Rivelino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rivelino
Roberto Rivelino 1974b.jpg
Dati biografici
Nome Roberto Rivellino
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 169[1] cm
Peso 73[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala sinistra
Carriera
Giovanili
1962
1963-1965
Palmeiras Palmeiras
Corinthians Corinthians
Squadre di club1
1965-1974 Corinthians Corinthians 471 (141)
1974-1978 Fluminense Fluminense 158 (53)
1978-1981 Al-Hilal Al-Hilal 57 (21)
Nazionale
1965-1978 Brasile Brasile 92 (26)
Carriera da allenatore
1994 Shimizu S-Pulse Shimizu S-Pulse
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali di calcio
Oro Messico 1970
Bronzo Argentina 1978
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Rivellino (San Paolo del Brasile, 1º gennaio 1946) è un ex calciatore brasiliano, noto anche come Rivelino, il cui ruolo naturale era quello di ala sinistra; campione del mondo con la Nazionale brasiliana ai Mondiali di calcio del 1970.

Nel marzo del 2004 venne inserito da Pelé nella lista del FIFA 100, la speciale classifica che include i più grandi calciatori viventi. Insieme a Teofilo Cubillas, Elías Figueroa e Mario Kempes, è considerato uno dei giocatori sudamericani più forti degli anni settanta.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Trequartista dotato di una tecnica prodigiosa, eccelleva anche nel dribbling, inventando un nuovo tipo di movimento chiamato Elastico o Flip Flap. Famoso per i suoi potenti tiri di sinistro e le punizioni dalla distanza.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Nato a San Paolo da una famiglia originaria di Macchiagodena,[2] da piccolo giocò a calcio a 5 con il Clube Indiano, piccolo team della sua città. Passò poi al calcio ad 11 e venne scoperto dal Corinthians dove militò per molti anni. Sfortunatamente, in quegli anni il Corinthians stava attraversando uno dei periodi più negativi della sua storia recente e non vinse mai nessun campionato. Nel 1974 Rivelino venne contestato dai tifosi dopo una sconfitta con gli arci-rivali del Palmeiras e l'anno dopo preferì trasferirsi al Fluminense di Rio de Janeiro: con la sua nuova squadra vinse due titoli statali (1975 e 1976) e divenne l'idolo dei supporters locali. Nonostante avesse ricevuto importanti offerte da club europei, egli preferì rimanere in Brasile fino al 1979, anno in cui venne acquistato da una squadra dell'Arabia Saudita e si ritirò dall'agonismo nel 1981.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la Nazionale brasiliana Rivelino giocò più di 100 partite. Venne convocato per la prima volta a 19 anni e partecipò al vittorioso mondiale del 1970, in cui segnò anche tre reti: una di queste, una punizione contro la Cecoslovacchia, gli valse il soprannome di "patada atomica" da parte dei tifosi messicani. Fu titolare anche nelle edizioni della Coppa del Mondo 1974 e 1978, in cui non riuscì più a trionfare (4° nella prima occasione, 3° nella seconda).

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dopo il suo ritiro dal calcio giocato, divenne allenatore ed ebbe l'opportunità di allenare lo Shimizu S-Pulse per un breve periodo.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Corinthians: 1966
Fluminense: 1975, 1976
Al-Hilal: 1978-1979
Al-Hilal: 1979-1980

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Messico 1970
1972

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) World Cup Champions Squads 1930-2006, RSSSF. URL consultato il 2 aprile 2010.
  2. ^ Nomi celebri - Roberto Rivelino, forchecaudine.com. URL consultato il 5 agosto 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Rivelino in National-football-teams.com, National Football Teams.
  • (PT) Rivelino in Futpedia.globo.com, Globo Comunicação e Participações SA. (archiviato dall'url originale il 2008-2011).