I fuorilegge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I fuorilegge
Paese di produzione Italia
Anno 1949
Durata 95 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Aldo Vergano
Soggetto Aldo Vergano (dialoghi), Leopoldo Trieste, Gian Paolo Callegari, Giuseppe Mangione, Ottorino G. Camarazza
Sceneggiatura Sergio Pugliese (dialoghi), Aldo Vergano, Gian Paolo Callegari, Ottorino G. Camarazza, Vinicio Marinucci (dialoghi)
Produttore Carlo Infascelli per Roma Film
Fotografia Marco Scarpelli
Montaggio Dolores Tamburini
Musiche Carlo Rustichelli
Scenografia Giuseppe Piccolo
Interpreti e personaggi

I fuorilegge è un film drammatico del 1949 diretto da Aldo Vergano.

Ambientato nella Sicilia del dopoguerra, è girato interamente nel paese di Piana degli Albanesi.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Turi, tornato in Sicilia dall'estero, apprende che la sorella Maruzza è l'amante di Cosimo Barrese, militante del Movimento per l'Indipendenza della Sicilia, che, abbandonato da tutti, è diventato un bandito. I due vorrebbero sposarsi, ma la vita da fuorilegge pare un ostacolo insormontabile. Turi chiede vendetta verso il bandito che ha disonorato la famiglia e si avvale di un losco e subdolo avvocato per spingerlo in trappola.

Critica[modifica | modifica sorgente]

In un primo tempo la pellicola doveva chiamarsi Montelepre con un parziale riferimento alle vicende di Salvatore Giuliano, si adagia nella peggiore retorica neorealista italiana.[senza fonte] Presenta una sceneggiatura rimaneggiata più volte.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema