I sette fratelli Cervi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I sette fratelli Cervi
Titolo originale I sette fratelli Cervi
Paese di produzione Italia
Anno 1968
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Gianni Puccini
Soggetto Gianni Puccini e Bruno Baratti
Sceneggiatura Gianni Puccini, Bruno Baratti e Cesare Zavattini
Fotografia Mario Montuori
Montaggio Amedeo Giomini e Romano Giomini
Musiche Carlo Rustichelli
Costumi Gabriella Pescucci
Interpreti e personaggi

I sette fratelli Cervi è un film del 1968, diretto da Gianni Puccini e ispirato a un fatto realmente accaduto della Resistenza italiana, concernente i fratelli Cervi.

Il regista Gianni Puccini morì pochi mesi dopo la fine delle riprese.

Il film fu a lungo boicottato dalla censura preventiva[1].

L'aiuto regista del film era Gianni Amelio, qui alla terza collaborazione con Gianni Puccini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Emilia-Romagna, 1943, durante la seconda guerra mondiale i sette fratelli Cervi, Agostino, Aldo, Antenore, Ettore, Ferdinando, Gelindo e Ovidio, contadini di Campegine, in provincia di Reggio Emilia, di estrazione cattolica ma fortemente antifascisti, formarono, insieme al padre Alcide, la cosiddetta "Banda Cervi", che compì azioni di guerriglia contro i fascisti e contro i tedeschi.

Catturati dopo che il loro casale fu circondato da numerose forze nemiche furono imprigionati a Reggio Emilia e, il mattino del 28 dicembre 1943, tutti fucilati al poligono di tiro della città dai fascisti per rappresaglia, insieme ad un compagno di prigionia.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

"C'era tutto. C'era un grande tema popolare. C'erano, a farlo, uomini che possedevano spirito per capirlo e bravura per realizzarlo (..). Allora, cosa manca? (..) Manca l'afflato, quel qualcosa di indefinibile, di inafferrabile che nell'opera di cinema (..) arriva non si sa da dove all'ultimo momento, e per cui tutti i doni dell'intuizione creativa cadono contemporaneamente nell'opera viva (..). Si direbbe che nel trasferimento in immagine tutto si sia contemporaneamente generalizzato e dissecato. (..) Forse, non so, Puccini ha avuto paura dell'enfasi epica, della retorica (..)"(Filippo Sacchi, 'Epoca', 17 marzo 1968)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Repubblica.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]