Carlo Rustichelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Rustichelli (Carpi, 24 dicembre 1916Roma, 13 novembre 2004) è stato un musicista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato in pianoforte e composizione, dopo una breve parentesi teatrale esordisce nella musica da film con Gli ultimi filibustieri (1943). Da allora ha collaborato a più di duecento colonne sonore, dimostrando una facile vena melodica ed evocando atmosfere e stati d'animo che ben si adattavano sia a film drammatici, sia a commedie e a film comici. La sua tecnica compositiva si basava sulla profonda conoscenza di temi popolari, sapientemente arrangiati , ma spaziava anche attraverso altri generi musicali. Esemplare è la splendida colonna sonora " jazzata" (titoli di testa ) del film " Vogliamo i colonnelli " , dove peraltro coesiste anche una simpatica marcetta popolare nei titoli di coda. Tra le sue composizioni più famose, quelle scritte per i film di Pietro Germi, un incontro nel 1947 tramite il produttore Luigi Rovere che crea una collaborazione fra i tre che si snoda attraverso quasi tutte le pellicole del maestro: da In nome della legge a Il ferroviere, da Il cammino della speranza a Signore & signori, e i film realizzati dal produttore torinese.

Sua figlia Alida Chelli ha esordito come cantante proprio in un film di Germi, Un maledetto imbroglio, in cui interpretava un brano in romanesco poi riproposto anche da Gabriella Ferri, dal titolo Sinnò me moro.

Oltre che con Germi, Rustichelli ha collaborato con i più prestigiosi registi italiani, quali Bertolucci, Monicelli, Pasolini e Risi.

Sue sono anche le musiche di molti spaghetti-western, ma il commento musicale più celebre rimane la divertente ed orecchiabile marcetta composta per L'armata Brancaleone e divenuta poi un classico.

La sua attività per il cinema è stata intensissima soprattutto tra il 1950 e il 1975; nel diradare successivamente i suoi impegni cinematografici, Rustichelli ha avuto l'opportunità di lavorare anche per la televisione, componendo le musiche per alcune fiction.

Carlo Rustichelli ha ottenuto due Nastri d'argento per la migliore colonna sonora: il primo nel 1959 per L'uomo di paglia di Pietro Germi, il secondo nel 1967 per la già citata Armata Brancaleone di Mario Monicelli.

Con il figlio Paolo Rustichelli ha collaborato alla realizzazione di varie colonne sonore per cinema e TV, tra le quali Amici miei - Atto IIIº.

Colonne sonore (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

1945

1949

1950

1951

1952

1953

1954

1955

1956

1957

1958

1959

1960

1961

1962

1963

1964

1965

1966

1967

1968

1969

1970

1971

1972

1973

1974

1975

1976

1977

1978

1979

1982

1983

1984

1985

1991

2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dal sito (IT) Imdb.it [1].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 118368179 LCCN: no98022026