Fucile a canna liscia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una Remington 870 a pompa, due Remington 1100 semiautomatici, varie munizioni e bersagli

Un fucile a canna liscia è un'arma da fuoco lunga portatile con l'interno della canna non rigata (cioè ad anima liscia).[1]

L'obiettivo principale di quest'arma è lo sparare munizioni a pallettoni o pallini di piombo, fléchette (simili a minuscole frecce), o singoli grossi proiettili di piombo. Per sparare questi tipi di proiettile le canna deve essere necessariamente liscia, in quanto i pallettoni rovinerebbero rapidamente la rigatura, che in più sarebbe inutile, in quanto non ci sono (quasi mai) singoli proiettili da stabilizzare. L'arma è più spesso usata per la caccia ad uccelli e selvaggina, dove una rosata di pallini è più utile per colpire gli animali, per lo sport, soprattutto il tiro a volo, per la difesa domestica o per il combattimento ravvicinato per l'esercito o la polizia, dove l'elevata potenza e le grosse ferite sono letali in ambienti chiusi, quale uno scenario urbano[2].

Un Marine americano spara una Benelli M4 semiauto, durante un'esercitazione in Arta, a Djibouti, il 23 dicembre 2006.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prima conferma ufficiale di un'arma a canna liscia viene da una enciclopedia del 1728, come pezzo per cacciare gli uccelli, ma siccome tutti i moschetti fino al XIX secolo erano a canna liscia, potevano essere usati sia per proiettili che per pallettoni, senza problemi.[3][4]

XIX Secolo[modifica | modifica sorgente]

Durante il XIX secolo il fucile a canna liscia fu usato intensivamente solo dalla cavalleria, per la sua efficacia contro bersagli in movimento, mentre la fanteria preferiva fucili più precisi.

I Guerra Mondiale[modifica | modifica sorgente]

Durante la Prima guerra mondiale i fucili a canna liscia ebbero un ritorno di popolarità, con i "trench guns" (fucili da trincea) dei militari statunitensi sotto il generale John J. Pershing. Furono così efficaci che la Germania mandò una protesta diplomatica ufficiale, perché le considerava armi che violavano le leggi di guerra, in quanto usavano munizioni di piombo non incamiciato, che erano proibite. Dopo uno studio, il Judge Advocate General (un corpo di ufficiali americani con lauree in legge), rigettò le accuse, in quanto le munizioni erano placcate. Questo fu il primo e l'ultimo tentativo di impedire l'uso di fucili a canna liscia in guerra.[5]

II Guerra Mondiale[modifica | modifica sorgente]

United States Marine con un fucile a pompa Winchester M97 nella II Guerra Mondiale

Durante la Seconda guerra mondiale i fucili furono poco usati dalle forze ufficiali in Europa, ma adoperati intensamente dalle forze partigiane supportate dagli Alleati. Nel pacifico, invece, furono usati da molte forze regolari, soprattutto quelle americane dei Marine e della marina, perché la giungla e le posizioni fortificate erano terreno ideale per il fucile a canna liscia.

Dal secondo dopoguerra a oggi[modifica | modifica sorgente]

Nel dopoguerra il fucile a canna liscia viene usato per ruoli specializzati, come per la difesa di posizioni di mitragliatrice, per la guerra in contesto urbano e nella giungla, per l'irruzione in edifici. Il principale uso viene dalla marina per l'abbordaggio di navi nemiche, e c'è un uso limitato nella difesa personale degli equipaggi dei mezzi, ma il ruolo è pur sempre marginale.

Invece nelle forze di polizia l'uso è estesissimo, in quanto queste armi possono anche sparare proiettili non letali, come gas lacrimogeno, proiettili di gomma ed altri.

Nella caccia è ancora l'arma più usata per animali di piccola taglia, grazie alla potenza, la maggiore probabilità di colpire il bersaglio, e la robustezza.[6]

È tuttora l'arma preferita per la difesa domestica, specialmente negli USA, per la semplicità ed il costo relativamente ridotto.[7]

Tipi[modifica | modifica sorgente]

Colpo singolo[modifica | modifica sorgente]

Una veduta della break-action di una doppietta

Il fucile da caccia più antico e semplice, dal punto di vista costruttivo, ha una sola canna e ovviamente può sparare un solo colpo per volta: oramai è stato soppiantato da doppiette, sovrapposti e soprattutto semiautomatici. Il sistema di ricarica è generalmente break-action, cioè la canna è basculante in avanti, all'altezza del percussore.

Doppia canna[modifica | modifica sorgente]

Una lupara

Il fucile a doppia canna è tuttora molto popolare, ed è anche il secondo per antichità. Si divide in:

  • Doppietta, con due canne messe lato a lato
  • Sovrapposto, con due canne una sopra l'altra
  • Lupara, un fucile da caccia a canna liscia con canne mozze, a volte col calcio accorciato o addirittura senza la pala del calcio; per impugnarlo, in quest'ultimo caso, si usa la "pistola" del calcio originario. Il nome deriva forse dal fatto che venivano usate per la difesa contro i lupi: negli anni l'uso in omicidi a sfondo mafioso ne ha legato l'immagine alla criminalità organizzata siciliana, arrivando a parlare di lupara bianca.

A leva[modifica | modifica sorgente]

Una copia moderna della Winchester Mod. 1887

Diffuso durante la metà dell'Ottocento in America, e noto ai più nella sua immancabile presenza nei western, oramai è stato soppiantato anch'esso da fucili con caricamento a pompa o semiautomatico. Gode tuttora di una certa popolarità in Australia, in quanto i fucili a pompa sono praticamente impossibili da detenere a causa delle leggi vigenti.

Bolt-action[modifica | modifica sorgente]

Assai poco comune, è la diretta applicazione del fucile con otturatore a ripetizione manuale all'uso con munizioni spezzate: i pochi esemplari in produzione, generalmente prodotti a livello semi-artigianale, hanno comunque funzionamento affidabile.[8]

A pompa[modifica | modifica sorgente]

Una Winchester M1897, Uno dei primi modelli di successo a pompa

Nato come arma da caccia alla fine del XIX secolo, il fucile a pompa si è rapidamente trasformato in arma apprezzata anche dall'esercito americano durante la prima guerra mondiale: in effetti, le particolari condizioni di battaglia richiedevano un'arma che potesse "ripulire" rapidamente una trincea. Nel corso degli anni, in particolare durante la guerra in Vietnam, vennero a crearsi membri delle forze armate abili a sparare e ricamerare molto velocemente, allo scopo di eliminare i Viet-cong dai tunnel in cui si nascondevano.

Semiautomatici[modifica | modifica sorgente]

Browning A-5 semi-automatico

Buona parte dei moderni fucili da caccia a munizione spezzata sono a funzionamento semiautomatico, nel quale i meccanismi interni ricamerano una cartuccia ogni volta che si preme il grilletto. I funzionamenti sono vari (a rinculo lungo, inerziale, a presa di gas), e per la loro semplicità d'utilizzo hanno conquistato un'ampia fetta di mercato tra i cacciatori.

Automatici (a raffica)[modifica | modifica sorgente]

Occasionalmente presenti nell'armamento di alcuni eserciti, fucili a munizione spezzata con funzionamento a raffica sono stati progettati (e prodotti) in virtù della notevole potenza di fuoco che sviluppano, in ispecie in ambienti ristretti dove il nemico può essersi nascosto. Il forte rinculo però, unito alla rapidità di fuoco relativamente alta, hanno però sempre reso poco gestibile simili tipi di arma, e dunque sono ancora oggi una rarità.

Combinati[modifica | modifica sorgente]

Simili a fucili sovrapposti, con la differenza di unire la canna liscia (o le canne) ad un'altra canna ad anima rigata per il tiro di precisione; attualmente trovano applicazione per l'attività venatoria ove sono famosi i Drilling e i Billing (anche detti Combinati) permettono una maggiore scelta sul tiro potendo scegliere tra precisione a lunga distanza o potenza a breve (con l'uso possibile di munizione spezzata) che comporta una minore gittata (con evidenti risvolti di sicurezza). Altri utilizzi sono rari e sono poco utilizzati al di fuori dell'ambito venatorio.

Calibro[modifica | modifica sorgente]

Il calibro è quasi sempre misurato in gauge.

Questo vuol dire che rispetto ad un gauge di calibro n una palla di piombo (densità 11.352 g/cm3) dello stesso calibro ha la massa di 1/n della libbra avoirdupois (453.59237 grammi). Cioè rispetto ad un fucile 12-gauge, 12 palle di piombo di 18,53 mm(12-gauge) pesano una libbra. Dunque un fucile a canna liscia di gauge n ha un diametro di circa:

d_n = \left(\frac{6 \times 453.59237~\mathrm{g}}{11.352~\mathrm{g/cm}^3 \times n \times \pi}\right)^{1/3} = 4.2416~\mathrm{cm} \times \frac{1}{\sqrt[3]{n}}
Gauge Diametri (Proiettili)
Gauge
(diametro)
Calibro Peso della palla di piombo dello stesso calibro
(mm) (pollici) (grammi) (oz) (grani)
A* 50.8 2.000 778.19 27.45 12010
* 37.05 1.459 302.39 10.667 4667
2* 33.67 1.325 226.80 8.000 3500
3* 29.41 1.158 151.20 5.333 4667
4 26.72 1.052 113.40 4.000 1750
23.75 to 24.25 (Euro) .935 to.955 (Euro)
8 21.21 .835 56.70 2.000 875
10 19.69 .775 45.36 1.600 700
12 18.53 .729 37.80 1.333 583
13 18.04 .710 34.89 1.231 538
14 17.60 .693 32.40 1.143 500
16 16.83 .663 28.35 1.000 438
20 15.63 .615 22.68 0.800 350
24 14.70 .579 18.90 0.667 292
28 13.97 .550 16.20 0.571 250
32 13.36 .526 14.17 0.500 219
67½ 10.41 .410 6.71 0.237 104

Canna e modificatori di tiro[modifica | modifica sorgente]

È possibile controllare, almeno in parte, la dispersione della mitraglia all'uscita dalla canna. In passato si usava creare le bocche svasate più larghe del resto della canna, come nella spingarda, per ampliare il raggio della dispersione dei pallini, aumentando la potenza alle corte distanze a scapito della gittata. Oggi lo stesso effetto è ottenuto accorciando le canne. Nel XX secolo si sono create bocche intercambiabili per lo stesso fucile, restringendo il calibro all'uscita rispetto al resto della canna, aumentando così la gittata.

Per le armi da caccia ad anima liscia esistono vari tipi di canne, che vengono scelte a seconda del tipo di impiego: esse variano per lunghezza, calibro e lunghezza della camera di scoppio. Possono inoltre essere anche "strozzate" e cioè dotate di un leggero restringimento alla bocca per modificare la rosata che si ottiene con le munizioni spezzate. Esistono anche canne non strozzate ma nelle quali si può applicare lo strozzatore mediante un attacco a vite. Lo strozzatore viene impiegato per chiudere o aprire la rosata e ne esistono di vari tipi che si contraddistinguono a seconda del numero di stelle, ad esempio quello ad una stella stringe la rosata al massimo così da poter effettuare tiri più lunghi, mentre lo strozzatore con quattro stelle permette di effettuare tiri con rostata più ampia ma con una minore gittata utile.

Le canne usate nel tiro al piattello, che si chiamano skeet, possono essere anche cilindriche o interamente strozzate a seconda delle preferenze dei tiratori. Esiste anche una canna di minori dimensioni detta slug, generalmente poco o per niente strozzata, che viene usata per tiri a più brevi distanze e viene impiegata soprattutto per le battute di caccia al cinghiale con l'uso di palle singole. I fucili ad anima liscia possono infatti sparare non solo pallini e pallettoni ma anche singoli proiettili. Questi ultimi possono avere varie forme ma la più classica è quella tronco - conica provvista di alette in grado di imprimergli il moto rotatorio attorno al proprio asse come se fosse sparata da una canna rigata. Questo, in virtù dell'effetto giroscopico, ne aumenta la stabilità e la precisione.

I moderni fucili riescono a sopportare maggiori pressioni in confronto ai vecchi modelli. Ad esempio oggi la maggior parte dei fucili da caccia ad anima liscia viene dotata di canna magnum e cioè con camera di scoppio più lunga (76 mm per il cal.12): con questo tipo di canna possono essere sparate munizioni più lunghe e quindi in grado di contenere un'elevata grammatura come quelle da 56 gr. di piombo e che sviluppano pressioni che superano i 1300 bar. Questo tipo di canna può essere riconosciuta guardando la sigla incisa sulla canna stessa e cioè "CAM 76".

Munizioni[modifica | modifica sorgente]

Questi tipi di fucile possono sparare quasi tutti i munizionamenti per arma da fuoco portatile oggi esistenti, più varie munizioni esclusivamente propri. Questa caratteristica di grande versatilità è data soprattutto dalla canna liscia, in quanto pallettoni e proiettili di piombo tendono a rovinare la rigatura creando un potenziale pericolo.

Le munizioni principali sono:

Munizione spezzata[modifica | modifica sorgente]

Una serie di fotogrammi individuali ogni 1/1 000 000 di secondo, che mostra lo sparo di una munizione a pallini

Chiamato anche "mitraglia", è il tipo più comune, in quanto permette di colpire meglio bersagli in movimento, dà il nome alternativo di "fucile a pallettoni". La carica offensiva è posta davanti ad una borra (un tempo in feltro, oggi in plastica) che separa i proiettili dalla carica, in modo tale da mantenere i gas di combustione dietro i proiettili. La carica offensiva può essere pallettoni o pallini, dipendendo dal bersaglio, in quanto dei pallettoni troppo grandi potrebbero sfracellare un piccolo animale. I pallini più grandi si chiamano pallettoni o "buckshot" (letteralmente, "mitraglia per cervi"); si definiscono così i pallini con diametro maggiore di 4,1 mm nominali. Il tiro utile (ovvero la distanza entro la quale è possibile fare un tiro efficace con effetto, ovvero con una probabilità accettabile) dipende dal tipo di pallini utilizzati, ovvero dalla strozzatura della canna, ma varia da 25 metri ad un massimo di 45 metri. La gittata è piuttosto contenuta, in genere entro i 90 metri.

Palla singola[modifica | modifica sorgente]

Il fucile spara un proiettile singolo (in inglese chiamato spesso "slug"), di solito dello stesso calibro della canna, e generalmente di piombo. La precisione è accettabile entro un centinaio di metri, ma l'assenza di stabilizzazione non consente un tiro accurato come quello che si può ottenere con armi a canna rigata.

Buck and ball[modifica | modifica sorgente]

Una munizione che contiene sia "buckshot" che un "slug" (palla singola), per unire la gittata della palla di diametro pari al calibro della canna (circa 100 m) alla rosata di colpi, e quindi la probabilità di colpire, della munizione spezzata. Usata spesso in guerra nel passato.

Fléchette[modifica | modifica sorgente]

Flèchette per armi leggere(scala in pollici)

Munizioni simili ad una piccola freccia, sono inseriti più proiettili in una sola cartuccia, Il vantaggio è che sono stabilizzati da piccoli alettoni in coda, e volano con la punta sempre in avanti, così può essere appuntita, migliorando l'aerodinamicità e la penetrazione, al contrario dei pallini, che sono sferici.

Granate[modifica | modifica sorgente]

Per ora solo sperimentali, consisterebbero in una granata caricata al posto della carica offensiva. Il primo tipo è la "Frag-12".[9][10]

Non letali[modifica | modifica sorgente]

Dato l'ampio uso da parte di forze di sicurezza, devono essere capaci di sparare proiettili non letali, per disperdere folle e rendere inoffensive persone senza ucciderle.
I proiettili non letali possono essere cinetici, a gas, chimici, sonori, elettrici, di segnalazione e di distrazione.[11]

Pallettoni di gomma Fiocchi
  • Cinetici: pallettoni di gomma, palle di gomma, sacchetti contenenti pallettoni di piombo, non letale ma doloroso.
  • A gas: invece che pallettoni, sono caricate sostanze chimiche che creano un cono di gas in uscita dalla canna, tipi comuni sono gas lacrimogeni e spray al pepe.
  • Chimici: soprattutto sali che creano ferite brucianti, non letali. Comuni in passato, ma anche oggi grazie al basso costo.
  • Sonori: cartucce a salve, cartucce che lanciano petardi, colpi "fischianti" costituiti un fischietto pirotecnico.[12]
  • Elettrici: la Taser International produce munizioni contenenti un gruppo elettroshock, che viaggia a 100 m/s, si attacca con dei gancetti al bersaglio e dà una scossa che dura 20 secondi[13].
  • Di segnalazione: rilascia un bengala di segnalazione, fino a 100m.
  • Di distrazione: soprattutto fiammate che possono distrarre o accecare temporaneamente un bersaglio, come la Dragon's Breath.
La Dragon's Breath

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scattergun, dictionary.com. URL consultato il 12 maggio 2007.
  2. ^ Shotgun Home Defense Ammunition, Tactical Briefs #10, October 1998
  3. ^ scanned 1728 Cyclopedia page containing the entry on fowling piece
  4. ^ Firearms in Plymouth Colony
  5. ^ Bruce N. Canfield, Give Us More Shotguns! in American Rifleman, maggio 2004.
  6. ^ WDNR - Wisconsin Hunting Incident Synopsis, dnr.wi.gov. URL consultato il 5 settembre 2008.
  7. ^ Mossberg retail prices
  8. ^ April, 97 Browning, Gun-tests.com. URL consultato il 5 settembre 2008.
  9. ^ Defense Review, Frag-12
  10. ^ Marine Corps Warfighting Laboratory spec sheet [collegamento interrotto] on experimental FRAG-12 shotgun grenade round
  11. ^ Impact Munitions Use: Types, Targets, Effects, NIJ
  12. ^ Developments in Non-Lethal Payloads for 12 Gauge Shotguns and 40mm Grenade Launchers
  13. ^ Taser Xrep, Taser.com. URL consultato il 5 settembre 2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bob Brister, Shotgunning, The Art and the Science, New Jersey, New Win Publishing, 1976, ISBN 0-8329-1840-7.
  • Elmer Keith, Shotguns, Pennsylvania, The Stackpole Company, 1950, ISBN 0-935632-58-1.
  • Michael McIntosh, Best Guns, Alabama, Countrysport Press, 1950, ISBN 0-924357-79-7.
  • Jack O'Connor, The Shotgun Book, New York, Alfred A. Knopf, 1949, 1965, ISBN 0-394-50138-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]