Villaputzu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villaputzu
comune
Villaputzu – Stemma
Villaputzu – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Cagliari-Stemma.png Cagliari
Sindaco Fernando Luigi Codonesu (lista civica) dall'11/06/2012
Territorio
Coordinate 39°26′00″N 9°35′00″E / 39.433333°N 9.583333°E39.433333; 9.583333 (Villaputzu)Coordinate: 39°26′00″N 9°35′00″E / 39.433333°N 9.583333°E39.433333; 9.583333 (Villaputzu)
Altitudine 11 m s.l.m.
Superficie 181,28 km²
Abitanti 4 855[1] (31-12-2011)
Densità 26,78 ab./km²
Frazioni Porto Corallo, Porto Tramatzu, Quirra, San Lorenzo, Santa Maria, Cala Murtas
Comuni confinanti Armungia, Arzana (OG), Ballao, Escalaplano, Jerzu (OG), Muravera, Perdasdefogu (OG), San Vito, Ulassai (OG), Villasalto
Altre informazioni
Cod. postale 09040
Prefisso 070
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 092097
Cod. catastale L998
Targa CA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti villaputzesi
Patrono san Giorgio Martire
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Villaputzu
Posizione del comune di Villaputzu nella provincia di Cagliari
Posizione del comune di Villaputzu nella provincia di Cagliari
Sito istituzionale

Villaputzu (Biddeputzi in sardo) è un comune di 4.855 abitanti della provincia di Cagliari, nella regione del Sarrabus; è parte della diocesi dell'Ogliastra.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il comune di Villaputzu è situato a 8 metri sul livello del mare. Il territorio comunale si estende per Ha. 17.429 e confina con i Comuni di Muravera, San Vito, Frazioni di Arzana e Ierzu, Ulassai e Perdasdefogu. Il centro abitato è situato in un breve tratto pianeggiante, creato dai depositi alluvionali del fiume Flumendosa, a ridosso delle colline del Sarrabus. Geograficamente il territorio è suddiviso, da una parte nella sub-regione del Sarrabus e dall'altra parte nel "Salto di Quirra", altra sub-regione condivisa con i Comuni ogliastrini.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Edifici religiosi[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Lingua[modifica | modifica sorgente]

La lingua autoctona di Villaputzu è il sardo (sardu o limba sarda), e per la precisione il macrodialetto campidanese (campidanesu) nella sua variante sarrabese. Peculiari della parlata del Sarrabus sono fenomeni fonetici come -rt->-tt- (morti>motti) ed il colpo di glottide per la pronuncia di -l- e -n- (soli>sohi, pani>pahi, cani>cahi).

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Gennaio: festa di S. Antonio Abate (giorno 17).
  • Domenica precedente il mercoledì delle ceneri: carnevale sarrabese.
  • 15 maggio San Giorgio Martire Santo Patrono di Villaputzu. Il Santo esce in processione su un carro sardo trainato da una coppia di buoi, con gruppi folk e suonatori di launeddas di Villaputzu.
  • Ultimo week-end di Giugno- primo week-end di Luglio: festa dei Santi Pietro e Paolo
  • Agosto:(giorno 7)festival delle launedda, sfilata di gruppi folk e concerto di musica etnica con la partecipazione di numerosi artisti del patrimonio sardo ed ospiti nazionali ed internazionali.
  • Agosto: Madonna del mare (giorno 16).
  • Ottobre: feste di Santa Vittoria (II domenica) e San Narciso (IV domenica) con processione accompagnata dal ritmo delle launeddas. Nell'occasione si tengono gare poetiche di improvvisatori, balli in piazza e spettacoli pirotecnici.

Gastronomia[modifica | modifica sorgente]

Interessante il patrimonio culinario, con is culirgionis, importati dall'Ogliastra, is malloreddus, gli arrosti di carne e di pesce ed i dolci tipici, come is pardulas, is pabassinas, gli amaretti e i formaggi del luogo. Da citare, inoltre, gli agrumi di produzione locale. Un altro cibo tipico del paese è il casu marzu, un tipo di pecorino colonizzato da larve di mosche casearie.

Le launeddas[modifica | modifica sorgente]

Le launeddas sono uno strumento musicale policalamo ad ancia battente, originario della Sardegna. È uno strumento di origini antichissime in grado di produrre polifonia, è suonato con la tecnica della respirazione circolare ed è costruito utilizzando diversi tipi di canne.

Villaputzu vantava, e vanta ancora, una scuola che ha stilisticamente influenzato la musica per launeddas di tutta l'isola. Questa scuola disponeva dei più raffinati maestri, custodi del ricco repertorio delle varie suonate, delle tecniche costruttive e del vasto patrimonio letterario orale concernente lo strumento.

Il semi-professionismo sopravvissuto nel paese, retaggio di periodi storici precedenti, quando i suonatori erano ancora al centro della vita sociale, ha reso possibile la conservazione e la trasmissione, da maestro ad allievo, di buona parte di questo prezioso patrimonio, tant'è che ancora oggi può vantare valenti esecutori, eredi della secolare tradizione villaputzese.

I maestri del passato[modifica | modifica sorgente]

  • Agostino Vacca, Villaputzu (CA) 1847 - 1896
  • Giovanni "Giuanniccu" Cabras, Villaputzu (CA) 1872 - Decimomannu 1942
  • Gioacchino Seu, Villaputzu (CA) 1873 - Cagliari 1957
  • Peppino Cabras, Villaputzu (CA) 1898 - Villasor 1965
  • Antonio Lara, Villaputzu(NU) 1886 - Villaputzu (CA) 1979
  • Emanuaele Lara, Villaputzu (NU) 1888 - 1941
  • Efisio Melis, Villaputzu (CA) 1890 - Cagliari 1970
  • Aurelio Porcu, Villaputzu (CA) 1914 - Muravera 2007
  • Felicino Pili, Villaputzu (CA) 1910 - Oristano 1982
  • Mario Cancedda, Villaputzu

Suonatori in attività[modifica | modifica sorgente]

  • Giancarlo Seu, Villaputzu (CA)
  • Gianfranco Mascia, Villaputzu (CA) (1967)
  • Andrea Pisu, Villaputzu (CA)
  • Gianluca Utzeri, Villaputzu (CA)

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DICA_POPALED&Lang=it
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna