Villaperuccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villaperuccio
comune
Villaperuccio – Stemma
L'abitato visto dalla SP 79
L'abitato visto dalla SP 79
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Carbonia-Iglesias-Stemma.png Carbonia-Iglesias
Amministrazione
Sindaco Antonello Pirosu (lista Po sa Baronia) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 39°07′00″N 8°40′00″E / 39.116667°N 8.666667°E39.116667; 8.666667 (Villaperuccio)Coordinate: 39°07′00″N 8°40′00″E / 39.116667°N 8.666667°E39.116667; 8.666667 (Villaperuccio)
Altitudine 68 m s.l.m.
Superficie 36,43 km²
Abitanti 1 121[1] (31-12-2010)
Densità 30,77 ab./km²
Frazioni Is Cotzas, Is Faddas, Is Grazias, Is Pintus, Is Pireddas, Matta S'Olia, Terrazzu.
Comuni confinanti Narcao, Nuxis, Perdaxius, Piscinas, Santadi, Tratalias
Altre informazioni
Cod. postale 09010
Prefisso 0781
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 107023
Cod. catastale M278
Targa CI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti villaperuccesi
Patrono Beata Vergine del Rosario
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villaperuccio
Posizione del comune di Villaperuccio nella provincia di Carbonia-Iglesias
Posizione del comune di Villaperuccio nella provincia di Carbonia-Iglesias
Sito istituzionale

Villaperuccio (Sa Baronìa in sardo) è un comune italiano di 1.121 abitanti[1] della provincia di Carbonia-Iglesias in Sardegna.

Situato al centro del Basso Sulcis[2], Villaperuccio è comune indipendente dal 1979. Nel suo territorio si trova l'importante necropoli prenuragica di Montessu.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Villaperuccio-Terrazzu. Menhir "Luxia Arrabiosa"

Il territorio del comune di Villaperuccio fu abitato sin dall’antichità. Gli scavi archeologici hanno attestato la presenza dell’uomo sin dal periodo neolitico. Ancora oggi si possono trovare nella campagna che circonda il centro abitato punte di frecce in ossidiana e particolari pietre forate, utilizzate probabilmente per la caccia.

Di notevole importanza sono le necropoli prenuragiche di Montessu e di Marchianna, e i numerosi menhirs disseminati nell'agro di Villaperuccio, tra i quali vi sono quello imponente detto di “Luxia Arrabiosa” alto quasi 6 metri e facilmente visibile nella località di Terrazzu nella periferia sud-ovest del paese, quello di Monte Narcao, e quelli denominati “Is Perdas Croccadas” (le pietre coricate) nella località omonima.

Il centro abitato attuale può essere ricondotto al periodo medioevale. Villaperuccio era parte del Giudicato di Cagliari e in particolar modo della curatoria del Sulcis. A partire dal 1258 il territorio venne assegnato alla famiglia dei Della Gherardesca, e precisamente al conte Gherardo. Il paese venne quindi amministrato direttamente dal comune di Pisa. Con l’arrivo degli aragonesi il paese passò sotto il controllo di Tului. Successivamente la peste del 1348 si abbatté violentemente sugli abitanti del centro sulcitano decimandone la popolazione.

Una sollevazione popolare durante la prima guerra tra Mariano IV d'Arborea e Pietro IV d'Aragona infierì ingenti danni al paese. Con la proclamazione della pace, Villaperuccio riuscì ad inviare i propri rappresentanti al parlamento del 1355. La seconda guerra tra Mariano IV e Pietro IV portò all’occupazione militare da parte delle truppe giudicali. Agli inizi del XV secolo il centro abitato si era ridotto notevolmente e i campi, un tempo impiegati per l’agricoltura e per la pastorizia si stavano trasformando in una landa boscosa. Il feudo venne quindi ceduto agli Otger (che riunirono sotto la loro giurisdizione anche i salti di Magai, Perdalonga e Perdeddu) che lo amministrarono nei secoli successivi. Il paese si riprese completamente solo alcuni secoli dopo ed in particolar modo a partire dal XVIII secolo, quando numerose famiglie di agricoltori vi si insediarono facendo ripartire l’economia.

All'estinzione della famiglia degli Otger il territorio di Villaperuccio non fu più infeudato e nel 1821 fu incluso nella provincia di Iglesias e successivamente unito al comune di Santadi; dal 1848 fece parte della divisione amministrativa di Cagliari e dal 1859 della medesima provincia. Nel 1979 grazie ad un referendum locale Villaperuccio divenne nuovamente comune autonomo, perdendo parte del territorio che sino al 1821 faceva parte del suo feudo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Necropoli prenuragica di Montessu
  • Chiesa della Madonna delle Grazie in località Is Grazias (XVI secolo)
  • Menhir di Luxia Arrabiosa in località Terratzu
  • I menhir chiamati Is Perdas Croccadas
  • I circa 40 nuraghi
  • Lago di Monte Pranu
  • Necropoli di Marchianna
  • Chiesa della Madonna del Rosario (1913)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Comune di Villaperuccio. URL consultato il 27 febbraio 2010.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna