Clan norreni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I clan norreni (antico norreno: ætt) erano gruppi sociali basati sulla discendenza da un unico capostipite o sull'accettazione formale di un individuo nel gruppo per decisione di un'assemblea, il þing.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In assenza di una forza di polizia, il clan era la principale forza di sicurezza della società norrena, poiché i membri erano obbligati dall'onore a vendicare la morte di uno di loro. Un clan norreno non era legato ad un particolare territorio, come invece succedeva per i clan scozzesi, dove il capo possedeva il territorio come se fosse un feudo; la terra dei clan scandinavi era posseduta dai singoli individui. Il nome del clan derivava da quello del capostipite, con l'aggiunta spesso di un -ung o -ing finale.

Poiché col passare del tempo in Scandinavia si è instaurato un governo centrale, l'ætt ha oggi perso la sua importanza per la gente comune. Tuttavia è rimasto in uso fra i reali e la nobiltà per indicare l'ascendenza.

Clan più importanti[modifica | modifica sorgente]

Runologia[modifica | modifica sorgente]

In runologia, un aett è uno dei tre gruppi di 8 rune del Fuþark antico: il "fehu aett" è la serie fuþarkgw, l'"haglaz aett" è hnijïpzs e la "tyr aett" è tbemlŋdo. Inoltre il nome si applica anche ad ognuno dei tre gruppi di 6 rune dell'Armanen Futharkh[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rudolf John Gorsleben: Hoch-Zeit der Menschheit, 1930.