Amu Darya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Amu Darya
Amu Darya
Tramonto sull'Amu Darya.
Stati Afghanistan Afghanistan
Turkmenistan Turkmenistan
Tagikistan Tagikistan
Uzbekistan Uzbekistan
Lunghezza 2 650 km
Portata media 2 134 m³/s
Bacino idrografico 465.000 km²[1]
Nasce Pamir
Sfocia lago d'Aral
Mappa del fiume

L'Amu Darya (anche Amudarja, Amudar'ja, Amu dar'ja, Amudarya, Amudar'ya, in persiano آمودریا; Darya vuol dire "fiume" in persiano e Amu significa "mare" in turco, in tagico Амударё - Amudaryo) è il fiume più lungo dell'Asia centrale. La sua lunghezza totale è di 2650 chilometri[2] ed è navigabile per oltre 1450 chilometri. Nell'antichità classica, era conosciuto con il nome di Oxus in greco e in persiano Jayḥūn.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

La sorgente si trova nelle montagne del Pamir. Inizialmente prende il nome di fiume Pamir, parte da Zorkul, scorre verso est fino a Ishtragh. Lì gira verso nord e poi verso est nord-ovest attraverso l'Hindu Kush con il nome di Pjandž, marcando il confine tra Afghanistan e Tagikistan e successivamente quello tra Afghanistan e Uzbekistan per circa 200 km, fino a passare da Termez. Segue il confine tra Afghanistan e Turkmenistan per altri 100 km prima di entrare in Turkmenistan presso Kerki.

Come Amu Darya, il fiume scorre attraverso il Turkmenistan da sud a nord, passando Turkmenabat e segnando il confine tra Turkmenistan ed Uzbekistan da Khalkabad. Si divide poi in molti corsi d'acqua che formavano il delta che sfociava nel lago d'Aral, passando Urgench, Daşoguz e altre città, ma, a causa dell'abbassamento del livello del lago il fiume ora non riesce a raggiungerlo e si perde nel deserto; attualmente uno dei più grandi rami del delta, dopo aver irrorato le campagne limitrofe, confluisce nel lago Sarygamysh situato a sud-ovest del lago d'Aral.

Il restringimento del lago d'Aral, iniziato alla fine degli anni cinquanta, è dovuto anche alla diminuzione della portata dell'Amu Darya, dovuta, in particolare, all'uso della sua acqua per irrigazione. Il più grande dei canali che deviano l'acqua dell'Amu Darya è il canale del Karakum. Questo canale, che corre dall' Amu Darya fino al Mar Caspio attraverso il Turkmenistan, è il principale responsabile della carenza d'acqua che il fiume patisce nel suo Delta. Esso è infatti il più grande canale artificiale di irrigazione al mondo per portata d'acqua. Progettato negli anni quaranta, i suoi lavori non iniziarono prima del 1954.

Regime[modifica | modifica sorgente]

A differenza della maggior parte dei corsi d'acqua, l'Amu Darya è caratterizzato da due periodi di piena invece di uno: una piena in primavera, fra aprile e maggio dovuta allo scioglimento delle nevi, la seconda ha inizio in giugno e prosegue nei mesi estivi, è alimentata dalle acque di scioglimento dei ghiacciai per il calore estivo. Talvolta le due piene possono susseguirsi indistintamente, portando a 5 mesi consecutivi di piene. Il fiume in alcuni tratti raggiunge una ampiezza di 1.600 metri, depositando fertili sedimenti lungo le sue sponde.

L'attuale diminuzione della sua portata d'acqua rispetto a tempi passati è dovuta, oltre al prelievo tramite canali per l'irrigazione delle colture agricole, anche alla distruzione per opera dell'uomo delle caratteristiche foreste che crescono rigogliose lungo le sue rive, chiamate tugai, formate da canneti, alberi e arbusti molto fitti, talvolta impenetrabili e larghe dagli 800 m ai 3 km. Dove i tugai sono intatti, essi svolgono un'importante funzione di consolidamento delle rive essendo ben radicati, in questo modo impediscono all'acqua del fiume di spandersi nel deserto, mantenedola nell'alveo.

Portate medie mensili[modifica | modifica sorgente]

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica : Chatly (1931-1973)

Fonte : Amu-Darya Basin - Station: Chatly, UNH/GRDC

Testimonianze storiche[modifica | modifica sorgente]

Documenti storici affermano che in differenti epoche il fiume è sfociato nel lago d'Aral (da sud), nel Mar Caspio (da est) o in entrambi, così come il Syr Darya (chiamato Jaxartes dagli antichi greci). Nel V secolo a.C., Erodoto scriveva: "Il fiume di per sé ha 40 rami; ad eccezione di uno che si getta nel Mar Caspio, tutti gli altri si perdono nelle sabbie." A testimonianza che un tempo confluiva nel mar Caspio attraverso un letto oggi asciutto chiamato Uzboj occidentale. Nel IV secolo a.C., l'esercito di Alessandro Magno impiegò cinque giorni e cinque notti per attraversare il fiume. Alla nascita del Cristianesimo, lo storico e geografo greco Strabone descriveva Amu Darya come il più importante corso d'acqua dell'Asia centrale, il cui ramo principale sfociava nel lago d'Aral.

Il delta dell'Amu Darya visto dallo spazio, novembre 1994.

Affluenti principali[modifica | modifica sorgente]

  • Darya-ye Panj, che scorre in Afghanistan e segna il punto in cui il Pjandž diventa Amu Darya;
  • Zeravšan, che scorre in Tagikistan e Uzbekistan;
  • Surhob, che taglia da nord a sud in Tagikistan;
  • Vahš, al confine tra Uzbekistan e Tagikistan.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Encyclopædia Britannica Amu Darya
  2. ^ Enciclopedia geografica mondiale A-I. Corriere della Sera-Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1995, p. 65

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Deserti e montagne dell'URSS, le grandi distese selvagge, capitolo 4° "il colore del Paradiso", Arnoldo Mondadori Editore, gennaio 1984.