Heaðobard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli Heaðobard o Heathobard ("I Bardi Bellicosi"[1]) erano forse un ramo dei Longobardi[2], e il loro nome potrebbe essersi conservato nel toponimo Bardengau, nel Meclemburgo, in Germania[3] (la "Golanda" delle tradizioni longobarde[4]).

Sono menzionati nel Beowulf e nel Widsith, dove sono in conflitto con i Danesi. Tuttavia, nella mitologia norrena gli Heaðobard sembrano essere stati dimenticati e il conflitto è invece diventato una faida familiare[5] o un conflitto con i Sassoni, dove i Danesi prendono il posto degli Heaðobard[6].

Il Beowulf[modifica | modifica wikitesto]

Nel Beowulf, gli Heaðobard sono coinvolti in una guerra con i Danesi. Quando Beowulf racconta la sua avventura al suo signore, Hygelac, dice che Hroðgar aveva anche una figlia, Freawaru[7]; non è chiaro se Freawaru fosse figlia anche di Wealhþeow o fosse nata da un matrimonio precedente. Poiché i Danesi erano in conflitto con gli Heaðobard, il cui re Froda era stato ucciso in guerra dai Danesi, Hroðgar mandò Freawaru a sposare Ingeld figlio di Froda, in un vano tentativo di far cessare la faida[8]. Un vecchio guerriero spinse gli Heaðobard a vendicarsi[9] e Beowulf predice a Hygelac che Ingeld si sarebbe rivoltato contro suo suocero Hroðgar[10]; nella versione esposta dalla cronaca danese Gesta Danorum, il vecchio guerriero compare con il nome di Starkaðr, ed egli riuscì a far divorziare Ingeld e farlo ribellare contro la sua famiglia[11]. Precedentemente nel poema, l'autore ci dice che la reggia di Heorot era stata alla fine distrutta da un incendio[12]:

« ...Lì s'ergeva la reggia, / alta, gran frontone, il caldo impeto aspettando / di fiamme furiose. Né è lontano quel giorno / quando suocero e genero saranno in faida / per la guerra e l'odio che li risveglieranno »
(Beowulf, vv. 81-85[13])

Vi è la tentazione di interpretare che la nuova guerra con Ingeld porterà all'incendio della reggia di Heorot, come Sophus Bugge fece[14], ma il poema separa le due cose.

Il Widsith[modifica | modifica wikitesto]

Mentre il Beowulf non si ferma mai sui risultati della battaglia contro Ingeld, il forse più vecchio Widsith ci parla della sconfitta di Ingeld ad Heorot da parte di Hroðgar e Hroðulf:

« Hroðulf e Hroðgar mantennero la più lunga / pace insieme, zio e nipote, / poiché respinsero il parente vichingo / e salutarono Ingeld con la punta della lancia, / abbattuta ad Heorot l'armata degli Heaðobard. »
(Widsith, vv. 45-59)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'articolo Hadubarder nel Nordisk familjebok (1909).
  2. ^ L'articolo Hadubarder nel Nordisk familjebok (1909).
  3. ^ L'articolo Hadubarder nel Nordisk familjebok (1909).
  4. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, I, 11-13.
  5. ^ La Relazione della Saga di Hrólfr Kraki e del Bjarkarímur con il Beowulf di Olson, 1916, Progetto Gutenberg.
  6. ^ L'articolo Starkad nel Nordisk familjebok (1909).
  7. ^ Versi 2000-2069.
  8. ^ Versi 2027-2028.
  9. ^ Versi 2042-2067.
  10. ^ Versi 2067-2069.
  11. ^ L'articolo Starkad nel Nordisk familjebok (1909).
  12. ^ Versi 80-85.
  13. ^ Traduzione in inglese di Francis Barton Gummere.
  14. ^ L'articolo Hadubarder nel Nordisk familjebok (1909).