Eanmund

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eanmund, dal proto-norreno *Aiwamunduz (proto-norreno orientale Ēmund) o *Āmunduz (proto-norreno orientale Āmund), (... – Uppland, fine VI secolo[1]), fu un semi-leggendario principe sueone della casata dei Yngling/Scylfing, di Uppsala.

Al contrario dei suoi parenti, Eanmund è menzionato solo nel Beowulf.

Quando il padre Ohthere morì, suo fratello minore Onela usurpò il trono svedese. Poiché lo zio si era impadronito del potere, Eadgils ed Eanmund cercarono rifugio presso i Geati; questo spinse Onela ad attaccarli, motivato anche dal fatto che il padre del re dei Geati Heardred aveva ucciso il padre di Onela, Ongenþeow. Nella battaglia Eanmund fu ucciso dal campione di Onela, Weohstan, e anche Heardred cadde. Eadgils tuttavia sopravvisse e, secondo il poema, il nuovo re e cugino di Heardred, Beowulf più tardi lo aiutò a vendicare Eanmund e Ohthere uccidendo Onela, evento che compare anche nelle fonti scandinave.

Nella storia, Weohstan prese la spada di Eanmund che tramandò a suo figlio Wiglaf, che la usò nella battaglia contro il drago con Beowulf.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La datazione è stata dedotta sia dalla cronologia interna delle fonti stesse ed è supportata da scavi archeologici nei tumuli di Eadgils e Ohthere in Svezia (cfr. Nerman)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

fonti primarie
fonti moderne
Predecessore Dinastia degli Yngling Successore
Onela seconda metà del VI secolo Eadgils