Justin Tuck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Justin Tuck
2012 Packers vs Giants - Justin Tuck.jpg
Tuck con la maglia dei Giants nel 2012.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 124 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Defensive end
Squadra Stemma Oakland Raiders Oakland Raiders
Carriera
Giovanili
Stemma Notre Dame Fighting Irish Notre Dame Fighting Irish
Squadre di club
2005-2013 Stemma New York Giants New York Giants
2014- Stemma Oakland Raiders Oakland Raiders
Palmarès
Super Bowl 2
Selezioni al Pro Bowl 2
All-Pro 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 13 marzo 2014

Justin Lee Tuck (Kellyton, 29 marzo 1983) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di defensive end per gli Oakland Raiders della National Football League (NFL). Fu scelto nel corso del quarto giro (74° assoluto) del Draft NFL 2005 dai New York Giants. Al college giocò a football alla University of Notre Dame.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

New York Giants[modifica | modifica wikitesto]

2005-2006[modifica | modifica wikitesto]

Malgrado fosse stato pronosticato come una scelta della metà del primo giro del Draft 2005[1], Tuck fu scelto nel corso del terzo giro, 74° assoluto, dai New York Giants[2][3]. Il 29 luglio 2005, Tuck firmò un contratto quadriennale del valore di 2,12 milioni di dollari coi Giants, inclusi 737.000 dollari di bonus alla firma[4].

Nella sua stagione da rookie, Tuck si trovò chiuso dai defensive end Pro Bowler Michael Strahan e Osi Umenyiora, giocando principalmente come membro degli special team e come prima riserva dei due titolari. In totale, Tuck giocò 14 gare in stagione, di cui una da titolare, e il primo turno di playoff delle wild card. Il suo primo sack in carriera lo mise a segno contro i rivali di division dei Dallas Cowboys[5].

Tuck terminò la stagione 2005 con 33 tackle totali, un sack, due passaggi deviati, un fumble forzato e 18 tackle totali.

Durante la sua seconda stagione da professionistica nel 2006, Tuck giocò solo sei gare a causa di un infortunio patito il 23 ottobre nel corso di una vittoria nel Monday Night Football contro i Dallas Cowboys[6]. Il 17 novembre, Tuck si sottopose con successo ad un intervento chirurgico. In quella stagione, Tuck fece registrare solo due tackle[7].

2007[modifica | modifica wikitesto]

Tuck alla parata per la vittoria del Super Bowl XLII

Malgrado due sole partite disputate da titolare nel 2007, Tuck giocò fino a quel momento la sua miglior stagione, facendo registrare 65 tackle, 10 sack e due fumble forzati nella stagione regolare. Nel corso della stagione, Tuck si divise i minuti come defensive end con Michael Strahan e Osi Umenyiora[8]. Il 18 gennaio 2008, Tuck firmò un rinnovo contrattuale di 5 anni coi Giants per un totale di 31 milioni di dollari, 16 dei quali garantiti (compresi 9 milioni di bonus alla firma)[9].

Super Bowl XLII[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Super Bowl XLII.

Di fronte a un'audience televisiva da record[10], Tuck giocò una partita spettacolare nel Super Bowl XLII, pressando ripetutamente il quarterback dei New England Patriots Tom Brady, facendo registrare due sack e forzando un fumble[11]. Secondo Tuck, lui e Brady si erano presi a male parole per tutto il corso della partita, soprattutto nelle giocare più fisiche[12]. A causa del basso punteggio della partita, diversi opinionisti ritennero che Tuck fosse più meritevole del premio di MVP del Super Bowl di Eli Manning[13][14][15].

2008[modifica | modifica wikitesto]

A causa del ritiro di Michael Strahan, Tuck fu promosso a defensive end titolare. Quando gli fu chiesto riguardo alla pressione che avrebbe affrontato nel sostituire Strahan, Tuck replicò "Pressione? No, sono abbastanza sveglio da sapere che c'è stato solo uno Strahan e ce ne sarà sempre solo uno. Non sto cercando di sostituire Michael Strahan. Sto solo cercando di riempire quel vuoto al meglio per permettetere a questa squadra di football di vincere. Non sento la pressione di dover mettere a segno 22 sack in una stagione.[16]" Tuck però iniziò la stagione 2008 alla maniera di Michael Strahan, compiendo un sack sul quarterback dei Washington Redskins Jason Campbell nella prima azione della stagione[17]. Alla fine i Giants sconfissero i loro rivali di division Redskins 16–7[18]. Tuck a quella grande prestazione ne fece seguire un'altra contro i St. Louis Rams[19]. Egli terminò la gara con 2,0 sacks e un intercetto ritornato in un touchdown nella vittoria dei Giants nella seconda settimane. Quello fu il primo intercetto ritornato in TD della sua carriera e il primo touchdown da alla sua stagione da junior a Notre Dame[20].

Tuck totalizzò 66 tackle, 12 sack, 3 fumble forzati, due passaggi deviati e un intercetto. L'ottima annata gli fece guadagnare la prima convocazione per il Pro Bowl come defensive end titolare della NFC[21]. Fu inoltre inserito nel First-Team All-Pro per la prima volta in carriera[22].

2009[modifica | modifica wikitesto]

Tuck e i Giants iniziarono la stagione 2009 come una delle squadre favorite della NFC per raggiungere il Super Bowl. Tuck giocò bene nel debutto stagionale contro i Washington Redskins il 13 settembre 2009, mettendo a segnò due tackle, 1,5 sack e un passaggio deviato che permisero ai Giants di vincere 23–17. Dopo la gara, Tuck fu nominato miglior difensore della NFC della settimana. Tuck sostenne un infortunio durante una gara coi Cowboys a settembre che lo condizionò per tutto il resto dell'annata. Egli terminò la stagione con 60 tackle, 6 sack, 6 fumble forzati e 8 passaggi deviati. Fu nominato prima riserva per il Pro Bowl.

2010[modifica | modifica wikitesto]

Tuck continuò a giocare su livelli elevati nella stagione 2010 season e, insieme a Osi Umenyiora, formò una delle coppie di defensive end più temute della lega.

Tuck fece registrare i record in carriera di tackle (76) fumble forzati (6). Inoltre mise a segno 11,5 sack, a solo mezzo sack dal suo record in carriera del 2008. Le migliori gare stagionali avvennero contro i Chicago Bears e i Philadelphia Eagles. Nella settimana 4, contro Chicago, Tuck compì ben 3 dei 10 sack totali della difesa, oltre a forzare un fumble nella vittoria 17–3. Nella settimana 17, contro Philadelphia, Tuck mise a segno 3 sack e forzò due 2 fumble nella sconfitta contro gli Eagles.

I Giants terminarono con un record di 10–6 e mancarono l'accesso ai playoff a causa della sconfitta contro gli Eagles, che vinsero la NFC East. Tuck fu nuovamente selezionato per il Pro Bowl ed inserito nel First-Team All-Pro.

2011[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2011, Tuck giocò solo 12 partite, di cui 11 da titolare, a causa degli infortuni che tormentarono sia lui che Umenyiora, totalizzando 37 tackle, 5,0 sack, 3 passaggi deviati e un fumble forzato.

Nei playoff i Giants fecero fuori rispettivamente i Falcons, i campioni uscenti e favoritissimi Packers e nella finale della NFC i 49ers giungendo così a disputare il Super Bowl XLVI contro i New England Patriots[23]. Il 5 febbraio 2012, i Giants superarono i Patriots 21-17 e Tuck si laureò per la seconda volta campione NFL[24]. Le marcature della partita si aprirono proprio grazie a Tuck che costrinse Tom Brady a commettere una safety portando i primi due punti ai Giants. Inoltre Tuck mise a segno anche 3 tackle e 2 sack[25].

A fine stagione, Tuck fu votato al 62º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione[26].

Tuck nel maggio 2012.

2012[modifica | modifica wikitesto]

Tuck mise a segno il suo primo sack stagionale nella settimana 7 su Robert Griffin III dei Redskins[27]. Altri due li mise a referto due settimane dopo contro i Pittsburgh Steelers. Il quarto e ultimo stagionale nell'ultima gara della stagione regolare contro gli Eagles[28]. I Giants non si qualificarono per i playoff e la sua stagione terminò con 15 presenze (14 come titolare) con 27 tackle e 4,0 sack, il minimo dalla stagione 2006.

2013[modifica | modifica wikitesto]

Nella settimana 13, Tuck mise a segno un primato in carriera quattro sack su Robert Griffin III, contribuendo alla vittoria dei Giants per 24-17 sui Redskins[29]. Per questa prestazione fu premiato come miglior difensore della NFC della settimana[30]. Altri due li mise a segno la settimana successiva ma New York fu sconfitta da San Diego[31].

Oakland Raiders[modifica | modifica wikitesto]

Tuck nel 2014.

Il 13 marzo 2014, Tuck firmò con gli Oakland Raiders un contratto biennale del valore di 11 milioni di dollari. Il primo sack con la nuova maglia lo mise a segno nella settimana 3 su Tom Brady[32].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

New York Giants: XLII, XLVI
New York Giants: 2007, 2011

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2008, 2010
2008, 2010

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Fonte:[33]

Tackle Intercetti Fumble
Anno Squadra P PT Tot Sol Sack Saf Int Yard Media Max TD FF FR
2005 Stemma New York Giants New York Giants 14 1 31 26 1.0 0 - - - - - 1 1
2006 Stemma New York Giants New York Giants 6 0 10 6 0 0 - - - - - 0 0
2007 Stemma New York Giants New York Giants 16 2 65 48 10.0 0 - - - - - 2 0
2008 Stemma New York Giants New York Giants 16 16 67 52 12.0 0 1 41 41.0 41T 1 3 0
2009 Stemma New York Giants New York Giants 16 15 59 44 6.0 0 - - - - - 5 0
2010 Stemma New York Giants New York Giants 16 16 76 48 11.5 0 - - - - - 6 5
2011 Stemma New York Giants New York Giants 12 11 37 26 5.0 0 - - - - - 1 0
2012 Stemma New York Giants New York Giants 15 14 45 27 4.0 0 - - - - - 0 0
2013 Stemma New York Giants New York Giants 16 15 63 41 11.0 0 1 -2.0 -2.0 -2.0 0 2 0
Totale 127 90 453 318 60.5 0 2 39 19.5 41 1 20 6

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) "Sports Illustrated: 2005 NFL Draft Player Profile".
  2. ^ (EN) "Justin Tuck's Career".
  3. ^ (EN) 2005 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame, 1 maggio 2005. URL consultato il 30 settembre 2012.
  4. ^ (EN) "USA Today NFL salary database".
  5. ^ (EN) "Player - Justin Tuck - Giants.com".
  6. ^ (EN) "Giants Lose Tuck for Season".
  7. ^ (EN) "SI.com-NFL Justin Tuck Player Page".
  8. ^ (EN) "Justin Tuck DL New York Giants".
  9. ^ (EN) "Giants, Tuck agree on five-year extension".
  10. ^ (EN) "Record 97.5 million watched Super Bowl".
  11. ^ (EN) "Tuck, Spags Enjoy Plenty Of Sack-Cess".
  12. ^ (EN) "Meet Brady's Worst Nightmare".
  13. ^ (EN) "Who deserved to be MVP of Super Bowl XLII?: Justin Tuck".
  14. ^ (EN) "Super Bowl XLII MVP: Not Eli Manning".
  15. ^ (EN) "The Reasons: 42 Ways to Super Stun-day".
  16. ^ (EN) "Tuck in no rush to replace legend".
  17. ^ (EN) "Giants' defense has little problem shutting down new-look Redskins".
  18. ^ (EN) "Super start for Giants, then a battle for victory".
  19. ^ (EN) "Manning tosses three TDs; defense sacks Bulger six times in win".
  20. ^ (EN) "Tuck Makes Sure His Moment Is Memorable".
  21. ^ (EN) "Six Giants named to Pro Bowl".
  22. ^ (EN) "Ravens safety Reed is only unanimous selection to All-Pro team".
  23. ^ (EN) Game Center: Giants @ 49ers.
  24. ^ (EN) Giants beat Patriots again to win Super Bowl XLVI.
  25. ^ (EN) New York 21, New England 17.
  26. ^ (EN) NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  27. ^ (EN) Game Center: Washington 23 New York 27, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  28. ^ (EN) Game Center: Philadelphia 7 New York 42, NFL.com, 30 dicembre 2012. URL consultato il 1 gennaio 2013.
  29. ^ (EN) Game Center: New York 24 Washington 17, NFL.com, 1º dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2013.
  30. ^ (EN) Russell Wilson, Eric Decker among players of the week, NFL.com, 4 dicembre 2013. URL consultato il 4 dicembre 2013.
  31. ^ (EN) Game Center: New York 14 San Diego 37, NFL.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  32. ^ (EN) Game Center: Baltimore 23 Cleveland 21, NFL.com, 22 settembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2014.
  33. ^ (EN) "Justin Tuck, DE for the New York Giants.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]