Luis Trenker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Luis Trenker

Alois Franz Trenker, meglio noto come Luis (Ortisei, 4 ottobre 1892Bolzano, 12 aprile 1990), è stato un regista, attore, alpinista e scrittore italiano, altoatesino di madrelingua ladina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Luis Trenker nacque il 4 ottobre 1892, figlio di un artigiano indoratore di Ortisei in Val Gardena (all'epoca St. Ulrich in Austria-Ungheria). Già durante le vacanze scolastiche lavorava come guida alpina e maestro di sci. Dopo la maturità studiò architettura all'Università di Vienna. Fin dall'inizio della prima guerra mondiale combatté nelle file dell'imperial regio esercito dell'Austria-Ungheria come aspirante ufficiale di un reggimento di artiglieria pesante in Galizia e Polonia russa. Dopo lo scoppio della guerra con il Regno d'Italia fu trasferito sul fronte italiano, inizialmente come ufficiale di artiglieria presso il Forte Verle in Trentino, ma in seguito ad una ferita nel 1916 passò alla compagnia guide alpine nelle Dolomiti. Al termine della guerra aveva raggiunto il grado di tenente. Dal punto di vista letterario scrisse le proprie esperienze di guerra in numerosi libri, dei quali Sperrfort Rocca Alta (Forte di sbarramento Rocca Alta) e Berge in Flammen (Montagne in fiamme) sono i più rilevanti. Dopo la guerra Trenker riprese gli studi di architettura che concluse a Graz nel 1924, dopodiché lavorò a Bolzano come architetto. Per breve tempo collaborò con Clemens Holzmeister.

Il contatto con la pellicola[modifica | modifica wikitesto]

I primi contatti con la pellicola risalgono al 1921. Trenker venne ingaggiato come guida alpina per il film di Arnold Fanck Berg des Schicksals (Il monte della sorte). Poiché Fanck si rese conto che il protagonista non era capace di scalare, diede a Trenker il ruolo principale. Seguirono in breve tempo altri film, inizialmente come attore, dal 1928 anche come regista. In questi Trenker è spesso protagonista, regista ed autore nella stessa persona. Nel 1927 rinunciò al suo studio di architettura e lavorò solamente come artista. Nel 1928 sposò Hilde Bleichert con la quale ebbe quattro figli.

Intenzioni e strumentalizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Trenker nel film Condottieri, del 1937, un film del cinema di propaganda fascista

Un tema fondamentale nelle opere di Trenker è l'idealizzazione di una vita legata alla Heimat, la terra d'elezione, spesso confrontata con la decadenza delle città e dei suoi abitanti; un altro riguarda la fratellanza fra le genti di montagna, anche di etnia e lingua diverse.

Il regime fascista in Italia e quello nazionalsocialista in Germania cercarono, riuscendoci solo in parte, di strumentalizzare le opere di Trenker, che seppe sempre abilmente barcamenarsi senza mai firmare opere di smaccata propaganda nazista o fascista. Tuttavia fondò tra l'altro, insieme a Fritz Lang, l'organizzazione d'impresa nazionalsocialista, reparto regia.

Trenker, di temperamento tendenzialmente anarchico anche se profondamente cristiano e preoccupato soprattutto delle proprie ambizioni artistiche, si rifiutò di sottomettersi artisticamente al Nazismo e quindi gli venne di fatto proibito l'esercizio della professione, anche perché in occasione delle famigerate Opzioni del 1939 (i Sudtirolesi avrebbero dovuto scegliere se rimanere in Alto Adige ma rinunciando completamente alla loro lingua e cultura tedesca, in pratica italianizzandosi, oppure emigrare in Germania) non si era schierato con chiarezza a favore del Reich. Suo nemico accanito fu soprattutto Goebbels.

Nel 1940 lasciò Berlino ed andò a Roma, dove sperava di incontrare condizioni migliori grazie all'appoggio di Mussolini. Dopo due film documentari, Pastor Angelicus (1942) e Germanin (1943), tornò a Bolzano.

Secondo dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Luis Trenker

Nel clima nazionalista del Sudtirolo del secondo dopoguerra gli venne rimproverato un certo opportunismo e fu costretto a subire un'evidente emarginazione: notevole, peraltro, è la sua partecipazione, come socio fondatore, all'Union di Ladins de Gherdëina. Tutto ciò durò fino agli anni cinquanta, fin quando Trenker, che nel frattempo faceva il pendolare fra Monaco di Baviera e Bolzano, non rinnovò, o quasi, i vecchi successi. Girò inizialmente film documentari che riguardavano la montagna e dal 1955 rincominciò a dedicarsi anche a film per il cinema.

Nel 1959 la Bayerischer Rundfunk (TV bavarese) realizzò la trasmissione Luis Trenker erzählt (Luis Trenker racconta), dove Trenker narrava estratti della propria vita. Dal 1965 girò prevalentemente film documentari sulla sua terra, il Sud Tirolo. Negli anni settanta realizzò una propria trasmissione per la televisione pubblica, Berge und Geschichten (Montagne e storie).

Nel 1990 Luis Trenker morì a Bolzano, all'età di 97 anni.

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1936 Coppa Mussolini per il miglior film straniero alla Biennale di Venezia per Der Kaiser von Kalifornien (L'imperatore della California)
  • 1978 Karl-Valentin-Orden
  • 1982 Filmband in Gold

Opere (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

La tomba della famiglia Trenker, a Ortisei.

Romanzi, Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Berge in Flammen. Ein Roman aus den Schicksalstagen Südtirols, 1931
  • Kameraden der Berge, 1932
  • Der Rebell. Ein Freiheitsroman aus den Bergen Tirols, 1933
  • Der verlorene Sohn. Roman, 1934
  • Leuchtendes Land. Roman, 1937 (con Karl Springenschmid)
  • Sperrfort Rocca Alta. Der Heldenkampf eines Panzerwerkes, 1937
  • Hauptmann Ladurner. Ein Soldatenroman, 1940 u.ö. München: Eher-Verlag[1]
  • Der Feuerteufel. Ein Speckbacherroman, 1940
  • Sterne über den Gipfeln. Roman, 1942
  • Heimat aus Gottes Hand. Roman, 1948
  • Duell in den Bergen. Ein Roman aus den Dolomiten, 1951
  • Glocken über den Bergen. Roman, 1952
  • Sonne über Sorasass. Ein heiterer Roman aus den Dolomiten, 1953
  • Schicksal am Matterhorn. Roman, 1957
  • Das Wunder von Oberammergau. Roman, 1960
  • Sohn ohne Heimat. Roman, 1960
  • Die Farm am Kilimandscharo, 1960
  • Der Kaiser von Kalifornien. Roman, 1961

Autobiografie[modifica | modifica wikitesto]

  • Alles gut gegangen. Geschichten aus meinem Leben, 1965

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Museo[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo della Val Gardena espone un'ampia selezione di oggetti personali di Luis Trenker e dispone del lascito di lettere e fotografie donati al museo per sua volontà dai figli[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Eher-Verlag era la casa editrice del Partito Nazionalsocialista
  2. ^ Museo della Val Gardena - collezione Luis Trenker

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wolfgang Corter: Mein Freund Luis Trenker. Mit Chronik des internationalen Berg-, Ski- und Expeditionsfilms. Seebruck am Chiemsee: Heering 1977. ISBN 3-7763-5150-0
  • Stefan König; Florian Trenker: Bera Luis. Das Phänomen Luis Trenker. Eine Biographie. München: Berg 1992. ISBN 3-7634-1090-2
  • Antonín Kratochvíl: Abendgespräche mit Luis Trenker. München: Athos 1980. ISBN 3-88499-008-X
  • Roderich Menzel: Luis Trenker. Düsseldorf: Hoch 1982. ISBN 3-7779-0302-7
  • Il cinema di Luis Trenker (catalogo Sapere di sport, a cura di Alberto Barbera, Pietro Crivellaro, Giovanni Spagnoletti), Torino 1982
  • Rudolf Nottebohm; Hans-Jürgen Panitz: Fast ein Jahrhundert Luis Trenker. München u.a.: Herbig 1987. ISBN 3-7766-1489-7
  • Hans Thalhammer: Luis Trenker, der Bergführer. Lilienfeld: Waldland-Verl. (1933)
  • Luis Trenker, Regisseur und Schriftsteller. Die Personalakte Trenker im Berlin Document Center, hrsg. v. Florian Leimgruber. Bozen: Frasnelli-Keitsch 1994. ISBN 88-85176-04-6
  • Dr. Hans-Peter Rösler (Bingen), Bibliografie sämtlicher Werke. Privatbesitz.
  • Nel 2006 il filmmaker bolzanino Andreas Perugini ha girato un documentario dal titolo "Luis Trenker: figliol prodigo".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 92746323 LCCN: n50011646