale si tengono la fiera agroalimentare del Medio Campidano e una marcialonga.

Persone legate a Samassi[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il paese basa la sua economia sull'agricoltura ed è fra i centri agricoli più produttivi del medio Campidano. Fra le colture più ricorrenti vi sono il frumento, la vite, il pomodoro da industria e l'orticoltura in generale. La coltura prevalente è tuttavia il carciofo. Modesta è la presenza dell'industria manifatturiera, conserviera e artigianale.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La principale squadra di calcio della città è l'U.S.D. Samassi 1968 Calcio che milita nell'Eccellenza Sardegna. È nata nel 1968.

Atletica leggera[modifica | modifica sorgente]

Dal 1972 opera l'Associazione Sportiva Dilettantistica di Atletica Leggera - US Acli Mariano Scano Samassi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna