Biblo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Jbeil (Biblo)
municipalità
جبيل
Jbeil (Biblo) – Veduta
Localizzazione
Stato Libano Libano
Governatorato Monte Libano
Distretto Jbeil
Territorio
Coordinate 34°07′25″N 35°39′04″E / 34.123611°N 35.651111°E34.123611; 35.651111 (Jbeil (Biblo))Coordinate: 34°07′25″N 35°39′04″E / 34.123611°N 35.651111°E34.123611; 35.651111 (Jbeil (Biblo))
Altitudine 10 m s.l.m.
Superficie 4,16 km²
Abitanti 44 379 (2008 stime)
Densità 10 668,03 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Libano
Jbeil (Biblo)
Biblo
Byblos
ByblosCrusaderCastle2.jpg
Localizzazione
Stato Libano Libano
Distretto Jbeil
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Biblo
(EN) Byblos
Tipo Culturale, Naturale, Misto
Criterio C (iii) (iv) (vi)
Pericolo Nessuna indicazione
Riconosciuto dal 1984
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Biblo (fenicio Gbl, accadico Gublu, greco Byblos), oggi chiamata Jbeil (in arabo: جبيل, Jubayl) è un'antica città fenicia sulla costa del Libano a circa 37 km a nord di Beirut. Le più antiche testimonianze archeologiche restituite dall'area fenicia provengono proprio da questa città, una città che nel III millennio a.C. è teatro di una grande "rivoluzione urbana", sorgono santuari, edifici pubblici, abitazioni a cui può attribuirsi la qualifica di città. Biblo divenne nel III millennio un insediamento urbano fortemente sviluppato.

È stata dichiarata dall'UNESCO patrimonio mondiale dell'umanità.

Con il nome di Gubayl (Gibello, o Gibelletto nella traslitterazione in lingua italiana) fu a lungo una delle colonie genovesi al tempo della Repubblica di Genova. Fu per circa due secoli feudo familiare degli Embriaci di Genova, per alcuni anni anche dopo la riconquista araba.

Le prime tracce d'insediamento risalgono al periodo calcolitico. La città si sviluppò, in seguito, nel corso del terzo millennio quando intraprese intensi scambi commerciali con l'Egitto a cui forniva soprattutto legno di cedro del Libano impiegato in Egitto sia in campo edilizio (colonne) che nel campo delle costruzioni navali.

Il legame con l'Egitto si fece più stretto nel II millennio a.C. quando, per lunghi periodi, fu sottoposta direttamente al controllo egizio, come si può rilevare dalla corrispondenza diplomatica tra il sovrano di Biblo, Rid-Adda, e i sovrani egizi Amenofi III ed Akhenaton.

Passata in seguito sotto il controllo assiro finì per decadere nel corso del I millennio a.C. al rango di insediamento locale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa crociata di San Giovanni (ﻤﺎﺭ ﻴﻭﺤﻨﺎ ﻤﺭﻗﺱ).
Il porto

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]