Altopiano iranico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'altopiano persiano o altopiano iranico è una formazione geologica dell'Asia sud-occidentale. Esso è parte della placca euroasiatica, collocato tra la placca indiana e quella araba. È delimitato a ovest dai monti Zagros, a nord dal mar Caspio e dal Kopet Dag, a sud dallo stretto di Hormuz e dal Golfo Persico, a est dal fiume Indo.

Considerato nella sua accezione storica, include la Partia, la Media e la Persia orientale, oltre alle regioni centrali del Grande Iran (comprendenti l'Iran - ad esclusione del Khūzestān -, l'Afghanistan e il Pakistan). I monti Zagros costituiscono il suo confine occidentale.

Dal Caspio nel nord-ovest al Belucistan nel sud-est, l'altopiano iranico si estende per 2000 km. La sua superficie, approssimativamente delineta dal quadrilatero avente come vertici le città di Tabriz, Shiraz, Peshawar e Quetta ammonta a 3700000 km². L'altopiano non ha una superficie regolare, ma è a sua volta attraversato da catene montuose di varia altezza (si va dall'Elburz, che ha il suo massimo picco con il Damavand a 5610 m al Dasht-e Lut, avente un'altitudine media sotto i 300 m).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]