Ynglingar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Yngling" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Yngling (disambigua).
Ynglingar
Stato Svealand
Titoli Re di Svezia
Re a Uppsala
Fondatore Yngvi-Freyr
Ultimo sovrano Ingjaldr in Svezia
Harald Bellachioma in Norvegia
Data di fondazione I sec. a.C. circa
Data di estinzione 872 circa
Etnia Sueoni
Rami cadetti Dinastia Bellachioma
Dinastia di Munsö
Yngve Frey bygger Gamla Upsala tempel (1830) di Hugo Hamilton.
Seduto, il dio Yngvi-Freyr da cui deriva la dinastia Ynglingar.
Regni norvegesi alla morte di Gudrød il Cacciatore, ca. 820 D.C. I regni più importanti erano Vestfold (rosso), Hålogaland (viola), Alvheim (giallo) e Agder (verde).
Regni norvegesi alla morte di Halfdan il Nero, ca. 860 D.C.. Il regno ereditato da Harald Bellachioma è in rosso.
Regni norvegesi attorno al 872 D.C. prima della Battaglia di Hafrsfjord.

Gli Ynglingar (nell'Heimskringla), Scylfings (nel Beowulf e nell'Ynglingatal) oppure Figli di Freyr (nel Gesta Danorum e nell'Ynglingatal) appartennero ad una dinastia scandinava che le fonti mitologiche pongono come originaria dello Svealand[1].

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'VIII secolo è difficile ricostruire una linea di successione precisa. Sebbene gli antichi testi pervenuti (come l'Ynglingatal, gesta dei Yngling, o l'Ynglinga saga, la saga dei Yngling) riportino una genealogia i cui primi re sono corrispondenti, andando indietro nei secoli più le gesta descritte si mischiano con il mito.

La dinastia "storica" discende da una linea di successione di re, semi-leggendari o leggendari, che inizia nel I secolo a.C. col dio Yngvi (Yngvi-Freyr), da cui deriva il nome Yngling (Yngvi-ing, dove -ing significa "discendente").

I primi appartenenti a questa linea dinastica utilizzavano titolo di re a Uppsala, importante centro culturale e religioso nell'attuale Svezia, il cui tempio, secondo il mito, era stato costruito dal dio Yngvi-Freyr. Ci sarebbe da osservare che Snorri Sturluson, nell'Ynglinga saga, se da un lato indica come primo sovrano svedese l'antico Gylfi, dall'altro riporta che solo da Dyggvi in poi si cominciò ad usare l'appellativo konungr (che lo fa derivare da "Kon Ungr", Kon il Giovane), poiché i suoi predecessori erano chiamati dróttinn (condottieri)[2]. Tuttavia la figura del kuningaz era presente anche nelle culture protogermaniche almeno dai tempi di Tacito (I secolo d.C.). Pertanto risulta arduo stabilire quando i signori di Uppsala cominciarono ad essere effettivamente definiti come re.

La mancanza soluzione di continuità nella genealogia dei primi re può essere attribuita al fatto che i primi documenti scritti risalgono a diversi secoli dopo, quindi fu ricostruita successivamente, o partendo da altri scritti ormai non più esistenti, o influenzandosi a vicenda. Tra l'altro i decessi dei primi quattro re (Fjölnir, Sveigðir, Vanlandi e Vísburr sono connessi ciascuno con uno dei quattro elementi di Empedocle), caratteristica che negli anni '90 ha fatto avanzare l'ipotesi che l'Ynglingatal fosse in realtà successivo al Ynglinga saga (XII secolo d.C.) ed entrambi intenzionati a far risalire le origini dei regnanti all'epoca della loro compilazione direttamente al dio Freyr.[3]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ynglingatal#L'ipotesi di un'origine tarda.

Persi gli iniziali possedimenti in Uppland, Svezia, attorno al VII secolo, la linea dinastica riuscì a sopravvivere e conquistare diversi regni in Norvegia, unificandola una prima volta nell'872 circa (assumendo il nome di dinastia Bellachioma). Un supposto ramo degli Ynglingar (poi nota come dinastia di Munsö), riuscì a tornare a regnare nei territori svedesi originali nel X secolo.

I re storici[modifica | modifica wikitesto]

La distinzione tra re semi-leggendari e storici degli Ynglingar è basata sulla conferma dell'esistenza dei componenti da fonti non riconducibili solamente alle saghe norrene come lo Ynglingatal (o il sassone Beowulf). Una possibile linea di demarcazione la si può individuare ponendo come fondatore degli Ynglingar "storici" Gudrød il Cacciatore (Gudrød Halfdansson Veidekonge), re di Vestfold, in seguito alla conquista del regno di Agder[1].

Un'altra tradizionale linea di demarcazione è la Battaglia di Hafrsfjord (circa nel 872), con la quale molti piccoli regni furono unificati dal nipote di Gudrød il Cacciatore, Harald Bellachioma, cui gesta sono descritte nel Haraldskvæði e nel Glymdrápa di Þorbjörn Hornklofi. Con l'estensione dei suoi domini in seguito a tale battaglia, si dette il titolo di re di Norvegia, dando inizio alla dinastia Bellachioma. Considerando però la successiva dinastia come separata, allora tutti i membri degli Yngling sarebbero da indicare come mitologici o semi-mitologici.

Una data più recente in cui si suppone che abbiano regnato non è garanzia di una loro maggiore conferma storica. Per alcuni di essi, come Ongenþeow, Ohthere, Onela e Aðils, vi sono un numero di citazioni e menzioni[4] superiore a membri ben più tardi come Ólafr o Rögnvaldr.

Le liste dei re[modifica | modifica wikitesto]

Mettendo assieme le liste dei re dei principali testi pervenuti, si può ricostruire questa tabella di raffronto:

Beowulf

VIII d.C.-X d.C.

Ynglingatal

tardo IX d.C.

Íslendingabók

primo XII d.C.

Historia Norvegiæ

tardo XII d.C

Ynglinga saga

circa 1225

Hversu Noregr byggðist

1387

Dei Burri
Burr
(Gylfi) Óðinn Ásakonungr
Yngvi Tyrkjakonungr Ingui (Óðinn) Freyr
Njörðr Svíakonungr Neorth Njörðr Njörðr
Freyr Froyr Yngvifreyr Freyr
Re mitologici Fjölnir Fjölnir Fiolnir Fjölnir Fjölnir
Sveigðir Svegðir Swegthir Svegðir Sveigðir
Vanlandi Vanlandi Wanlanda Vanlandi Vanlandi
Vísburr Visburr Wisbur Vísburr Vísburr
Dómaldi Dómaldr Domald Dómaldi Dómaldi
Dómarr Dómarr Domar Dómarr Dómarr
Dyggvi Dyggvi Dyggui Dyggvi Dyggvi/Tryggvi
Dagr Spaka
(Dag il Saggio)
Dagr Dagr Dagr Spaka Dagr
Agni Alrekr Alricr Agni Agni Skjálfarbóndi
Alrekr e Eiríkr Agni Hogni Alrekr e Eiríkr Alrekr
Yngvi e Álfr Yngvi Ingialdr Yngvi e Álfr Yngvi
- - - Hugleikr -
Jörundr Jörundr Jorundr Jörundr ed Eiríkr Jörmunfróði/Jörund
Aun
(il Vecchio)
Aun inn gamli Auchun Aun hinn gamli Áni/Aunn inn gamli
Re semi-mitologici Ongenþeow Egill Egill Vendilkráka Eigil Vendilcraca Egill Tunnudólgr Egill Tunnadólgr
Ohthere e Onela Óttarr Óttarr Ottarus Óttarr Vendilkráka Óttarr Vendilskráka
Eadgils e Eanmund Aðils Aðísl at Uppsölum Adils/Athisl Aðils Aðils at Uppsölum
Eysteinn Eysteinn Eustein Eysteinn Eysteinn
Ingvarr Yngvarr Ynguar Yngvarr Yngvarr inn hári
Önundr
(lo Spianaterra)
Braut-Önundr Broutonundr Brautönundr Braut-Önundr
Ingjaldr
(il Malgovernante)
Ingjaldr inn illráði Ingialdr Ingjaldr hinn illráði Ingjaldr inn illráði
Óláfr Trételgja
(il Tagliaboschi)
Óláfr trételgja Olavus tretelgia Óláfr trételgja Óláfr trételgja
Hálfdan Hvitbeinn
(Zampabianca)
Hálfdan hvítbeinn

Upplendingakonungr

Halfdan hwitbein Hálfdan hvítbeinn Hálfdan hvítbeinn
Eysteinn Eustein Eysteinn Eysteinn
Hálfdan
(il Mite)
Halfdan Hálfdan hinn mildi Hálfdan inn mildi
Re storici Guðröðr
(il Cacciatore)
Goðröðr Guthrodr Guðröðr veiðikonungr Guðröðr veiðikonungr
- - Halfdan Niger
(il Nero)
- Hálfdan svarti
- Helgi Haraldus - Haraldr inn hárfagri
(Harald Bellachioma)
Re semi-leggendari Ólafr
(l'Elfo di Geirstad)
Óláfr - Ólafr -
Rögnvaldr
(l'Alto-Una-Montagna)
- - Rögnvaldr heiðum hæra -

Continuazione del casato[modifica | modifica wikitesto]

La dinastia degli Ynglingar conflui nella menzionata dinastia Bellachioma, quale sua continuazione nonché ramo norvegese:

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi dinastia Bellachioma.

Oltre al ramo norvegese, il Gesta Danorum considera appartenente ai Ynglingar anche la dinastia di Munsö, che regnò dapprima in Svezia, poi in Danimarca:

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi dinastia di Munsö.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Yngling family, Genealogy CZ, 26 febbraio 2003. URL consultato il 25 marzo 2014.
  2. ^ (EN) Snorri Sturluson, Stanza 17. Dauði Dyggva in Ynglinge-saga, 1225.
    «La madre di Dyggvi fu Drótt, una figlia di Re Danp, il figlio di Ríg, che era all'inizio chiamato konungr ["re"] nella lingua danese [l'antico norreno]. I suoi discendenti ebbero tutti lo stesso titolo di konungr, il titolo di maggior dignità. Dyggvi fu il primo della sua famiglia ad essere chiamato konungr, poiché i suoi predecessori erano chiamati dróttinn ["condottiero"] e le loro mogli dróttning, e la loro corte drótt ["banda di guerra"]. Ogni appartenente a quella famiglia era chiamato Yngvi o Ynguni e l'intera famiglia era chiamata Ynglingar. La regina Rótt era una sorella di re Dan Mikilláti, da cui la Danimarca prese il nome.».
  3. ^ Krag, pp.55-56
  4. ^ A titolo di esempio, la più antica e probabilmente la meno conosciuta citazione di Ongenþeow avviene al verso 32 del poema anglosassone Widsith, del VI o VII secolo, assieme ad una lunga lista di re:
    « Wald [regnò] sui Woing, Wod sui Turingi,
    Saeferth sui Sycg, Ongenþeow sui Sueoni,
    Sceafthere sugli Umber, Sceafa sui Longobardi»
    (Widsith, versi 31-33)
    .

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti moderne

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]