Let L 410

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Let L 410 Turbolet
L-410MU a Kubinka.
L-410MU a Kubinka.
Descrizione
Tipo Aereo da trasporto
Equipaggio Due piloti
Costruttore Cecoslovacchia Let Kunovice
Data primo volo 16 aprile 1969
Data entrata in servizio 1970
Esemplari 1.138[1][2]
Dimensioni e pesi
Lunghezza 14,42 m
Apertura alare 19,48 m
Altezza 5,83 m
Superficie alare 35,18
Peso a vuoto 3.725 kg
Peso carico 5.800 kg
Peso max al decollo 6.400 kg
Passeggeri 19
Capacità 1.710 kg di merci
Propulsione
Motore Due turboeliche
Walter M601E
Potenza 560 kW
Prestazioni
Velocità max 388 km/h (210 kt)
Velocità di crociera 311 km/h (168 kt)
Velocità di salita 468 m/min (1.535 ft/min)
Autonomia 1 040 km (562 nmi)
Quota di servizio 7 000 m (22 966 ft)
Note Dati relativi al modello L-410UVP-E.

[senza fonte]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Let L 410 Turbolet è un aereo da trasporto a corto raggio, prodotto dal costruttore ceco Let Kunovice e impiegato principalmente per il servizio passeggeri. L'L-410 volò per la prima volta nel 1969 e con più di 1.100 esemplari costruiti è il più popolare aeromobile della sua categoria.[1][2]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Lo sviluppo dell'L 410 fu varato negli anni sessanta da Let Kunovice nell'allora Cecoslovacchia. La compagnia aerea sovietica Aeroflot stava cercando un valido sostituto con motori a turbina dell'Antonov An-2, demandando la progettazione a Let. Dopo alcuni studi preliminari su un apparecchio denominato L-400, fu prodotta una nuova versione chiamata L-410 Turbolet. Il primo prototipo, designato XL-410, spiccò il volo il 16 aprile 1969. A causa di un ritardo nella progettazione del motore ceco Walter M601 il prototipo e la prima serie furono equipaggiati con due Pratt & Whitney Canada PT6A-27.

Quando il propulsore fu finalmente disponibile, esso fu montato accoppiato alle eliche tripale Avia V508, sancendo così la nascita della versione L-410M.

L'ultimo membro della famiglia dell'L-410 è l'L-420 che adotta i motori Walter M601F.

Dei più di 1.100 modelli prodotti ne rimangono in attività all'incirca 500. La maggior parte di questi fu consegnata all'ex Unione Sovietica e in seguito rivenduta, specialmente a linee aeree africane, asiatiche e sudamericane. Quaranta velivoli operano in tutta Europa a scopi commerciali o per il paracadutismo. Un numero imprecisato vola ancora in Russia e nei Paesi ex comunisti.

Il Turbolet può decollare e atterrare da piste di lunghezza limitata e/o prive di pavimentazione.

La versione UVP[modifica | modifica sorgente]

Menzione a parte merita la versione L 410UVP, a sua volta suddivisa in varie sottoserie in base alle caratteristiche costruttive e di certificazione e che è, inoltre, la più diffusa. Originariamente commissionata dall'Aeroflot, l'UVP dispone di una superficie alare e dei piani di coda incrementata, conferendo all'aeroplano caratteristiche STOL. Altre caratteristiche salienti della versione sono le eliche a cinque pale Avia V510, il carrello d'atterraggio retrattile, i sistemi elettrici funzionanti a 28 V = e il sistema di sghiacciamento.

Il peso massimo al decollo e il numero dei passeggeri trasportabili varia, rispettivamente, dai 6400 kg e 15 posti dell'UVP standard ai 6600 kg e 17/19 posti delle sottoserie UVP-E9 e UVP-E20. La versione UVP è certificata per poter effettuare voli IFR e per atterraggi con ILS CAT I anche in caso di ghiaccio.

Il primo volo dell'UVP ha avuto luogo nel 1984 e la produzione è partita due anni più tardi.

Let L 410UVP-E dell'aeronautica militare slovena a Fairford, Regno Unito, il 17 luglio 2006.
Let L 410UVP-E della SEAir a Manila, aprile 2007.
Let L 410 a Capo Verde, novembre 2005.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

L 410
Prototipo replicato in tre unità.
L 410A
Prima serie con turboeliche Pratt & Whitney PT6A-27. 12 unità costruite.
L 410AB
Versione con eliche quadripale.
L 410AF
Versione per fotografie aeree destinata all'Ungheria.
L 410AG
Come sopra, ma con equipaggiamento modificato.
L 410AS
Aereo di prova consegnato in numero di cinque all'URSS.
L 410FG
Versione per la fotogrammetria.
L 410M
Seconda serie con motori Walter M601A.
L 410AM
Versione con propulsori migliorati M601B, conosciuta anche come L-410MA o L-410MU.
L 410UVP
Terza serie, dotata di superfici alari e di coda maggiorate per conferire caratteristiche STOL e di altre migliorie (UVP è il corrispettivo in lingua russa di "short take-off and landing").
L 410UVP-S
Versione con interno a salone dell'UVP e portello di entrata modificato.
L 410UVP-E
UVP modificati con l'adozione dei motori M601E, eliche a cinque pale e serbatoi ausiliari di carburante sulle estremità delle ali.
L 410T
Versione da trasporto dell'UVP con porta di carico di maggiori dimensioni (1,25 x 1,46 m). Può caricare sei barelle e un medico, 12 paracadutisti oppure 1.000 kg di merci in container.
L 420
Simile all'L-410UVP-E ma equipaggiato con i nuovi M601F.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Civili[modifica | modifica sorgente]

Ad agosto 2006 313 L-410 rimanevano in servizio di linea. I principali operatori includono:

Brasile Brasile
Filippine Filippine
Guatemala Guatemala
Haiti Haiti
Honduras Honduras
Italia Italia
Isola di Man Isola di Man
Russia Russia
Ucraina Ucraina

Altre 111 compagnie circa operano i restanti velivoli in quantità ridotta.[3]

Passati[modifica | modifica sorgente]

L'L 410 marche DDR-SXC della compagnia aerea tedesco orientale Interflug all'aeroporto di Erfurt, 1990.
Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Germania Est Germania Est
URSS URSS

Militari[modifica | modifica sorgente]

Bulgaria Bulgaria
Colombia Colombia
Comore Comore
Gibuti Gibuti
Estonia Estonia
Indonesia Indonesia
Lettonia Lettonia
Libia Libia
Lituania Lituania
Rep. Ceca Rep. Ceca
Russia Russia
Slovacchia Slovacchia
Slovenia Slovenia
Tunisia Tunisia
Ungheria Ungheria

Passati[modifica | modifica sorgente]

Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Germania Est Germania Est
Flag of Republika Srpska.svg Repubblica Srpska
URSS URSS

Incidenti rilevanti[modifica | modifica sorgente]

  • 6 agosto 1977: un L-410AF si schianta nel Lago Balaton mentre vola radente alla sua superficie.[4][5]
  • 12 settembre 2001: un L-410UVP-E dell'Aero Ferinco con a bordo alcuni membri dell'Università di Washington precipita nella giungla dello Stato messicano dello Yucatan. Muoiono tutti gli occupanti.[6]
  • 2 giugno 2005: un L-410UVP-E della Transportes Aereos Guatemaltecos (matr. TG-TAG) con 17 passeggeri a bordo precipita nei pressi di Zacapa, Guatemala, nel tentativo di tornare all'aeroporto di partenza dopo il manifestarsi di un'avaria. Tutti gli occupanti sopravvivono.[7][8]
  • 30 ottobre 2005, un Let L-410UVP-E19A Turbolet della Trade Air, matr. 9A-BTA, precipita pochi minuti dopo il decollo dall'aeroporto di Bergamo-Orio Al Serio. Muoiono tutti e tre gli occupanti. La visibilità era ridotta per nebbia.
  • 31 marzo 2006: il volo TEAM 6865 precipita presumibilmente tra le città di Saquarema e Rio Bonito, in Brasile, decretando la morte degli occupanti.[9][10]
  • 21 giugno 2007: un L-410UVP della Karibu Airways precipita subito dopo il decollo il decollo da Kamina, R. D. del Congo. Muore uno dei 22 passeggeri.[11]
  • 24 settembre 2007: un L-410UVP, operato da Free Airlines ma appartenente a Karibu Airways, si schianta in fase di atterraggio nei pressi di Malemba Nkulu, R. D. del Congo, provocando la morte di uno dei piloti e il ferimento di cinque passeggeri.[12]
  • 8 ottobre 2007: un L-10UVP-E10A con 15 soldati e tre membri dell'equipaggio cade a Cerro Bravo, Colombia. Muoiono tutti gli occupanti.[13][14]
  • 4 gennaio 2008: un L-410UVP-E della Transaven (matr. YV2081) con a bordo dodici passeggeri, in gran parte turisti italiani, lancia un SOS mentre si trova a 3.000 piedi d'altitudine nei pressi di Los Roques, Venezuela, denunciando il blocco di entrambi i motori[15][16]. La vicenda non è ancora completamente chiarita, dato che il relitto inizialmente individuato dalle autorità locali non corrisponderebbe all'aereo ceco[17] e i corpi degli occupanti non sono stati trovati.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aeroporto di Los Roques.
  • 10 maggio 2012: un L-410UVP, marche UR-SKD, utilizzato dalla Ukrainska Shkola Pilotov, è caduto in un campo vicino al piccolo aeroporto di Borodyanka, in Ucraina, a causa del maltempo, con forte pioggia e raffiche di vento. A bordo 20 persone, 17 allievi paracadutisti e 3 persone di equipaggio; 5 sono morte.[18]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Aerei derivati[modifica | modifica sorgente]

Aerei comparabili[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]