Browning M1917

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Browning Model 1917
La M1917
La M1917
Tipo Mitragliatrice pesante (HMG)
Origine Stati Uniti
Impiego
Utilizzatori vedi operatori
Conflitti Prima guerra mondiale, Seconda guerra mondiale, Guerra di Corea, Guerra in Vietnam
Produzione
Numero prodotto 1917-1975
Varianti 1917A1
Descrizione
Peso 47 kg (mitragliatrice, treppiede, manica d'acqua e munizioni
Lunghezza canna 609 mm
Calibro 7,62 mm
Tipo munizioni .30-06
Azionamento a rinculo
Cadenza di tiro 450 colpi/min, 600 colpi/min per la M1917A1
Velocità alla volata 853,6 m/s
Alimentazione caricatori a nastro di tela da 250 colpi

Gotavapen.se

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Mitragliatrice Browning M1917 è una mitragliatrice pesante usata dalle United States armed forces durante la Prima guerra mondiale, Seconda guerra mondiale, Guerra di Corea e limitatamente anche nella Guerra in Vietnam, e da altre nazioni. è una mitragliatrice alimentata a nastro e raffreddata ad acqua che era usata insieme alla più leggera Browning M1919 raffreddata ad aria, sua diretta discendente. Era usata a livello di battaglione, e spesso montata su veicoli (per esempio sulla jeep). Vi sono due versioni principali, la M1917 usata durante la I G.M. e la M1917A1 usata fino al 1975. La M1917 era usata a terra e da alcuni aerei, ed ha una cadenza di fuoco di 450 colpi/min, la M1917A1 ha una cadenza di tiro dai 450 ai 600 colpi/min.

Progettazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Val Browning, Il figlio dell'inventore, dimostra la M1917
I Marines bloccano un contrattacco giapponese durante la Battaglia di Cape Gloucester in 1944.

Nel 1890 John Moses Browning prese il brevetto n° 678937 per una mitragliatrice, che migliorò fino a che produsse la M1917. Non usava il meccanismo di blocco a ginocchiera della Maxim, il che la rendeva più leggera e maneggevole dei derivati contemporanei della Maxim, quali la Maschinengewehr 08 tedesca da 62 kg, e la Vickers britannica, pur avendo la stessa affidabilità.

La United States Army Ordnance Corps non era interessata inizialmente, ma quando la guerra fu dichiarata sottoposero la M1917 a dei test. In tutti e tre i test, l'arma fu un successo sparando oltre 20000 cartucce in 48 minuti senza problemi. Così l'arma fu accolta come mitragliatrice pesante principale dell'esercito, con la cartuccia M1906 .30-06 con un proiettile da 150 grani a base piatta.

Fino ad allora l'esercito usava una accozzaglia di mitragliatrici vecchie o estere, quali la Colt-Browning M1895 "Potato Digger" ("zappa patate", dall'aspetto del giunto a ginocchiera in azione) progettata da Browning stesso, la Maxim, la Benet-Mercies M1909 e la Hotchkiss Mle 1914 francese che era la HMG più comune nella Forza di Spedizione Americana.

Nel 1926 le mire furono modificate per funzionare sia con il nuovo M1 Ball (proiettile a base aerodinamica da 172 grani) che la M1906 (proiettile da 150 grani a base piatta).[1]
con la M1 ball la M1917 aveva una gittata di 5000 m, con la M2 aveva una gittata di 3200 m.[1] Il mirino posteriore aveva un alzo a foglia contro bersagli sia terrestri che aerei.[1]

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Durante la I G.M. solo 1200 esemplari furono usati dal 1917, in 2 mesi e mezzo. Equipaggiarono un terzo delle divisioni mandate in Francia. Le altre dipendevano da mitragliatrici francesi o le mitragliatrici Vickers inglesi prodotte dalla Colt.

Una Browning M1917 durante la Guerra di Corea

La M1917A1 fu usata durante la II G.M. con i proiettili M2 ball, traccianti e perforanti (quest'ultimi introdotti subito prima della guerra). Alcune M1917A1 furono prodotte per la cartuccia .303 British e date alla guardia nazionale come difesa contro una prevista invasione dopo la ritirata dalla Campagna di Francia. Alla battaglia di Momote Airstrip (nella campagna delle Admiralty Islands) i mitraglieri del 5º cavalleria uccisero svariate centinaia di assaltatori giapponesi con queste armi, e una fu lasciata nella sua posizione, come memoriale.[2]

La M1917A1 fu usata successivamente nella Guerra di Corea, però stava venendo sostituita negli anni '60 dalla mitragliatrice M60, dato che una arma pesante da posizione era scarsamente utile nella guerra di movimento. Alcune furono date al Sud Vietnam, e sono rimaste in uso in alcuni stati del Terzo Mondo molto avanti nel XX secolo.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Varianti statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Il 2nd Lieutenant Valmore A. Browning dell'esercito degli Stati Uniti usa una mitragliatrice browning. Ques't arma fu usato nel settore delle Argonne, qui mostrata a Thillombois, Meuse, Francia, 5 ottobre, 1918

M1917[modifica | modifica wikitesto]

  • Modello iniziale

Aveva una certa debolezza del corpo d'arma, risolto con pezzi d'acciaio a forma di ferro di cavallo saldati sul fondo.

M1917A1[modifica | modifica wikitesto]

  • Negli anni '30 il Ordnance bureau sviluppò una nuova piastra di base, che risolse il precedente problema di deformazione. Molti M1917 furono convertiti in M1917A1, specialmente dall'arsenale di Rock Island. Furono apportate altre modifiche: i mirini furono aggiornati, il meccanismo di alimentazione rafforzato, e una manica di raffreddamento tutta d'acciaio sostituì quella con punte d'ottone.

M1918[modifica | modifica wikitesto]

  • versione raffreddata ad aria. Sviluppata durante la I G.M., la M1918 non partecipò alla guerra, ma fu modificata nella famosa M1919 Browning
  • possiede una canna più pesante, ma una manica di raffreddamento ad aria più leggera dell'M1917.
  • Fu progettata una versione più flessibile della M1918 da posizione, la M1918A1.

Varianti internazionali[modifica | modifica wikitesto]

La M1917 è stata usata da paesi di tutto il mondo in una varietà di versioni, spesso con una propria denominazione nazionale.

Type 30[modifica | modifica wikitesto]

Denominazione cinese per le M1917 prodotte localmente, camerate per la munizione 7,92 × 57 mm Mauser.

Ksp m/14-29[modifica | modifica wikitesto]

Kulspruta m/14-29 era la designazione svedese delle M1917 camerate in 6,5 × 55 mm. Essa impiegava il treppiede della Schwarzlose, la mitragliatrice austro-ungarica che andava a sostituire. La munizione da 6,5 mm si dimostrò troppo leggera per l'impiego antiaereo, così nel 1932 venne sviluppata la più potente 8 × 63 mm patron m/32[3], impiegata sulla nuova Kulspruta m/36, entrata in produzione nel 1936.

Ksp m/36[modifica | modifica wikitesto]

La Kulspruta m/36 era la versione in calibro 8 × 63 mm patron m/32 della precedente Ksp m/14-29, sviluppata nel 1936[3]. Nel 1966 la maggior parte di queste armi venne ricamerata per la munizione standard 7,62 × 51 mm NATO[3]. Alcuni modelli nel vecchio calibro vennero mantenute per compiti addestrativi fino ad esaurimento degli stock di munizioni[3], dopo di che, negli anni settanta, anche queste armi vennero portate al calibro 7,62 mm[3][4][5]. L'arma fu infine ritirata dal servizio negli anni novanta[3].

Ckm wz.30[modifica | modifica wikitesto]

La ciężki karabin maszynowy wz. 30 ("mitragliatrice pesante modello 1930") era una copia abusiva polacca della M1917 in calibro 7,92 × 57 mm Mauser. Le modifiche includevano nuove mire metalliche a V, una maniglione ingrandito, canna allungata, bloccaggio canna più semplice per un rapido cambio canna, affusto e mire adattate sia per il tiro antipersonale che antiaereo. Furono realizzati circa 8.000 esemplari dalla Państwowa Fabryka Karabinów.

M/29[modifica | modifica wikitesto]

Una M/29 norvegese in configurazione antiaerea nella battaglia di Narvik nel 1940.

Designazione norvegese della M1917 in calibro 7,92 mm, usata come mitragliatrice pesante ed antiaerea dell'Esercito norvegese dal 1929 al 1940. Norwegian designation for the Colt M1917 (mentioned in the following section) in 7.92 mm, used as the standard HMG and anti-aircraft weapon for the Norwegian Army from 1929 to 1940[6][7]. La M/29 rimpiazzava la Hotchkiss Mle 1914[7] In all, 1,800 M/29s were in Norwegian service by the time of the 9 April 1940 German invasion.[8].

Varianti commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Colt M1928[modifica | modifica wikitesto]

Variante leggermente modificata prodotta per un contratto con il governo argentino. Le modifiche includevano una sicura, uno spegnifiamma Type A ed un sostegno per un'unità di mira panoramica.

Colt MG38, MG38B e MG38BT[modifica | modifica wikitesto]

Derivati della M1928 per il mercato civile. La serie 38 era dotata di impugnatura a manopole. La MG38 e la MG38B erano raffreddate ad acqua, con manicotto filettato. La MG38BT montava una canna corta raffreddata ad aria, simile alla Browning_M1919A2 da carro armato.

Derivati[modifica | modifica wikitesto]

Una versione semplificata e raffreddata ad aria, la Browning M1919 fu adottata dopo la I G.M. e fu usata nella II G.M., Guerra in Corea, la crisi del Congo e la Guerra in Vietnam.

Operatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Dunlap, Roy, Ordnance Went Up Front, Samworth Press (1948), p. 309
  2. ^ Dunlap, Roy F., Ordnance Went Up Front, Samworth Press (1948), p. 310
  3. ^ a b c d e f Swedish Kulspruta m/36, forgottenweapons.com
  4. ^ Robert G. Segel (11 September 2012), Swedish Medium Machine Guns: Kulspruta M/36 LV DBL, Small Arms Defense Journal, Vol. 4, No. 3
  5. ^ O. Janson The Swedish machineguns before 1950
  6. ^ Stephen Bull, World War II Winter and Mountain Warfare Tactics, Oxford, Osprey Publishing, 2013, p. 20, ISBN 978-1-84908-712-4.
  7. ^ a b Robert Mårtensson, Norwegian weapons – Infantry weapons. URL consultato il 23 gennaio 2009.
  8. ^ Terje H. Holm, 1940 – igjen?, Oslo, Norwegian Armed Forces Museum, 1987, p. 26, ISBN 82-991167-2-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]