Jacques Audiberti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jacques Audiberti (Antibes, 25 marzo 1899Parigi, 10 luglio 1965) è stato uno scrittore, drammaturgo e poeta francese.

Biografia e cronologia[modifica | modifica sorgente]

Trascorse la giovinezza a Antibes e si stabilì a Parigi nel 1924.

  • 1899: nascita di Jacques Audiberti, figlio unico di Louis Audiberti e sua moglie, Victorine. Il padre è massone.
  • 1905-1914: studi primari e secondari a Antibes, che è costretto a interrompere per motivi di salute.
  • 1914: comincia a pubblicare poesie e cronache sul Réveil d’Antibes. Edmond Rostand, al quale aveva inviato alcune poesie, gli invia i suoi incoraggiamenti nonché una foto con dedica, che Audiberti conserverà a lungo. Scopre con meraviglia il cinema.
  • 1918-1924: commesso ancelliere al tribunale di Commercio dove il padre è stato nominato giudice.
  • 1924: Audiberti sale a Parigi. Raccomandato da un condiscepolo, Émile Coudroyer, entra al Journal che lascerà l'anno dopo per Le Petit Parisien dove si occupa della cronaca della periferia parigina. Tramite Benjamin Péret, anch'egli giornalista al Petit Parisien, si avvicina al movimento surrealista senza mai farvi parte. Frequenta molto la Bibliothèque Nationale.
  • 1926: sposa una giovane istitutice antillese: Élisabeth-Cécile-Amélie, nomi che comporranno il titolo di una poesa apparsa nel 1936. Da questa unione nasceranno due figlie: Jacqueline e Marie-Louise.
  • 1930: pubblicazione, a conto d'autore, grazie all'aiuto finanziario del padre, di una prima raccolta di poesie, L’Empire et la Trappe. Sostenuto da Jean Paulhan, Audiberti collabora diverse riviste e nel 1935 viene nominato reporter al Petit Parisien. Tra le sue conoscenze e amicizie figurano Jean Cassou, Valéry Larbaud, Léon-Paul Fargue.
  • 1938: Race des hommes, raccolta poetica pubblicata alla NRF nel 1937, riceve il Premio di poesia dell’Académie Mallarmé. Audiberti incontra in quest'occasione Paul Valéry e Jean Cocteau.
  • 1939-1942: Le Petit Parisien lo invia alla frontiera spagnola al momento della disfatta dell'esercito repubblicano: «Vidi la guerra di Spagna. Vomitai.» Audiberti segue l'esodo per il giornale, poi interrompe la collaborazione quando il giornale passa sotto il controllo tedesco. Audiberti scrive critiche cinematografiche. Prosegue la sua produzione poetica viaggiando nel rattempo attraverso la Francia (Aurillac, Tolosa, Val d'Isère).
  • 1943: si lega d'amicizia con il futuro cineasta Jacques Baratier. Trascorre la fine della guerra a Antibes.
  • 1946-1952: Anni prolifici di produzione: mostre di gouache; messa in scena dei suoi testi teatrali; pubblicazioni di romanzi; partecipazione a fianco di Marcelle Auclair, Hervé Bazin, Émile Danoën e Roger Vailland, tra gli altri, al fascicolo di La Nef di Lucie Faure, intitolato «L’Amour est à réinventer»... Riceve premi. Incontri fruttuosi: Georges Vitaly, Suzanne Flon, Michel Piccoli, André Barsacq...
  • 1952: con lo scrittore italiano Beniamino Joppolo e il pittore Camille Bryen, Audiberti elabora l'«abumanesimo».
  • 1953: François Truffaut convince Audiberti a scrivere dei «biglietti» per Les Cahiers du Cinéma.
  • 1954-1964: pubblicazioni di romanzi e successo a teatro.
  • 1964: Audiberti riceve il Grand Prix National des Lettres per l'insieme della sua opera, nonché il Prix des Critiques. Malato di cancro subisce una prima operazione. Corrispondenza con François Mauriac.
  • 1965: morte di Jacques Audiberti, alcune settimane prima della pubblicazione del suo romanzo-diario Dimanche m’attend.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • L’Empire et la trappe. Parigi, Librairie du Carrefour, 1930. Ristampa: Parigi, Gallimard, 1969, 183 p.
  • Élisabeth-Cécile-Amélie. Parigi, G.L.M., coll. Repères, 1936, 11 p.
  • Race des hommes. Parigi, Gallimard, coll. Métamorphoses, 1937, 180 p. Ristampa
  • Abraxas. Parigi, Gallimard, 1938, 289 p.
  • Septième. Parigi, Gallimard, 1939, 224 p.
  • Paroles d’éclaircissement. Aurillac, La Pomme de sapin, 1940, 23 p.
  • Des Tonnes de semence. Parigi, Gallimard, 1941, 155 p.
  • Urujac. Parigi, Gallimard, 1941, 254 p.
  • Carnage. Parigi, Gallimard, 1942, 254 p.
  • La Nouvelle Origine. Parigi, Gallimard, 1942, 93 p.
  • Le Retour du divin. Parigi, Gallimard, 1943, 269 p.
  • La fin du monde. Parigi, Société Parisienne de librairie et d’édition, 1943, 72 p.
  • Toujours. Parigi, Gallimard, 1943, 117 p.
  • La Nâ. Parigi, Gallimard, 1944, 362 p.
  • La Bête noire. Parigi, Les quatre Vents, 1945, 94 p.
  • Vive Guitare. Parigi, Robert Laffont, 1946, 94 p.
  • Monorail. Friburgo-Parigi, Egloff, 1947, 415 p. Ristampa: Parigi, Gallimard, 1964, 336 p.
  • Talent. Friburgo-Parigi Egloff, 1947, 238 p.
  • L’Opéra du monde. Parigi, Fasquelle, 1947, 1931 p.
  • Le Victorieux. Parigi, Gallimard, 1947, 241 p.
  • Théâtre, tome I. Quoat-Quoat. L’Ampélour. Les Femmes du bœuf. Le mal court. Parigi, Gallimard, 1948, 198 p.
  • Les médecins ne sont pas des plombiers. Parigi, Gallimard, 1948, 197 p.
  • Cent Jours. Parigi, Gallimard, 1950, 284 p.
  • Le Maître de Milan. Parigi, Gallimard, 1950, 264 p. Ristampa: Parigi, Le Livre de poche, 1968, 256 p.
  • La Pluie sur les boulevards. Angers, Au masque d’or, 1950, 76 p.
  • Le Globe dans la main, Tome I. L’Amour. Parigi, Forêt, 1950, 32 p.
  • Le Globe dans la main, Tome II. La Médecine. Parigi, Forêt, 1951, 32 p.
  • L’Ouvre-Boîte (en collaboration avec Camille Bryen), Parigi, Gallimard, 1952, 201 p.
  • Marie Dubois. Parigi, Gallimard, 1952, 285 p.
  • Théâtre, Tome II. La fête noire. Pucelle. Les Naturels du Bordelais. Parigi, Gallimard, 1952, 304 p.
  • Rempart. Parigi, Gallimard, 1953, 137 p.
  • Molière. Parigi, l’Arche, coll. Les grands dramaturges, 1954, 158 p. Réédition: Livre de poche, 1973, 160 p.
  • L’Abhumanisme. Parigi, Gallimard, 1955, 226 p.
  • Les jardins et les fleuves. Parigi, Gallimard, 1954, 398 p.
  • La Beauté de l’amour. Parigi, Gallimard, 1955, 182 p.
  • Le Cavalier seul. Parigi, Gallimard, coll. Le manteau d’Arlequin, 1955, 247 p.
  • La Poupée. Parigi, Gallimard, 1956, 244 p.
  • Théâtre, tome III. La Logeuse. Opéra parlé. Le Ouallou, Altanima. Parigi, Gallimard, 1956, 261 p.
  • La Mégère apprivoisée. Parigi, Gallimard, coll. Le manteau d’Arlequin, 1957, 280 p.
  • Le Sabbat ressuscité par Leonor Fini. Parigi, Société des amis du livre, 1957, 129 p.
  • La Hobereaute. Parigi, Paris-Théâtre n° 146 (s.d.), p. 12-37.
  • Infanticide préconisé. Parigi, Gallimard, 1958, 287 p.
  • Lagune hérissée. Parigi, Société des cent une, 1958, 173 p.
  • L’Effet Glapion. Parigi, Gallimard, coll. Le manteau d’Arlequin, 1959, 203 p. Ristampa: Parigi, Le Livre de poche, 1962, p. 103-244.
  • Théâtre, tome IV. Cœur à cuir. Le Soldat Dioclès. La Fourmi dans le corps. Les
  • Patients, L’Armoire classique. Un bel Enfant. Parigi, Gallimard, 1961, 287 p.
  • ''Théâtre, Tome V. Pomme Pomme Pomme. Bâton et ruban. Boutique fermée. La Brigitta. Parigi, Gallimard, 1962, 258 p.
  • La Poupée. Scénario et dialogues. Parigi, Gallimard, 1962, 126 p.
  • Les tombeaux ferment mal. Parigi, Gallimard, 1963, 236 p.
  • La Guérite. N.R.F., n° 132 (1 dicembre 1963), p. 642-662, 841-861.
  • Ange aux entrailles, 1964
  • Entretiens avec Georges Charbonnier. Parigi, Gallimard, 1965, 167p.
  • Dimanche m’attend. Parigi, Gallimard. 1965, 289 p. Parigi, Gallimard, Coll. Poésie, 1968, 214 p.
  • La Poupée. Comédie en six tableaux. Parigi, Gallimard, coll. Le manteau d’Arlequin, 1969, 102 p.

Audiberti ha inoltre collaborato a numerosi periodici. Si veda, per la lista, la bibliografia fonita da Jean-Yves Guérin su Le Théâtre d’Audiberti et le baroque, Parigi, Klincksieck, 1976, p. 248. Il liceo polivalente della città di Antibes è a lui dedicato. Controllo di autorità VIAF: 68924880 LCCN: n79033068