Beowulf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Beowulf (disambigua).
Beowulf
Stories of beowulf queen poring wine.jpg
un'illustrazione di Beowufl
Autore sconosciuto
1ª ed. originale VIII secolo
Genere poema epico
Lingua originale antico inglese

Beowulf (pron. in antico inglese /ˈbeːo̯wʊlf/ o /ˈbeːəwʊlf/; in inglese moderno /ˈbeɪ.ɵwʊlf/) è un poema epico, incompleto ed anonimo, scritto in una variante sassone occidentale dell'anglosassone (o inglese antico). La datazione è tuttora incerta, tuttavia gli indizi più significativi finora raccolti dagli studiosi tenderebbero a collocarla attorno alla metà dell'VIII secolo. Con i suoi 3182 versi, è il più lungo poema anglosassone. Ci è giunto attraverso un unico manoscritto, il Cotton Vitellius, conservato alla British Library. Il titolo Beowulf (dal nome dell'eroe del poema) fu attribuito a quest'opera a partire dal XIX secolo. Non ci è stato tramandato nelle fonti nordiche nessun racconto che corrisponda a quello del "Beowulf". È dunque possibile che l'autore del poema inglese antico abbia rielaborato autonomamente materiale leggendario di origine nordica, creando un'opera originale sulla base di un patrimonio tramandato oralmente.

Storia dell'opera[modifica | modifica sorgente]

Beowulf è il più lungo poema epico in lingua inglese arcaica nonché uno dei più antichi fra quelli sopravvissuti. Il manoscritto in cui fu ritrovato è generalmente datato intorno all'anno 1000. Insieme a Beowulf, il manoscritto è conservato alla British Library raccoglie altre opere di epoche diverse, accomunate dalla presenza di mostri e creature fantastiche. La trascrizione del manoscritto è opera di due monaci amanuensi, ciascuno dei quali ha copiato circa metà del poema. Il manoscritto appartenne a Lawrence Nowell nel XVI secolo (ed è per questo noto anche come "Codice Nowell"); passò in seguito a Robert Bruce Cotton nel XVII secolo, e fu danneggiato da un incendio della Cottonian Library nel 1731.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Personaggi principali in ordine alfabetico:

La prima pagina del manoscritto di Beowulf in inglese antico.
  • Beowulf: mitico figlio di Edgetho, nipote di Higlac, al quale egli era molto legato. Nacque nel 495 d.C.; si recò in Danimarca per liberare Hrothgar Herot da Grendel nel 515, e più tardi accompagnò Higlac in una spedizione contro i Franchi e i Frisoni nel 521. Divenne re dei Geati nel 533 e regnò fino alla sua morte. Hrothgar, il re dei danesi, fece amicizia con il padre di Beowulf, il che spiega il viaggio di Beowulf per aiutare Hrothgar a liberare la Danimarca del mostro Grendel.
  • Beo: re danese, figlio di Shild e padre di Healfdane.
  • Breca: amico di gioventù di Beowulf, suo rivale in una gara di nuoto.
  • Edgetho o Ecgþeow: padre di Beowulf, marito dell'unica figlia di Hrethel, era un famoso guerriero.
  • Efor: guerriero geata che uccise il re svedese Ongentho; come ricompensa ebbe in sposa la figlia di Higlac.
  • Esher o Æschere: nobile danese, consigliere di re Hrothgar e suo amico fidato. Ucciso dalla madre di Grendel.
  • Finn: re frisone che aveva sposato la sorella di Hnaf.
  • Freaw: principessa danese, figlia di Hrothgar, venne data in sposa a Ingeld, principe degli Hathobard, nella prospettiva di risolvere la faida tra i due popoli.
  • Halga: principe danese, terzo figlio di Healfdane, fratello minore di re Hrothgar e padre di Hrothulf.
  • Hathcyn: re dei Geati, secondo figlio di Hrethel, che salì al trono dopo aver accidentalmente ucciso suo fratello maggiore, Herbald. Egli fu infine ucciso da Ongentho, re degli Svedesi.
  • Hathlaf: guerriero Wulfing ucciso da Edgetho. Per la morte di Wulfing il clan a cui apparteneva richiese una somma di denaro (guidrigildo), che il clan di Edgetho non poteva pagare. Edgetho venne quindi mandato da re Hrothgar, che pagò la somma dovuta.
  • Healfdane: re danese, figlio di Beo e padre di Hergar, Hrothgar, Halga e Anni.
  • Herbald: principe dei Geati e figlio di Hrethel.
  • Herdred: re dei Geati, figlio di Higlac, ucciso poi da Onela degli svedesi.
  • Hergar: re danese, figlio di Healfdane, fratello maggiore e predecessore di Hrothgar. Egli divenne padre di Herwald e regnò solo per breve tempo.
  • Hermod: re di Danimarca, che storicamente ha poca importanza.
  • Higd: Moglie di Higlac, figlia di Hareth. Il suo nome significa 'pensiero' o 'prudente'. Sua madre era tacita e poco importante in questo periodo, come accadde per le donne che sono ricordate solo per i loro padri e/o mariti, o quando utilizzate come "doni di pace" tra le tribù in lotta.
  • Higlac: re dei Geati, figlio di Hrethel e fratello minore di Herbald e Hathcyn. Higlac fu al tempo stesso signore feudale di Beowulf e suo zio.
  • Hnaf: re danese, ucciso dal cognato Finn.
  • Hrethel: re dei Geati, padre di Higlac e nonno di Beowulf.
  • Hrethric: primo dei due figli di Hrothgar.
  • Hrothgar: re danese, secondo figlio di Healfdane. Ha costruito Herot (il cervo), la grande reggia. Era terrorizzato dai violenti massacri di Grendel, fino all'arrivo di Beowulf e l'uccisione di Grendel. Un personaggio importante, Hrothgar è raffigurato alla fine della sua vita come saggio e coraggioso, sebbene ancora turbato a causa dei massacri subiti dal suo popolo e delle dispute per la sua successione.
  • Hrothmund: Il più giovane dei due figli di Hrothgar.
  • Hrothulf: Figlio di Halga e nipote di Hrothgar. Uccise il primogenito e legittimo erede di Hrothgar, Hrethric, così da poter prendere il potere dopo la morte di Hrothgar.
  • Ingeld: principe della Hathobards, figlio di Froda. Ha sposato Freaw, una principessa danese.
  • Offa: re degli Angli, più precisamente della fazione che rimase sul continente europeo e non emigrò in Angle-land (Inghilterra). Egli è il marito di Thrith.
  • Onela: re degli svedesi e figlio minore di Ongenþeow e fratello minore di Ohthere. In seguito divenne re di Götaland ed i due figli di Ohthere, Eanmund ed Eadgils, dovettero cercare rifugio da Herdred, il re dei Geati. Questo causò l'attacco da parte di Onela contro i Geati. Durante la battaglia, Eanmund morì per mano del campione di Onela, Weohstan, e morì pure Heardred. Più tardi Beowulf divenuto re dei Geati, invase la Svezia con il nipote più giovane Eadgils, il quale uccise Onela e governò sulla Svezia.
  • Ongentho: re degli svedesi, famoso guerriero e padre di Onela. Ha ucciso Hathcyn e successivamente è stato ucciso da un gruppo di Geati guidati da Higlac.
  • Shild: re dei danesi, il padre di Beo, nonno di Healfdane e bisnonno di Hrothgar.
  • Thrith: moglie di Offa, il re degli Angli. Lei era una giovane donna arrogante e violenta, che è stata migliorata nel carattere dal marito. Nessuna ulteriore informazione è data per questo personaggio, nemmeno sulla sua origine.
  • Unferth: cortigiano di Hrothgar, famoso come guerriero danese e per via del suo ottimo linguaggio. Figlio di Ecglaf, egli prestò la sua spada, Hrunting, a Beowulf per la sua battaglia contro la Madre di Grendel.
  • Weland: fabbro mitico, ricordato in molti poemi germanici del periodo. Come affermò Raffel direttamente, 'attribuire una spada o una maglia di ferro al suo talentuoso martello era un modo di evocare un'associazione automatica di splendida fattura e, in molti casi, anche di uomini o opere meravigliose.'
  • Welthow o Wealhþeow: moglie di Hrothgar e madre di Hrethric e Hrothmund, nel poema svolse l'importante ruolo di "padrona di casa" e "locandiera".
  • Wiglaf: guerriero dei Geati. Figlio di Wexstan, si ritiene fosse in parte svedese. Viaggiò con Beowulf quando combatté il drago, e fu l'unico della banda di Beowulf che venne in suo aiuto durante la battaglia. Egli divenne presumibilmente re dopo la morte di Beowulf.

Antagonisti:

  • Grendel: mostro mangia-uomini che terrorizzava il popolo danese, fu ucciso da Beowulf. Grendel viveva con la madre in fondo ad una laguna, abitata da altri mostri. Viene considerato discendente di Caino ('il progenitore di tutti gli spiriti del male').
  • Madre di Grendel: mostro, progenie della linea maledetta di Caino. Visse nel covo sotterraneo di fuoco, vendicò l'omicidio di suo figlio uccidendo Æschere, il consigliere di Hrothgar, e alla fine venne uccisa da Beowulf.
  • Drago: Un drago che visse per centinaia di anni all'interno di un tumulo a guardia di un antico tesoro, finché non venne disturbato da uno schiavo in fuga. La sua ira lo spinge a devastare Götaland, bruciando interi villaggi con il suo alito infuocato. Infine, rimase ucciso in un combattimento con Beowulf, nel quale perirono entrambi.

Personaggi secondari:

  • Emer: figlio di Offa.
  • Ermlaf: nobile danese e fratello minore di Esher.
  • Fitla: nipote di Siegmund. Siegmund pare che abbia sposato sua sorella.
  • Froda: capo degli Hathobards, padre di Ingeld.
  • Garmund: padre di Offa.
  • Hama: personaggio del ciclo di racconti di Ermric. Non è chiaro il ruolo nel poema di Beowulf.
  • Hareth: padre di Higd, rispettato e benestante.
  • Hemming: parente di Offa.
  • Hengest: guerriero, un danese, luogotenente di Hnaf e, infine, il suo successore.
  • Herward: figlio di Hergar.
  • Hondshew: guerriero geata, compagno di Beowulf durante il suo viaggio in Danimarca alla corte di re Hrothgar. Venne ucciso e mangiato da Grendel.
  • Siegmund: eroe germanico, del ciclo di Sigfrido, a cui Beowulf venne paragonato.
  • Swerting: nonno di Higlac.
  • Wels: padre di Siegmund. Il suo nome deriva dal Volsung della saga dei Völsungar.
  • Wexstan: padre di Wiglaf e in qualche modo collegato al Beowulf.
  • Wulf: guerriero dei Geati e fratello di Efor.
  • Wulfgar: araldo di Hrothgar. Nessuna spiegazione relativa alla sua discendenza è disponibile, salvo per la frase che lo descrive come 'principe nato per gli svedesi'.

Forma letteraria[modifica | modifica sorgente]

Il testo è fondato sull'allitterazione (non vi sono rime) e il metro è basato sul numero di accenti (quattro per verso) anziché sul numero di sillabe. Lo stile narrativo fa largo uso delle kenning (tipiche di gran parte della letteratura antica nordeuropea) ovvero sul riferimento a personaggi, luoghi, eventi attraverso perifrasi e metafore canoniche (per esempio i "marinai" sono i "guerrieri del mare"). Le kenning, che contribuiscono a conferire al testo un sapore fortemente allegorico, sono usate in modo sistematico; spesso, addirittura, più kenningar vengono combinate in un'unica frase, in costruzioni linguistiche spesso difficilmente penetrabili dal lettore moderno.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Anthony Burgess osserva che Beowulf è, essenzialmente, una storia di guerrieri. Più precisamente, rappresenta l'unico esempio di poema epico completamente basato sull'archetipo dello scontro fra l'eroe e il mostro (San Giorgio e il drago).

Mappa dei territori e delle tribù del poema

Il poema si apre con la costruzione di un'immensa dimora per ordine del re danese Hrothgar a Heorot, il "Cervo". La splendida reggia attira l'attenzione di Grendel, un "vagabondo delle marche", un mostro gigantesco e sanguinario il cui aspetto viene descritto sempre indirettamente e a tratti, probabilmente un troll della mitologia nordica. Dopo aver studiato la vita nella reggia dall'esterno per qualche tempo, Grendel prende a far visita al Cervo ogni notte, mietendo molte vite a ogni suo passaggio.

In soccorso al disperato re danese arriva Beowulf, nipote del re dei Geati (i Goti che abitavano, probabilmente, la Svezia meridionale). Anche dell'aspetto di Beowulf non si sa molto; certamente si tratta di un uomo molto giovane, fisicamente "eccessivo" (dotato di una statura e di una forza sovraumane, che lo fanno spesso apparire simile a quei giganti che la mitologia nordica ritrae sempre come ostili e pericolosi). Beowulf decide di affrontare Grendel a mani nude, e in un terribile combattimento riesce a strappare un braccio all'Orco e causarne la morte.

I festeggiamenti al Cervo sono appena iniziati quando, la notte successiva, il palazzo viene visitato da una creatura altrettanto sanguinaria, la madre di Grendel; rappresentata come una donna mostruosa e gigantesca, che abita in una dimora subacquea nascosta nei paludosi e nebbiosi acquitrini di una "marca" remota e inquietante. Beowulf offrirà ancora il suo sostegno al re e si recherà, in una sorta di simbolica discesa agli inferi, a incontrare l'Orchessa, riuscendone ancora vittorioso. Tuttavia, è da evidenziare una escalation drammatica nel fatto che, per affrontare l'Orchessa, Beowulf, diversamente da quanto accaduto con Grendel, non rinuncia ad armi ed armature, anzi si affida esplicitamente alla cotta e alla sua spada (che peraltro si rivelerà insufficiente), ed alla fine riesce ad avere la meglio solo in virtù di una spada eccezionale e prodigiosa, trovata in una circostanza fortuita nell'antro del mostro durante la lotta, senza la quale sarebbe certamente perito nello scontro.

In una subitanea accelerazione della narrazione, Beowulf, tornato in patria, diventa re dei Geati e regna pacificamente per 50 anni. Il suo regno viene però aggredito da un nuovo mostro, questa volta un drago (quest'ultimo noto con vari nomi quali il serpente di fuoco, il verme di fuoco o semplicemente il verme). La figura del drago di Beowulf rappresenta un esempio canonico a cui si è certamente ispirata molta letteratura successiva, anche contemporanea (si pensi ai draghi di Tolkien): il drago di Beowulf è una serpe alata e volante; sputa fiamme e custodisce un antico tesoro. Già anziano, Beowulf affronta il drago per proteggere il proprio regno; pur riuscendo a ucciderlo, morirà anch'egli nello scontro (come Thor è destinato a morire uccidendo il gigantesco serpente d'acqua).

Impatto culturale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Grendel#Impatto culturale.
Beowulf combatte contro il drago, disegno per una serie a fumetti del 1908

Nel videogioco "Blacklight Retribution", uno dei personaggi utilizzabili si chiama Grendel. Nel videogioco "The Elder Scrolls V: Skyrim" la fortezza dei Barbagrigia si chiama "Hrothgar alto".

  • Il gioco da tavolo Beowulf, di Reiner Krizia, è basato sul poema.
  • Il fumetto umoristico "Le Grosse Storie di Bewulf" è tratto da una distorta lettura del poema in chiave demenziale.
  • Nella serie Star Trek - Voyager, più precisamente nell'episodio numero 12 della prima stagione dal titolo: Eroi e demoni (Heroes and demons), il guardiamarina Harry Kim (Garrett Wang) scompare dal ponte ologrammi della Voyager mentre sta utilizzando il romanzo olografico Beowulf. Tutta la puntata è una rielaborazione del mito in cui il Dottore della Voyager assume il ruolo di Beowulf e il ruolo di Grendel è impersonato da un'entità aliena ostile.
  • Beowulf è anche il nome di un noto progetto per il clustering parallelo.
  • Beowulf ha in parte ispirato il romanzo Mangiatori di morte di Crichton.
  • Il nome del re dei nani Rothgar nei romanzi del Ciclo dell'Eredità potrebbe essere ispirato al re di Heorot Hrothgar, soprattutto considerato il fatto che in lingua originale i due nomi sono anche omografi.
  • Nel videogioco fantasy The Elder Scrolls V: Skyrim, della serie The Elder Scrolls, sul monte più alto di Tamriel è situato il santuario di montagna dell'ordine dei Barbagrigia, chiamato Hrothgar Alto. Potrebbe darsi che il nome, data l'omografia (anche in lingua odierna) e l'omofonia con il nome del re Hrothgar, si ispiri a quest'ultimo, essendo la suddetta serie di videogiochi di genere affine.
  • Nell'EP d'esordio del gruppo neo-prog dei Marillion, Market Square Heroes del 1982, compare la lunga (17 minuti) suite Grendel.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Medieovo, settembre 2010

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]