Jacques Maritain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jacques Maritain (Parigi, 18 novembre 1882Tolosa, 28 aprile 1973) è stato un filosofo francese, allievo di Henri Bergson e convertitosi al cattolicesimo.

Autore di più di 60 opere, è generalmente considerato come uno dei massimi esponenti del neotomismo nei primi decenni del XX secolo e uno tra i più grandi pensatori cattolici del secolo. Fu anche il filosofo che più di ogni altro avvicinò gli intellettuali cattolici alla democrazia allontandandoli da posizioni più tradizionaliste. Papa Paolo VI lo considerò il proprio ispiratore. A conferma di ciò, alla chiusura del Concilio Vaticano II fu a Maritain, quale rappresentante degli intellettuali, che Paolo VI consegnò simbolicamente il proprio messaggio agli uomini di scienza e del pensiero.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce a Parigi in una famiglia protestante, il padre Paul Maritain è avvocato, la madre Geneviève Favre è la figlia del politico Jules Favre. Frequenta il liceo Henri-IV e studia poi chimica, biologia e fisica alla Sorbona, dove conosce Raïssa Oumançoff, immigrata russa di origine ebraica, che sposerà nel 1904 e che lo seguirà appassionatamente nella sua ricerca della verità.

Lo scientismo, allora in voga alla Sorbona, lo delude rapidamente; lo ritiene incapace di rispondere alle fondamentali questioni esistenziali. Su consiglio di Charles Péguy, segue con la futura moglie i corsi di Henri Bergson al Collège de France. Bergson comunica ai Maritain, oltre alla critica dello scientismo, pure il senso dell’assoluto. Anche grazie all’influenza di Léon Bloy i Maritain si convertono nel 1906 al cattolicesimo.

I coniugi Maritain si trasferiscono nel 1907 a Heidelberg, dove Jacques Maritain studia biologia sotto la direzione di Hans Driesch, la cui teoria neovitalista lo attira in quanto apparentatata alle concezioni di Bergson. Durante una lunga convalescenza della moglie, il consigliere spirituale dei Maritain, il domenicano Humbert Clérissac, le fa scoprire l’opera di San Tommaso d'Aquino. L’entusiasmo di Raissa contagia il marito, che vede in San Tommaso la conferma di molte sue idee. Dal “Dottore angelico” Maritain passa ad Aristotele, di cui San Tommaso aveva cristianizzato il pensiero e alla neoscolastica.

Nel 1912 Jacques Maritain inizia la propria attività di docente, prima al Collegio Stanislao, poi all’Istituto cattolico di Parigi e al piccolo seminario di Versailles. Nel 1920 partecipa con Henri Massis alla fondazione della Revue Universelle.

Sotto l’influenza di Clérissac si avvicina ad ambienti vicini alla destra cattolica dell’Action Française. Quando nel 1926 il Vaticano metterà in guardia dall’operato dell’ Action Française, dopo un periodo di riflessione, Maritain difenderà tali interventi con la pubblicazione di "Primauté du spirituel". Negli anni successivi egli approfondisce la propria riflessione politico – sociale che nel 1936 esprime in "Humanisme Intégral" e si avvicina ad ambienti della democrazia cristiana francese.

Nel 1933 è nominato professore al Pontificio Istituto di Studi Medioevali di Toronto. Egli insegnò pure alla Columbia University e alle Università di Chicago e Princeton. La Seconda guerra mondiale lo blocca nell'America del Nord da dove si oppone strenuamente al regime filonazista di Vichy.

Con la fine della guerra è nominato, dal 1945 al 1948, ambasciatore francese in Vaticano. Dopo tale esperienza tornerà a Princeton, di cui diventerà professore emerito nel 1956.

Dal 1961 Jacques Maritain vive a Tolosa presso la Comunità religiosa dei Piccoli Fratelli di Gesù, ordine creato nel 1933, sul quale Maritain da sempre esercitava un’influenza. Nel 1971 egli stesso diventerà un piccolo fratello.

Jacques Maritain è sepolto – con la moglie - a Kolbsheim in Alsazia nel dipartimento francese del Basso Reno.

Il Pensiero di Maritain[modifica | modifica sorgente]

Il pensiero di Jacques Maritain è elaborato partendo dalla filosofia di Aristotele e di San Tommaso d'Aquino. Come quella dei suoi due maestri, la visione di Maritain si appoggia anzitutto sulla percezione della realtà, e, poi, sulla comprensione dei principi fondamentali della metafisica. Maritain è un metafisico che difende una concezione della filosofia come scienza – anzi come la regina delle scienze - contro coloro che vorrebbero negare alla filosofia tale statuto.

Nel 1910 Maritain completa il suo primo grande contributo alla filosofia contemporanea, un articolo di 28 pagine intitolato Raison et Science contemporaine, ossia Ragione e scienza contemporanea, che apparve nel numero di giugno della Revue de Philosophie. Maritain denunciava la divinizzazione della scienza e la confisca che questa faceva del ruolo della ragione e della filosofia e l'eccesso di importanza che veniva attribuito alle scienze rispetto alle lettere.

Nel 1917 un gruppo di vescovi francesi incaricò Maritain di preparare una serie di manuali destinati a essere utilizzati nelle università cattoliche e nei seminari. Maritain ne terminò tuttavia uno soltanto: gli Elementi di filosofia, il quale è, da allora, un'opera di riferimento per i seminari cattolici.

Con la pubblicazione delle opere Riflessioni sulla intelligenza e sulla sua propria vita (1924) e Distinguere per unire o i gradi per sapere (1932), il pensiero filosofico di Maritain apparve sempre più orientato verso una visione della filosofia, che mettesse come prioritaria l'evidenza dell'essere prima dei sensi e la metafisica prima dell'epistemologia. Per quest'ultima, auspicò un realismo critico, nel senso di una pratica riflessiva, tramite la quale fosse lecito difendere la conoscenza alla luce di quella già acquisita, sempre considerando che l'esistenza e la natura di Dio, rivelabili anche attraverso l'esperienza mistica, restano un punto fermo per ogni aspetto della vita.

Nel 1936 Jacques Maritain pubblicò il testo di sei lezioni, tenute nel 1934 presso l'Università di Santander con il titolo Umanesimo integrale (Humanisme intégral), in cui delineava l'ideale storico di una nuova cristianità e di un nuovo umanesimo, alternativo da una parte al marxismo, al liberalismo e al fascismo ma dall'altra anche alla vecchia cristianità medioevale. Al contrario delle opere precedenti il termine storico di confronto non è più la Terza Repubblica francese, prototipo della società borghese, bensì l'Unione sovietica e le dittature fasciste.

Durante la Seconda guerra mondiale, Maritain – che insegnava all’Istituto Pontificio canadese per gli Studi medievali - protestò contro la politica del regime di Vichy e, soprattutto, condannò in tutti modi possibili, l'atrocità della Shoah.

Nella sua opera egli distingue l'azione en tant que chrétien, che consiste nell'obbedienza ai riti e ai dogmi della Chiesa, dall’azione en chrétien, la quale è l'applicazione individuale o ad opera di organizzazioni laiche delle idee cristiane in ambito temporale, in quest'ultimo caso la Chiesa non deve interessarsi.

La maggior parte dei manoscritti di Maritain è conservata dall'Associazione di studio Jacques e Raïssa Maritain a Kolbsheim in Alsazia, mentre il Maritain Center della University of Notre Dame, nello stato dell'Indiana, detiene una parte importante degli archivi americani del filosofo. Obiettivo di quest'ultima istituzione è incoraggiare lo studio e la ricerca sul pensiero di Maritain, ma anche svilupparne le idee.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Le singole opere sono state raccolte in: Oeuvres Complètes, a cura di J.-M. Allion, M. Hany, D. et R. Mougel, M. Nurdin, H.R. Schmitz, Paris, Editions Saint Paul-Fribourg, Editions Universitaires, 1986-2008, 17 voll. I volumi XIV e XV comprendono gli scritti di Raïssa Maritain. Il volume XVI riporta inediti e testi, compresi tra il 1920 e il 1973, rintracciati dopo la pubblicazione dei precedenti volumi. Il volume XVII contiene indici e apparati. L'edizione delle opere complete in lingua inglese è stata pubblicata dalla University of Notre Dame Press, Notre Dame (Indiana), USA.

  • La philosophie bergsonienne: études critiques, Paris, Rivière, 1913
  • Art et scolastique, Paris, Librairie de l'Art Catholique, 1920
  • Eléménts de philosophie: Introduction générale à la philosophie, Paris, Téqui, 1920
  • Théonas ou les entretiens d’un sage et de deux philosophes sur diverses matières inégalement actuelles, Paris, Nouvelle librairie nationale, 1921
  • Antimoderne, Paris, Édition de la Revue des Jeunes, 1922
  • Eléménts de philosophie II: L'ordre des concepts (Logique), Paris, Téqui, 1923
  • Réflexions sur l’intelligence et sur sa vie propre, Paris, Nouvelle librairie nationale, 1924.
  • De la vie d'oraison, Paris, À l'art Catholique, 1925
  • Trois réformateurs : Luther, Descartes, Rousseau, avec six portraits, Paris, Plon, 1925
  • Réponse à Jean Cocteau, Paris, Stock, 1926
  • Une opinion sur Charles Maurras et les devoirs des catholiques, Paris, Plon, 1926
  • Primauté du spirituel, Paris, Plon, 1927
  • Quelques pages sur Léon Bloy, Paris, L'artisan du livre, 1927
  • Pourquoi Rome a parlé (coll.), Paris, Spes, 1927
  • Clairvoyance de Rome (coll.), Paris, Spes, 1929
  • Le Docteur Angélique, Paris, Paul Hartmann, 1929
  • Religion et culture, Paris, Desclée de Brouwer, 1930
  • Distinguer pour unir: ou Les degrés du savoir, Paris, Desclée de Brouwer, 1932
  • Le songe de Descartes, Paris, Buchet Chastel, 1932
  • De la philosophie chrétienne, Paris, Desclée de Brouwer, 1933
  • Du régime temporel et de la liberté, Paris, DDB, 1933
  • Sept leçons sur l'être et les premiers principes de la raison spéculative, Paris, Téqui, 1934
  • Frontières de la poésie et autres essais, Paris, Rouart, 1935
  • La philosophie de la nature: essai critique sur ses frontières et son object, Paris, Téqui, 1935
  • Science et sagesse, suivi d'éclaircissement sur la philosophie morale, Paris, Labergerie, 1935
  • Lettre sur l’indépendance, Paris, Desclée de Brouwer, 1935
  • Humanisme intégral, Paris, Fernand Aubier, 1936 (prima ed.: Problemas espirituales y temporales de una nueva cristianidad, Madrid, El Signo, 1935)
  • Les Juifs parmi les nations, Paris, Cerf, 1938
  • Questions de conscience : essais et allocutions, Paris, Desclée de Brouwer, 1938
  • Situation de la poésie, Paris, Desclée de Brouwer, 1938
  • Le crépuscule de la civilisation, Paris, Éd. Les Nouvelles Lettres, 1939
  • Quatre essais sur l'esprit dans sa condition charnelle, Paris, Desclée de Brouer, 1939
  • De la justice politique, Paris, Plon, 1940
  • À travers le désastre, New York, Éditions de la Maison Française, 1941
  • La pensée de saint Paul, New York, Éditions de la Maison Française, 1941
  • Les droits de l'homme et la loi naturelle, New York, Éditions de la Maison Française, 1942
  • Christianisme et démocratie, New York, Éditions de la Maison Française, 1943
  • Education at the Crossroads, New Haven, Yale University Press, 1943
  • De Bergson à Thomas d'Aquin, New York, Éditions de la Maison Française, 1944
  • Principes d'une politiques humaniste, New York, Éditions de la Maison Française, 1944
  • À travers la victoire, Paris, Hartmann, 1945
  • Messages (1941-1944), New York, Éditions de la Maison Française, 1945
  • Pour la Justice: articles et discours (1940-1945), New York, Éditions de la Maison Française, 1945
  • Court traité de l'existence et de l'existant, Paris, Hartmann, 1947
  • La personne et le bien commun, Paris, Desclée de Brouwer, 1947
  • Raison et raisons, Paris, Egloff, 1948
  • La signification de l'athéisme contemporain, Paris, Desclée de Brouwer, 1949
  • L'uomo e lo stato (Man and the State), Chicago, University of Chicago Press, 1951
  • Neuf leçons sur les notions premières de la philosophie morale, Paris, Téqui, 1951
  • Approches de Dieu, Paris, Alsatia, 1953
  • Creative Intuition in Art and Poetry, New York, Pantheon Book,1953
  • Georges Rouault, New York, Harry Ambrams, 1954
  • On the Philosophy of History, New York, Charles Scribner's Sons, 1957
  • Reflections on America, New York, Charles Scribner's Sons, 1958
  • Pour une philosophie de l'éducation, Paris, Fayard, 1959
  • Liturgie et contemplation, Paris, Desclée de Brouwer, 1959
  • Le philosophe dans la cité, Paris, Alsatia, 1960
  • The Responsibility of the Artist, New York, Scribner's Sons, 1960
  • La philosophie morale. Examen historique et critique des grands systèmes, Paris, Gallimard, 1960
  • Dieu et la permission du mal, Paris, Desclée de Brouwer, 1963
  • Le mystère d'Israël, Paris, Desclée de Brouwer, 1965 (prima ed.: Il mistero di Israele, Brescia, Morcelliana, 1964)
  • Carnet de notes, Paris, Desclée de Brouwer, 1965
  • Le paysan de la Garonne. Un vieux laïc s’interroge à propos du temps présent, Paris, Desclée de Brouwer, 1966
  • De la grâce et de l'humanité de Jésus, Paris, Desclée de Brouwer, 1967
  • De l'Église du Christ. La personne de l'Église et son personnel, Paris, Desclée de Brouwer, 1970
  • Approches sans entraves, Paris, Fayard, 1973
  • La loi naturelle ou loi non écrite, Fribourg-Paris, Éditions Universitaires, 1986 (prima ed. postuma: Nove lezioni sulla legge naturale, a cura di F. Viola, Milano, Jaca Book, 1985)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cosimo Scarcella, Aspetti dell’educazione secondo Jacques Maritain, in Notes et Documents de l’Institut International J. Maritain, Milano, Massimo Editore, n. 8, luglio-settembre 1977, pp. 34-39.
  • Cosimo Scarcella, Il pensiero politico di Jacques Maritain, in Notes et Documents de l’Institut International J. Maritain, Milano, Massimo Ed., n.7, aprile-giugno 1977, pp. 33-37.
  • Cosimo Scarcella, Per una pedagogia filosofica in Jacques Maritain, in Agorà, Japadre Editore, L’Aquila, nn. 10-11, anno IV, 1976, pp. 35-49.
  • Cosimo Scarcella, Fede e impegno politico in Péguy e Maritain, in Atti del Convegno Internazionale Péguy vivant, Università di Lecce, 1977, pp. 367-372.
  • Cosimo Scarcella, Il pensiero di Jacques Maritain, Manduria, Lacaita Editore, 1978, pp.389.
  • Jean-Louis Allard, Jacques Maritain, philosophe dans la cité, Ottawa, Éditions de l’Université, 1985
  • Jean-Luc Barré, Jacques et Raïssa Maritain, les Mendiants du Ciel, Paris, Stock, 1996
  • Philippe Chenaux, Entre Maurras et Maritain, Une génération intellectuelle catholique (1920-1930), Paris, Cerf, 1999
  • Giovanni Grandi, Jacques Maritain. Da Laici nel mondo e nella Chiesa, In Dialogo, Milano, 2007, 170 pp.
  • Daniele Lorenzini, Jacques Maritain e i diritti umani. Fra totalitarismo, antisemitismo e democrazia (1936-1951), Brescia, Morcelliana (coll. Storia), 2012, 208 pp.
  • Gianfranco Morra, Jacques Maritain, Forum, Forlì 1967, 267 pp.
  • James V. Schall, Jacques Maritain: The Philosopher in Society, Rowman and Littlefield, 1998
  • Mauro Grosso, Alla ricerca della verità. Gilson - Maritain, Città Nuova Editrice, Roma, 2006, 369 pp.
  • Nora Possenti Ghiglia, I tre Maritain. La presenza di Vera nel mondo di Jacques e Raïssa, Àncora, Milano 2000, 477 pp.
  • Piero Viotto, Introduzione a Maritain, Laterza, Roma-Bari 2000, 196 pp.
  • Piero Viotto, Jacques Maritain. Dizionario delle opere, Città Nuova, Roma 2003, 477 pp.
  • Gennaro Giuseppe Curcio, Il volto dell'amore e dell'amicizia. Una riflessione etica su Jacques Maritain, Rubbettino, Soveria Mannelli 2009, 214 pp.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 7393855 LCCN: n80067092