Placca indiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La placca indiana in rosso sulla destra.
Lo scivolamento della placca indiana dovuta alla deriva dei continenti.

La placca indiana è una delle placche tettoniche in cui è divisa la litosfera. Originariamente era parte dell’antico continente di Gondwana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel tardo periodo Cretaceo, circa 90 milioni di anni fa, in seguito alla scissione dal continente Gondwana, la placca indiana si scisse dal Madagascar. Iniziò uno spostamento verso nord, a circa 20 cm all'anno[1], e andò a collidere con la placca euroasiatica tra i 50 ed i 55 milioni di anni fa,[2] nell'Eocene (Cenozoico). Secondo altre ipotesi la collisione avvenne circa 34 milioni di anni fa.[3]

Circa tra i 50 e i 55 milioni di anni fa la placca indiana si congiunse con l'adiacente placca australiana dando vita alla placca indo-australiana. La placca indiana comprende il subcontinente indiano ed una porzione del bacino dell'adiacente oceano Indiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "The fastest continent: India's truncated lithospheric roots"
  2. ^ (EN) The Collision of India and Asia (90 mya - Present), scotese.com
  3. ^ (EN) Jonathan C. Aitchison, Jason R. Ali e Aileen M. Davis: When and where did India and Asia collide?, Journal of Geophysical Research, vol. 112, B05423, 19 pagg., 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]