Breca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Breca è un personaggio del poema epico anglosassone Beowulf. È l'amico d'infanzia di Beowulf che lo sconfisse in una gara di nuoto; fa parte del clan dei Bronding. Mentre sta cenando Unferth allude alla storia della loro competizione, e Beowulf la riporta nel dettaglio, spiegando come egli fosse stato costretto a fermarsi per sconfiggere svariati mostri marini durante la gara.

Breca è anche citato nel Widsith come il signore dei Bronding.

Si crede che i Bronding e Breca siano vissuti sull'isola di Brännö presso la moderna Göteborg, una residenza verosimile per un amico d'infanzia di Beowulf.

Gli studiosi hanno discusso a lungo se Beowulf e Breca si sfidarono in una gara di nuoto o di canottaggio; l'ambiguità dei termini del Beowulf ha portato gli studiosi a diverse interpretazioni della gara di Beowulf e Breca. Karl Wentersdorf dell'Università di Xavier scrisse: "Un'avventura in cui due giovani trascorrono sette giorni e sette notti nuotando nel mare è più che straordinaria, specialmente poiché si portavano a presso spade d'acciaio pesante e ingombranti cotte di maglia"[1]. Secondo Wentersdorf, il problema di traduzione "risulta dall'ambiguita della parola sund nei versi ymb sund flite (507b) e he þaet sunde oferflat (517b)"[2]. Sund, sebbene sia stato spesso tradotto dagli studiosi con "nuotare" potrebbe, con l'evoluzione del linguaggio, essere interpretato come "remare"[3]. Beowulf e Breca avrebbero potuto voler gareggiare per vedere chi fosse il più bravo a remare; il termine antico inglese rowan, utilizzato nel Beowulf, non è tradotto con "nuotare" in nessun'altra opera anglosassone[4]. I kenning earmun þehton (þeccean: "coprire") e mundum brugdon (bregdan: "spingere velocemente") utilizzati da Unferth per descrivere la gara di Beowulf contro Breca possono essere applicati sia al nuoto che al canottaggio[5]. Unferth utilizza anche le frasi wada cunnedon (508b), "mise alla prova le acque", e glidon ofer garsecg (515a), "volò sul mare", nella sua descrizione della gara di Beowulf contro Breca[6]; entrambi i termini sono applicabili sia al nuotare che al remare. Quest'ultimo inoltre era un'abilità essenziale del guerriero dell'era anglosassone, perciò una competizione a colpi di remi tra Beowulf e Breca non è da escludere.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'avventura di Beowulf e Breca, Karl P. Wentersdorf, "Studies in Philology 72", n° 2 (primavera 1975); pagina 141.
  2. ^ L'avventura di Beowulf e Breca, Karl P. Wentersdorf, "Studies in Philology 72", n° 2 (primavera 1975); pagina 155.
  3. ^ L'avventura di Beowulf e Breca, Karl P. Wentersdorf, "Studies in Philology 72", n° 2 (primavera 1975); pagina 159.
  4. ^ L'avventura di Beowulf e Breca, Karl P. Wentersdorf, "Studies in Philology 72", n° 2 (primavera 1975); pagina 159.
  5. ^ L'avventura di Beowulf e Breca, Karl P. Wentersdorf, "Studies in Philology 72", n° 2 (primavera 1975); pagina 160.
  6. ^ L'avventura di Beowulf e Breca, Karl P. Wentersdorf, "Studies in Philology 72", n° 2 (primavera 1975); pagina 161.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]