Dani (popolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dani
Mappa delle tribù germaniche (nell'ovale rosso i Dani)

I Dani (Daner in danese) erano un'antica tribù germanica del nord in quelle che oggi sono la Svezia meridionale e le isole danesi. Non sono menzionati da Tacito nella Germania, opera in cui invece parla dei Geti e/o Goti e dei Suioni (antenati degli svedesi). Sembrano invece[senza fonte] essere menzionati da Giordane con il nome di Dani e da Procopio.

Il nome Daner è la radice etimologica di danesi. Giordane sostiene[senza fonte] che i Dani appartenevano allo stesso ceppo dei "Suetidi" (svedesi, Suithiod?) e che espulsero gli Eruli, impossessandosi delle loro terre. Se si considera vero tutto questo, è possibile che comparvero come ramo degli svedesi nel II o III secolo avanti Cristo. Ciò sarebbe accaduto più o meno nel tempo in cui Danr diede il suo nome ai danesi, secondo Sven Aggesen[senza fonte].

Lentamente, il piccolo regno di confine dei Dani si evolse fino a costituire il nucleo statuale dell'attuale Regno di Danimarca.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Germani Portale Germani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germani