Bacino endoreico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I principali bacini idrografici del mondo: in grigio le zone endoreiche.
Una immagine del giugno 2006 di ciò che rimane del Lago d'Aral. Fonte: NASA Visible Earth site, http://visibleearth.nasa.gov/.
Vista del Lago Hart, lago endoreico nel deserto Sud Australiano.

Viene chiamato bacino endoreico un bacino imbrifero senza emissari. Solitamente, i bacini endoreici si rinvengono all'interno di vaste aree continentali, tettonicamente stabili, dove depressioni topografiche locali costituiscono un punto di convergenza del reticolo idrico drenante superficiale, con la conseguente formazione di laghi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questi laghi possono anche assumere dimensioni notevoli, nel caso di bacini endoreici molto estesi: esempi attualmente rilevanti sono il mar Caspio, il maggiore lago del mondo (371.000 km2), al centro di un bacino endoreico esteso su svariati milioni di chilometri quadrati che comprende, fra gli altri, i bacini imbriferi dei fiumi Volga e Ural.

La presenza e la quantità d'acqua raccolta nel lago al centro di un bacino endoreico, sono principalmente funzione delle condizioni climatiche della regione entro cui si trova, che condizionano il bilancio fra precipitazioni ed evaporazione. Per questo motivo, questi specchi d'acqua possono manifestare grosse variazioni di superficie, non solo in tempi lunghi nel corso della loro storia, ma anche su tempi dell'ordine di pochi mesi, seguendo variazioni dell'andamento meteorologico stagionale. Lo stesso rapporto fra precipitazioni ed evapotraspirazione governa l'andamento del parametro salinità, che dipende però anche dalla litologia del bacino.

Un esempio di lago interno che ha avuto grosse variazioni di superficie e volume di acqua è il Grande Lago Salato dello Utah, residuo del ben più vasto lago Bonneville che in tempi passati aveva una superficie di più di 10 volte quella attuale;[1] in tempi molto più recenti, grosse variazioni di superficie hanno interessato il lago Ciad, al centro di un bacino endoreico nell'Africa saheliana.

I laghi che costituiscono il centro di un bacino endoreico di ridotte dimensioni, in zone aride o subaride, sono generalmente effimeri, dal momento che scompaiono durante il periodo dell'anno in cui si ha maggiore evaporazione. Esistono casi estremi di bacini endoreici in cui si ha solo eccezionalmente scorrimento di acqua e formazione di laghi, in risposta all'instaurarsi di condizioni climatiche del tutto anormali, come è il caso di alcuni laghi formatisi per alcuni mesi in determinate aree delle Ande peruviane, cilene e boliviane come conseguenza di pesanti e insolite piogge, cadute in aree solitamente aridissime in seguito a episodi di El Nino particolarmente intensi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ USGS Utah Water Science Center: Great Salt Lake

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P. Casati, F. Pace. Scienze della Terra, volume 2 - L'atmosfera, l'acqua, i climi, i suoli. CittàStudi edizioni, Milano, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]