La gatta Cenerentola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'opera teatrale, vedi La gatta Cenerentola (De Simone).

La gatta Cenerentola (nell'originale napoletano, La gatta cennerentola) è una celebre fiaba di Giambattista Basile, inclusa nella raccolta postuma Lo cunto de li cunti (1634-1636).

Essa rappresenta una delle redazioni più note della fiaba di Cenerentola, un racconto popolare tramandato sin dall'antichità in centinaia di versioni provenienti da diversi continenti;[1] la fiaba all'origine de La gatta Cenerentola sarà successivamente inclusa anche nelle celebri raccolte di Charles Perrault e dei Fratelli Grimm.

La versione di Basile presenta diverse varianti rispetto a Cendrillon di Perrault, su cui sono in gran parte basati il lungometraggio animato Cinderella del 1950 e le successive produzioni Disney; in particolare, l'eroina (di nome Zezolla) si macchia addirittura dell'omicidio della sua matrigna (che viene però poi sostituita da una nuova matrigna anche peggiore).

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Roberto De Simone ne ha realizzato un celebre adattamento teatrale, considerato uno dei suoi capolavori, diretto dal maestro Domenico Virgili. L'opera è stata rappresentata 175 volte nei primi due anni dopo la sua realizzazione.

Riferimenti culinari[modifica | modifica wikitesto]

La descrizione dei festeggiamenti dati dal re per trovare la fanciulla che aveva perso lo scarpino contiene un'interessante testimonianza della cucina napoletana del '600, e dimostra la diffusione, già all'epoca, di pastiera e casatiello, piatti tipici della cucina pasquale:

« E, venuto lo juorno destenato, oh bene mio: che mazzecatorio e che bazzara che se facette! Da dove vennero tante pastiere e casatielle? Dove li sottestate e le porpette? Dove li maccarune e graviuole? Tanto che nce poteva magnare n’asserceto formato. »
(Giambattista Basile, La gatta Cenerentola.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stith Thompson, La fiaba nella tradizione popolare, Milano, Il Saggiatore, 1967, pp. 185-188 dall'edizione del 1994 (ed. originale: The Folktale, 1946, tradotta da Quirino Maffi)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]