Cedrus libani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cedro del Libano
Cedrus libani JPG1a.jpg
Cedrus libani
Stato di conservazione
Status iucn2.3 LC it.svg
Basso rischio (lc)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Cedrus
Specie C. libani
Nomenclatura binomiale
Cedrus libani
A.Rich., 1823
Sinonimi

Pinus cedrus

Il cedro del Libano (Cedrus libani, A.Rich. 1823) è una specie di cedro. Fa parte della famiglia delle Pinacee. Migliaia di anni fa estesi boschi di questo albero ricoprivano i pendii montuosi di tutto il Vicino Oriente. Oggi nella sua zona di origine sopravvivono solo poche centinaia di esemplari.

È l'albero rappresentato nella bandiera del Libano.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Pianta arborea, distinguibile per alcuni rami che assumono un portamento a "candelabro" ossia formano un angolo di 90° e salgono verso l'alto. La cima col passare del tempo si appiattisce. Nelle zone d'origine arriva a 40m, eccezionalmente a 60m.

Corteccia[modifica | modifica sorgente]

Prima liscia, poi fessurata longitudinalmente di colore marrone scuro, ha una densa ramificazione.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Lunghe fino a 3 cm, di colore verde scuro portate sia singolarmente sui giovani rametti, sia in ciuffi di 20-30 su corti rametti laterali.

Fiori[modifica | modifica sorgente]

Il cedrus libani, come tutte le gimnosperme, non ha i fiori ma gli strobili: grigio-verdastri i maschili, lunghi fino a 5 cm e a maturità giallastri, verdastri i femminili, portati sulla stessa pianta (monoica).

Frutti[modifica | modifica sorgente]

Il Cedrus libani, come tutte le gimnosperme, non ha i frutti ma strobili femminili maturi che sono coni bruni di consistenza legnosa (pigne) che si sfaldano a maturità disperdendo i semi.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Fascia montana a clima fresco, sui versanti esposti a nord dai 1300 ai 3000 metri di altitudine.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Originario del Mediterraneo Orientale, cresce spontaneo nelle montagne del Libano, della Siria e in Turchia meridionale (monti Tauro), è coltivato in parchi e giardini di tutta Europa dalla fine del Settecento.

I cedri universalmente considerati più belli e spettacolari sono quelli che si trovano in Libano, precisamente nella Forest of the Cedars of God. Per la protezione di questa pianta il governo libanese ha istituito tre aree protette: la riserva dei cedri dello Shuf, la riserva di Horsh Eden e la riserva delle foreste di Tannourine.

Esemplari monumentali[modifica | modifica sorgente]

Un esemplare monumentale in Libano

Notevoli sono due esemplari viventi nel Parco Massari di Ferrara di dimensioni e portamento eccezionali con chioma estesa orizzontalmente di circa 15 metri; sempre nel ferrarese a Migliaro, per la precisione nella storica villa del notaio Albertini, vi è un cedro dalla forma e la chioma spettacolari quasi a formare lo zampillo di una fontana. Altri esemplari da segnalare: - il maestoso e suggestivo cedro presente nel chiostro del convento Vincenzio all'isola de La Maddalena (OT). - il cedro presente nel Parco del Convitto Mario Pagano di Campobasso.[senza fonte] - il cedro di notevoli dimensioni l'esemplare dei "Giardini Margherita" a Piacenza - il cedro monumentale presente presso Villa Olmo a Como - il cedro monumentale nei giardini di Villa Melzi a Bellagio - il cedro monumentale nei giardini di CastelBrando a Cison di Valmarino - il cedro di notevoli dimensioni ad Ancona in Piazza Cavour - il cedro della Tenuta Monfalletto-Cordero Di Montezemolo a La Morra (Cn) - Il cedro della piazza Rovereto a Domodossola Alto 35 metri - Il cedro di Villa Piazzo nel comune di Pettinengo (Biella)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica