Giambattista Basile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giambattista Basile

Giambattista Basile (pseudonimo anagrammatico: Gian Alesio Abbattutis; Giugliano in Campania, 1566Giugliano in Campania, 23 febbraio 1632) fu un letterato e scrittore italiano di epoca barocca, primo a utilizzare la fiaba come forma di espressione popolare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane fu soldato mercenario al servizio della Repubblica di Venezia, spostandosi tra Venezia e Candia, l'odierna Creta. In questo periodo, l'ambiente della colonia veneta dell'isola gli permise di frequentare una società letteraria, l'Accademia degli Stravaganti.

I primi documenti della sua produzione letteraria risalgono al 1604, sono alcune lettere scritte come prefazione alla Vaiasseide dell'amico e letterato napoletano Giulio Cesare Cortese. L'anno seguente viene messa in musica la sua villanella Smorza crudel amore. Rientrato a Napoli nel 1608, pubblica il suo poemetto Il Pianto della Vergine.

Nel 1611 prese servizio alla corte di Luigi Carafa, principe di Stigliano, al quale dedicò un testo teatrale, Le avventurose disavventure e, successivamente, seguì la sorella Adriana, celebre cantante dell'epoca, alla corte di Vincenzo Gonzaga a Mantova, entrando a far parte della Accademia degli Oziosi. Curò, fra l'altro, la prima edizione delle rime di Galeazzo di Tarsia[1].

Nella città lombarda fece stampare madrigali dedicati alla sorella, odi, le Egloghe amorose e lugubri, la seconda edizione riveduta ed ampliata de Il Pianto della Vergine e il dramma in cinque atti La Venere addolorata.

Tornato a Napoli, fu governatore di vari feudi per conto di alcuni signori meridionali.

Nel 1618 uscì L'Aretusa, un idillio dedicato al principe Caracciolo di Avellino e l'anno seguente un testo teatrale in cinque atti Il Guerriero amante.

Fu fratello di Adriana, celebre cantante che raggiunse il primato del canto nella penisola, ai tempi in cui si impose la figura della virtuosa.

Morì a Giugliano, nel 1632, dove è sepolto nella chiesa di Santa Sofia.

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lo cunto de li cunti.

Al Basile si deve la prima raccolta di novelle interamente dedicate all'infanzia. Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille (La fiaba delle fiabe ovvero come intrattenere i bambini) Napoli 1634-1636, venne redatto in lingua napoletana e pubblicato postumo per interessamento della sorella dell'autore, la celebre cantante Adriana Basile.

Questa opera della letteratura barocca compone, nella sua raffinata architettura, alcune persone e intrecci - come Cenerentola, La bella addormentata nel bosco e altre - che ebbero larga diffusione nella cultura europea dell'epoca tanto da costituire, nelle varie elaborazioni successive, un patrimonio comune a tutta la cultura mondiale.

Lo Cunto è un’opera preparata per il divertimento delle corti. Per la sua complessa struttura e il suo linguaggio teatrale si ispira alle tradizioni del racconto ed a vari generi letterari e allestisce un prototipo della letteratura seriale muovendosi tra le regole della commedia dell’arte, del racconto rituale e del formulario alchemico. L’opera mette in scena alcune parole d’ordine della Modernità – la necessaria fuga dei giovani dai vincoli della famiglia patriarcale, il viaggio e i pericoli che comporta fino al confine con la morte, il cambiamento di status visibile anche sulla superficie del corpo - e i loro capricciosi regolatori - il Caso e la Fortuna, la Corte e il Principe, le Fate e gli Orchi, metafore filosofiche. È un’opera scritta nel periodo più folgorante del barocco e dell'invenzione della letteratura come strumento di conoscenza, di piacere e di dominio. I percorsi di questo libro sono una delle chiavi per osservare la cultura barocca e la sua letteratura, il momento della storia europea in cui si scoprono i mondi delle tecniche della comunicazione letteraria e i repertori remoti delle tradizioni marginali, le ferree regole dell'etichetta cortigiana e la furiosa vita della città e della piazza, i grandi viaggi e le culture della diversità.

La lettura e la valutazione dell’opera di Basile è completamente cambiata negli anni settanta-ottanta del Novecento con gli studi di Michele Rak che ha prima ricostruito la tradizione della letteratura in lingua napoletana[2] poi le opere di Basile come letterato di corte[3] fino alla traduzione in lingua italiana con testo a fronte del 1983-1986[4] realizzata grazie a un lavoro sulle fonti nelle biblioteche storiche – dalla Biblioteca Apostolica Vaticana alla Biblioteca Nazionale di Napoli – che è servita di base per le traduzioni di Nancy Canepa (New York) e Rudolph Scheda (Zurigo) e infine completata con lo scenario dei primi trent’anni del Seicento napoletano nel volume[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le rime di Galeazzo di Tarsia, raccolte dal Cavalier Giovambattista Basile, nell'Accademia degli Oziosi detto il Pigro, Napoli: C. Vitali, 1617.
  2. ^ Rak-1, op. cit.
  3. ^ Rak-2, op. cit.
  4. ^ Rak-3, op. cit.
  5. ^ Rak-4, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54166800 LCCN: n50018435 SBN: IT\ICCU\CFIV\031810