Clay Matthews

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clay Matthews
Clay Matthews III.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 116 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Outside linebacker
Squadra Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
Carriera
Giovanili
Stemma USC Trojans USC Trojans
Squadre di club
2009- Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
Palmarès
Super Bowl 1
Selezioni al Pro Bowl 4
All-Pro 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 5 aprile 2014

William Clay Matthews III (Los Angeles, 14 maggio 1986) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di outside linebacker per i Green Bay Packers della National Football League. Fu scelto dai Packers nel corso del primo giro (26° assoluto) del Draft NFL 2009. Al college ha giocato a football a Southern California.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Green Bay Packers[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

Al draft NFL 2009, Matthews fu selezionato come 26° scelta assoluta dai Green Bay Packers[1]. Il debutto nella NFL avvenne come outside linebacker il 13 settembre 2009 contro i Chicago Bears indossando la maglia numero 52. La miglior partita della sua stagione di debutto fu nella settimana 13 quando fu premiato come miglior difensore della NFC della settimana dopo avere messo a segno 6 tackle, 2 sack e un fumble forzato nella vittoria sui Baltimore Ravens. Chiuse l'annata con 51 tackle e 10 sack (un record di franchigia per un debuttante), venendo convocato per il Pro Bowl al posto dell'infortunato Lance Briggs. Fu il primo rookie dei Packers ad essere convocato per il Pro Bowl da James Lofton nel 1978.

2010[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo secondo anno, Matthews fu selezionato ancora per il Pro Bowl in carriera e terminò al secondo posto nella classifica di miglior difensore dell'anno dietro Troy Polamalu per 17 voti a 15.

I Packers si qualificarono ai playoff con un record di 10–6, centrando l'ultima wild card disponibile. Nel primo turno, essi superarono i numero 3 del tabellone, i Philadelphia Eagles, 21–16. Nel divisional round, Green Bay vinse 48–21 sui numero 1, gli Atlanta Falcons. Il 23 gennaio 2011, nella finale della National Football Conference, i Packers eliminarono i Chicago Bears 21–14 guadandosi partecipazione al Super Bowl XLV, contro i Pittsburgh Steelers. Nella prima giocata del quarto periodo, gli Steelers stavano inseguendo i Packers 21-17, e si trovavano su una situazione di secondo&2 sulla linea delle 33 yard di Green Bay. Il running back degli Steelers Rashard Mendenhall prese il possesso del pallone e fu immediatamente scagliato a terra dal defensive end di Green Bay Ryan Pickett. Il tackle di Pickett permise a Clay Matthews di forzare un fumble raccolto dal linebacker dei Packers Desmond Bishop, il quale permise poi all'attacco dei Packers di portarsi sul 28-17 nei drive successivi. I Packers alla fine vinsero 31-25, riportando il titolo a Green Bay dopo 14 anni[2][3]

Matthews nell'agosto 2011.

2011[modifica | modifica wikitesto]

Matthews terminò la stagione 2011 col minimo in carriera di tackle (50) e sack (6,0) malgrado avesse giocato 15 gare su 16. Anche se in tali statistiche i suoi numeri si abbassarono, egli migliorò in altri aspetti del suo gioco. Egli ebbe i record in carriera di tre intercetti, 9 passaggi deviati e tre fumble forzati. I Packers terminarono col miglior record della lega (15-1) ma furono eliminati nel divisional round dei playoff dai New York Giants. Matthews fu convocato per il suo terzo Pro Bowl in altrettanti anni di carriera professionistica e fu votato al 27º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione[4].

2012[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima gara della stagione 2012, persa contro i San Francisco 49ers, Matthews mise a segno 2,5 sack su Alex Smith[5]. Il giovedì successivo, Clay giocò una partita mostruosa contro gli storici rivali dei Chicago Bears mettendo a segno ben 3,5 sack su Jay Cutler, portandolo a un totale di sei in sole due partite, tanti quanti ne aveva fatti registrare in tutta l'annata precedente[6]. Nella settimana 4, coi Packers che superarono 28-27 i New Orleans Saints, Clay mise a referto il settimo sack in stagione su Drew Brees[7]. Nella settimana 5 i Packers sprecarono un vantaggio di 21-3 alla fine del primo tempo perdendo contro gli Indianapolis Colts per 30-27 con Clay che mise a segno un sack su Andrew Luck[8]. Nel turno 7, Clay mise a segno un sack su Sam Bradford coi Packers che superarono i St. Louis Rams 30-20[9].

Clay Matthews contro i Giants nel 2012.

Dopo la gara coi Rams, Matthews perse per infortunio tutta la parte centrale della stagione, facendo ritorno solo nella settimana 15 in cui mise a segno 2 sack su Jay Cutler, il suo bersaglio più colpito con 8 sack in altrettante partite, e grazie alla vittoria i Packers si assicurarono il secondo titolo di division consecutivo[10]. Nella nettissima vittoria contro i Tennessee Titans (55-7) della domenica successiva, Matthews mise a referto un altro sack su Jake Locker[11]. Tre giorni dopo fu convocato per il suo quarto Pro Bowl[12], l'unico giocatore della storia dei Packers ad essere sempre convocato nei primi quattro anni di carriera.

Malgrado un altro sack di Matthews nell'ultimo turno di campionato, i Packers furono sconfitti dai Minnesota Vikings, concludendo col terzo record della NFC e venendo costretti a giocare il turno delle wild card[13]. La sua stagione regolare si concluse con 13 sack (quinto nella lega) in 12 gare disputate, 43 tackle, 2 passaggi deviati e un fumble forzato. Il 12 gennaio 2013 fu inserito nel Second-team All-Pro[14].

Nel primo turno di playoff i Packers ritrovarono i Vikings ma questa volta vinsero agevolmente grazie anche a 2 sack, un fumble forzato e uno recuperato di Matthews[15]. La stagione di Green Bay si chiuse per il secondo anno consecutivo nel divisional round dei playoff contro i 49ers, gara in cui Clay mise a segno un sack su Colin Kaepernick [16]. A fine anno fu posizionato al numero 31 nella classifica dei migliori cento giocatori della stagione[17].

2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 marzo, Matthews e i Green Bay Packers annunciarono un prolungamento contrattuale quinquennale del valore di 13 milioni annuali, rendendolo il linebacker più pagato della lega[18]. Per il secondo anno consecutivo i Packers persero al debutto contro i 49ers, con Matthews che mise a segno 7 tackle e un sack, ma fu anche coinvolto in un episodio controverso quando si avventò sul quarterback avversario Colin Kaepernick quando questi era già ampiamente oltre la linea laterale[19]. Per quell'azione, Matthews fu multato di 15.000 dollari dalla lega[20]. Nella settimana 3 mise a segno un sack contro i Cincinnati Bengals ma uscì anzitempo dalla gara per infortunio[21]. Dopo la settimana di pausa tornò in campo nel quinto turno, facendo registrare un sack nella vittoria sui Lions[22] ma fratturandosi anche un pollice, infortunio che lo costrinse a perdere quattro partite[23]. Tornò in campo nella settimana 10 contro gli Eagles e tornò a mettere a segno un sack la domenica seguente contro i Giants. Altri due li fece registrare nella settimana 12 contro i Vikings, con le due squadre che pareggiarono la seconda di 107 sfide tra le due franchigie[24]. Nella settimana 16, con un sack contro gli Steelers, Matthews giunse a quota 50 in carriera[25]. A fine anno fu votato al 77º posto nella NFL Top 100 dai suoi colleghi[26].

2014[modifica | modifica wikitesto]

Il primo sack del 2014, Matthews lo mise a segno nella settimana 2 su Geno Smith dei New York Jets[27]. Due settimane dopo fece registrare il primo intercetto dal 2011, ritornandolo per 50 yard nella vittoria al Soldier Field di Chicago[28].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Green Bay Packers: Super Bowl XLV
Green Bay Packers: 2010

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2009, 2010, 2011, 2012
2010
2012
  • Difensore dell'anno della NFL secondo The Sporting News - 2010
6ª e la 10ª del 2009
  • Difensore della settimana della NFC: 1
13ª del 2009
1ª del 2011

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare

Anno Squadra G T Sol Ast Sack Press. QB Int Yard Media Max TD P. Dev. FF Int TD
2009 Green Bay Packers 16 51 37 14 10.0 45.5 0 0 0 0 0 7 1 3 0
2010 Green Bay Packers 15 60 54 6 13.5 55.0 1 62 62 62 1 4 2 0 1
2011 Green Bay Packers 15 50 37 13 6.0 53.5 3 47 15.7 38T 1 9 3 0 1
2012 Green Bay Packers 12 43 32 11 13.0 48.0 0 0 0 0 0 2 1 0 0
2013 Green Bay Packers 11 41 26 15 7.5 32.5 0 0 0 0 0 1 3 0 0
Totale 69 245 186 59 50.0 154.0 4 109 27.2 62 2 23 10 4 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2009 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 28 settembre 2012.
  2. ^ (EN) "Mendenhall's fumble turned tide for Pack".
  3. ^ (EN) "Super Bowl XLV Box Score".
  4. ^ (EN) NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  5. ^ (EN) Game center: San Francisco 30 Green Bay 22, NFL.com, 9 settembre. URL consultato il 10 settembre 2012.
  6. ^ (EN) Game Center: Chicago 10 Green Bay 23, NFL.com, 13 settembre 2012. URL consultato il 14 settembre 2012.
  7. ^ (EN) Game Center: New Orleans 27 Green Bay 28, NFL.com, 30 settembre 2012. URL consultato il 1 ottobre 2012.
  8. ^ (EN) Game Center: Green Bay 27 Indianapolis 30, NFL.com, 7 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  9. ^ (EN) Game Center: Green Bay 30 St. Louis 20, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  10. ^ (EN) Game Center: Green Bay 21 Chicago 13, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  11. ^ (EN) Game Center: Tennessee 7 Green Bay 55, NFL.com, 23 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  12. ^ (EN) 2013 Pro Bowl rosters, NFL.com, 26 dicembre 2012. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  13. ^ (EN) Game Center: Green Bay 34 Minnesota 37, NFL.com, 31 dicembre 2012. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  14. ^ (EN) All-Pro Team headlined by Adrian Peterson, J.J. Watt, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  15. ^ (EN) Game Center: Minnesota 10 Green Bay 24, NFL.com, 5 gennaio 2013. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  16. ^ (EN) Kaepernick delivers, 49ers beat Packers, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  17. ^ (EN) Top 100 Players of 2013, NFL.com, 6 giugno 2013. URL consultato il 7 giugno 2013.
  18. ^ (EN) Clay Matthews, Green Bay Packers reach extension, NFL.com, 17 aprile 2013. URL consultato il 17 aprile 2013.
  19. ^ (EN) Game Center: Green Bay 28 San Francisco 34, NFL.com, 8 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  20. ^ (EN) Clay Matthews fined $15K for hit on Colin Kaepernick, NFL.com, 13 settembre 2013. URL consultato il 14 settembre 2013.
  21. ^ (EN) Game Center: Green Bay 30 Cincinnati 34, NFL.com, 22 settembre 2013. URL consultato il 24 settembre 2013.
  22. ^ (EN) Game Center: Detroit 9 Green Bay 22, NFL.com, 6 ottobre 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  23. ^ (EN) Packers' Clay Matthews expected to miss one month, NFL.com, 8 ottobre 2013. URL consultato l'8 ottobre 2013.
  24. ^ (EN) Game Center: Minnesota 26 Green Bay 26, NFL.com, 24 novembre 2013. URL consultato il 24 novembre 2013.
  25. ^ (EN) Game Center: Pittsburgh 38 Green Bay 31, NFL.com, 22 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  26. ^ (EN) The Top 100 Players of 2014, NFL.com, 22 maggio 2014. URL consultato il 22 maggio 2014.
  27. ^ (EN) Game Center: Kansas City 17 Denver 24, NFL.com, 14 settembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2014.
  28. ^ (EN) Game Center: Green Bay 38 Chicago 17, NFL.com, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]