Springfield M1903

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Springfield M1903
Lo Sprigfield M1903
Lo Sprigfield M1903
Tipo fucile bolt-action
Origine Stati Uniti d'America
Impiego
Utilizzatori Esercito Americano
Conflitti Prima-seconda guerra mondiale - guerra di Corea
Produzione
Date di produzione 1903-??
Varianti M1903 Mark I, M1903A1, M1903A2, M1903A3, M1903A4
Descrizione
Peso 3,95 kg
Lunghezza 1099 mm (senza baionetta)
Lunghezza canna 610 mm (senza baionetta)
Calibro 7,62 mm
Tipo munizioni .30-06 Springfield
Azionamento bolt-action
Cadenza di tiro 10/15 al minuto (dipende dal tiratore)
Tiro utile 1200 m
Alimentazione clip da 5 colpi

World Guns.ru[1]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Lo Springfield M1903 (United States Rifle, Caliber .30, Model 1903) è un fucile bolt-action utilizzato dagli Stati Uniti durante la prima guerra mondiale. Venne sviluppato dopo la guerra contro la Spagna nel 1898 in sostituzione del fucile Krag-Jørgensen, allora in dotazione all'esercito americano, ma obsoleto nei confronti del Mauser Model 93 prodotto in Germania ed utilizzato dagli spagnoli.

Al gennaio del 1905 vennero prodotti 80000 fucili dall'armeria Springfield, di proprietà federale americana, ma il modello venne rivisto per includere l'uso della baionetta (Model 1905). Questo nuovo progetto prevedeva l'utilizzo delle cartucce calibro 30 appuntite (7,62 mm), adottate per la prima volta dai francesi nel 1890, e una canna più corta per essere usata dalla cavalleria, ma successivamente diventata standard anche per la fanteria. Questo modello aveva tante affinità con l'omologo della Mauser che il governo americano fu costretto a pagare i diritti all'industria tedesca fino allo scoppio del primo conflitto mondiale. Il caricatore era ad astuccio con la capacità di 5 proiettili, ogni proiettile doveva essere messo in canna singolarmente, dopo aver sparato il precedente, analogamente ai fucili di fanteria usati all'epoca (Mauser Model 93 e Mannlicher-Carcano Mod 91)

Nel 1929 fu modificata l'impugnatura per rendere l'arma più maneggevole, il nuovo modello fu designato M1903A1, il modello M1903A2 fu un modello sottocalibrato da addestramento.

Nella seconda guerra mondiale venne utilizzato un nuovo modello, l′M1903A3, semplificato per adattarsi alla produzione di serie dell'industria bellica e con qualche variante, come la sostituzione del mirino, mentre un'altra versione, l′M1903A4 era dotato di mirino telescopico. Nel corso del conflitto il modello M1903A3 venne sostituito dal M1 Garand, man mano che quest'ultimo si rendeva disponibile in quantità sufficienti. Invece il modello M1903A4 rimase in servizio come arma per tiratori scelti per tutta la guerra di Corea.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Il fucile Modello 1903 originale aveva il calcio dritto ed un alzo a ritto, mentre era sprovvisto di scanalature di presa sulla cassa; la manetta dell'otturatore era piegata in basso verticalmente, ma dopo il 1918 le fu data una leggera inclinazione all'indietro. Fucili di questo tipo furono fabbricati negli arsenali di Springfield e di Rock Island.

  • M1903 Mk I: in questo fucile si riscontrano modifiche al congegno di scatto ed a quello di interruzione della ripetizione; sul fianco sinistro è praticato un foro che avrebbe dovuto servire per l'applicazione del cosiddetto "Pedersen device", una sorta di adattatore che consentiva il tiro automatico impiegando cartucce per pistola calibro .30.Questo congegno non fu tuttavia mai effettivamente utilizzato e i fucili Mk I esistenti furono riconvertiti in M1903 standard.
  • M1903A1: fu adottato nel dicembre 1929; aveva il calcio "type C" con impugnatura a pistola e scanalatura di presa, il calciolo era zigrinato ed il grilletto scanalato.
  • M1903A2: non si tratta di un vero e proprio fucile, ma di un gruppo canna-otturatore installato su pezzi d'artiglieria di vario modello per eseguire tiri di aggiustamento.
  • M1903A3: si tratta di un modello semplificato, adottato il 21 maggio 1942, per rendere più spedita la fabbricazione.Esso impiegava fascette, magliette, calciolo e sottoguardia realizzato in lamiera stampata, copricanna in un sol pezzo ed organi di mira semplificati; la maggior parte dei fucili di questo tipo montano un calcio dritto ma se ne trovano anche con l'impugnatura a pistola poco pronunciata. Fucili di questo tipo furono prodotti dalla Remington Arms e dalla L.C. Smith Corona Typewriter Co. per un totale di 985.846 pezzi; in precedenza la Remington aveva fabbricato circa 345.000 M1903.
  • M1903A4: è la versione da tiratori scelti dell'M1903A3; il calcio è provvisto di una vera e propria impugnatura a pistola e la manetta dell'otturatore è ridotta per lasciare spazio al cannocchiale M73B1 da 2,5 ingrandimenti. Su quest'arma non sono montate mire metalliche; essa fu adottata nel dicembre 1942 e venne prodotta in circa 26.650 esemplari.
  • Model 1942: Si tratta di una versione per tiratori scelti dell'M1903A1, munita di ottica Unertl da 10 ingrandimenti, realizzata per il corpo dei Marines.
  • Springfield calibro .303: questo fucile, al quale non fu mai data una denominazione ufficiale, è una trasformazione dell'M1903A4 realizzata dalla Remington su richiesta della Gran Bretagna nel 1941.
  • M1904A1: è l'ultima versione del fucile, viene dopo il M1903A4, di questo fucile si sa pochissimo, è un fucile a ripetizione manuale con la capacità di 5 colpi a caricatore, era solitamente usato dalla squadra Patrone.
Varianti
Rifle Springfield M1903.jpg
M1903
Rifle Springfield M1903A1.jpg
M1903A1
Rifle Springfield M1903A3.jpg
M1903A3
Rifle Springfield M1903A4 with M84 sight.jpg
M1903A4 con ottica M84

L'M1903 nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Modern Firearms - M1903 Springfield
  2. ^ http://it.residentevil.wikia.com/wiki/Armi_di_Resident_Evil_4 Resident Evil Wiki: Armi Resident Evil 4
  3. ^ Mafia: The City of Lost Heaven. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  4. ^ Call of Duty 3. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  5. ^ Call of Duty 2: Big Red One. URL consultato il 23 aprile 2013.
  6. ^ Saving Private Ryan. URL consultato il 04 gennaio 2013.
  7. ^ Patton. URL consultato il 04 aprile 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]