Browning M1919

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Browning M1919
YM-museum-Browning-M1919-1.jpg
Tipo Mitragliatrice media
Origine Stati Uniti Stati Uniti
Impiego
Utilizzatori United States Army - British Army - Esercito Rivoluzionario Nazionale ecc.
Conflitti seconda guerra mondiale, guerra di Corea, crisi del Congo, guerra del Vietnam
Produzione
Date di produzione 1919-1945
Varianti A1, A2, A3, A6
Descrizione
Peso 14 kg (M1919A4)
Lunghezza
  • 964 mm (A4)
  • 1 346 mm (A6)
Lunghezza canna 609 mm
Calibro 7,62 m (0,30 pollici)
Tipo munizioni .30-06 Springfield
Azionamento a rinculo
Cadenza di tiro 400-600 colpi/minuto
Velocità alla volata 853,6 m/s
Tiro utile 1 370 m
Alimentazione caricatore a nastro da 250 colpi
Organi di mira Metalliche aperte regolabili

Scribd.com

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Browning M1919 è una mitragliatrice media raffreddata ad aria, costruita negli Stati Uniti dal 1919 al 1945 e rimasta in uso presso l'esercito americano fino al 1970[1].

Evoluzione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppata alla fine della prima guerra mondiale dagli Stati Uniti, fu usata soprattutto nella Seconda guerra mondiale, ma anche nella guerra di Corea e nella guerra del Vietnam.
Alcune mitragliatrici Browning sono usate ancora oggi con il calibro modificato a 7,62 × 51 mm. Fu utilizzata dagli USA, oltre che da diverse altre nazioni, come mitragliatrice leggera, coassiale o montata, aerea e antiaerea.[2]
L'M1919 venne superata da altre mitragliatrici come l'M60, nella seconda metà del secolo.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

  • Browning M1919A1, progettata per i mezzi corazzati e per la cavalleria.
  • Browning M1919A3, usata dai mitraglieri di supporto americani.
  • Browning M1919A4, usata dalla fanteria e montata su vari mezzi (Jeep, carri armati e mezzi anfibi).
  • Browning M1919A6, versione con calcio in legno, sviluppata nel 1943 e montata su mezzi come le Jeep americane.

La Browning M1919 nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ home
  2. ^ Latin American Light Weapons National Inventories
  3. ^ Call of Duty 3. URL consultato il 04 febbraio 2013.
  4. ^ Call of Duty 2: Big Red One. URL consultato il 23 aprile 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank Iannamico, Hard Rain: History of the Browning Machine Guns.
  • Dolf L. Goldsmith, The Browning Machine Gun, Vol I & II.
  • Drabkin, Artem. The Red Air Force at War: Barbarossa & the retreat to Moscow – Recollections of Fighter Pilots on the Eastern Front. Barnsley (South Yorkshire), Pen & Sword Military, 2007. ISBN 1-84415-563-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra