Lorde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lorde
Lorde nel 2014
Lorde nel 2014
Nazionalità Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Genere Elettropop
Indie pop
Art rock
Periodo di attività 2012 – in attività
Etichetta Universal Music Group, Republic Records/Lava Records (US)
Album pubblicati 1
Studio 1
Sito web

Ella Marija Lani Yelich-O'Connor, conosciuta con lo pseudonimo di Lorde (Auckland, 7 novembre 1996), è una cantautrice neozelandese.

Diviene famosa in tutto il mondo grazie al singolo Royals, che raggiunge la vetta delle più importanti classifiche mondiali nell'autunno 2013, tra le quali la Billboard Hot 100 e la UK Singles Chart, singolo che vende globalmente quasi 7 milioni di copie. Lorde unisce nella sua musica generi elettronici e indie, dando vita ad un pop all'avanguardia, influenzato anche dal chillwave.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a Devenport, quartiere di Auckland, con i genitori (la madre, Sonja Yelich, è poetessa, il padre Vic O'Connor è ingegnere civile) e con i fratelli Jerry, Angelo e India. La madre l'ha incoraggiata sin da piccola alla lettura, cosa che le ha permesso di sviluppare un suo stile di scrittura che si ritrova oggi nei testi delle sue canzoni. Scoperta all'età di dodici anni da un talent scout della A&R, Scott Maclachlan, che le offrì nell'anno seguente un contratto con la Universal, iniziò il proprio sviluppo artistico lavorando con diversi compositori e cantautori, formandosi completamente già all'età di quindici anni.

The Love Club e Pure Heroine[modifica | modifica wikitesto]

A marzo 2013 pubblica per via digitale, e successivamente, a maggio 2013 su CD, il suo primo EP, The Love Club, contenente cinque brani, incluso Royals, brano che nel giro di pochi giorni si piazza al vertice della classifica neozelandese per tre settimane, assieme ad altri tre suoi brani (Tennis Court e altri due brani estratti da The Love Club Ep), rendendola la prima artista neozelandese ad avere quattro propri brani contemporaneamente nella top 20. A seguito della pubblicazione del singolo Royals in America, a giugno 2013, in una sola settimana vengono vendute 85.000 copie. Il suo secondo singolo, Tennis Court, viene pubblicato nel Regno Unito il 7 giugno 2013 e l'8 in Nuova Zelanda (a causa del fuso orario). Il 12 agosto 2013, Lorde annuncia sul suo profilo Twitter che il suo album di debutto Pure Heroine sarebbe stato pubblicato il 30 settembre 2013.

Il brano "Royals" viene usato anche per lo spot in uscita a ottobre 2013 del Samsung GALAXY Note 3 Official TVC - Messi's Note (The Developer) che vede come protagonista proprio Lionel Andres Messi (Fc Barcellona)

The Hunger Games: Mockingjay Part 1 (Soundtrack)[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 settembre 2014 è stato presentato ufficialmente al pubblico su Vevo il brano "Yellow Flicker Beat" che fa parte della colonna sonora del film Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte 1, della quale Lorde ha curato la selezione dei brani.

Influenze e stile[modifica | modifica wikitesto]

Lorde in concerto in Cile nel 2014.

Lorde è stata influenzata dall'electropop e da cantanti come Etta James, Otis Redding, Grimes e dagli Sleigh Bells. I suoi testi invece sono influenzati da Nicki Minaj, Wells Tower, Tobias Wolff, Kanye West e Claire Vaye Watkin. Il sito SentireAscoltare ha più volte utilizzato il termine (ch)art-pop per definire l'operato di Lorde, descrivendolo come un interessante incrocio tra art-pop e velleità da classifica, sia all'interno della recensione di The Love Club EP, sia della recensione dell'album Pure Heroine. Lorde è una convinta femminista: pur avendo dichiarato di apprezzare molto le sonorità di Come & Get It, brano di Selena Gomez e Young and Beautiful di Lana Del Rey, ha criticato le due artiste in quanto i loro testi, secondo Lorde, sarebbero maschilisti e sprezzanti nei confronti delle donne.

Bruce Springsteen & the E street band durante le date del loro tour il 1 e 2 marzo 2014 ad Auckland, hanno eseguito come apertura dei rispettivi concerti la cover di "Royals" di Lorde, come "regalo" alla sua città natale.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Lorde.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]